In clima di festa e di famiglia, nel pomeriggio del 27 dicembre 2017, il Rettor Maggiore dei Salesiani, Don Ángel Fernández Artime, ha presentato, nella Casa Generalizia delle Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA), il messaggio della Strenna 2018 “Coltiviamo l’arte di ASCOLTARE e di ACCOMPAGNARE” con l’approfondimento del testo biblico “Signore, dammi di quest’acqua” (Gv 4,15).

La presentazione del Rettor Maggiore è preceduta dalla visione del video della Strenna. Don Ángel introduce il tema della Strenna 2018 affermando che è una scelta che tocca profondamente il “cuore salesiano” e dà rinnovato vigore alla missione che ogni giorno siamo chiamate ad assumere con gioia e speranza. La finalità della Strenna, precisa il Rettor Maggiore, “è metterci in piena sintonia con il cammino della Chiesa che si prepara a celebrare il grande evento della XV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi dal tema: I giovani, la fede e il discernimento vocazionale. La Strenna puntualizza due aspetti di vitale importanza per la realtà mondiale e giovanile in cui siamo immerse e chiamate a servire: l’ascolto e l’accompagnamento.

L’icona evangelica della Samaritana che incontra Gesù illumina questi due aspetti e aiuta a penetrare il valore dell’incontro e dell’accompagnamento come strada che porta alla trasformazione della vita.

Sono tanti i giovani incontrati, sottolinea don Ángel, che hanno un cuore generoso e desiderano servire gli altri, aiutare, donarsi. Giovani che chiedono, a volte in modo esplicito altre volte in modo sotteso, l’aiuto per maturare o iniziare un cammino di fede.

Che cosa aspettiamo? Perché non ci decidiamo ad essere molto più disponibili ad accompagnare tutti i nostri giovani in ciò che è più importante per la loro vita? Che cosa ci frena? Perché “occuparci” o “spendere tempo” in altre cose quando questa è una vera priorità educativa e di evangelizzazione? Sono alcune delle domande che devono interpellarci e su cui bisogna fare una seria riflessione…

Al termine della presentazione Madre Yvonne Reungoat ringrazia il Rettor Maggiore per il dono della Strenna e invita a “decidersi a vivere un accompagnamento autentico con tutti i giovani e le giovani, affinché scoprano il progetto che da sempre Dio ha pensato per loro. L’accompagnamento è reciproco: lasciamoci anche noi accompagnare con apertura di cuore dalle giovani e dai giovani.

La Strenna è una guida sicura che ci prepara, come Famiglia salesiana, a celebrare l’evento del prossimo Sinodo in piena comunione con la Chiesa universale” e conclude con l’invito ad approfondire la Strenna e a farne oggetto di condivisione con i giovani, con la comunità educante, con le persone coinvolte nella missione di annunciare la Buona Notizia.

Fonte: www.cgfmanet.org