Un’avventura incredibile, una storia vera.

Steven Callahan è stato il primo uomo a sopravvivere in mare per oltre due mesi su una scialuppa gonfiabile.

Questo libro è il resoconto della battaglia affrontata e vinta contro un destino che prima lo ha visto naufragare con la sua barca in mezzo all’oceano, poi lottare contro mille avversità per difendere la sua vita. Un crescendo di emozioni che accompagna il lettore in questa sorta di diario di bordo e lo fa entrare in simbiosi con il personaggio e le sue sventure in un crescendo emozioni.
Un lento sopravvivere mentre il tempo scandisce ore sempre uguali e inutili tra sogni e promesse future e ricordi di un passato che bussa alla porta dei rimpianti.

L’intelligenza, l’astuzia e il coraggio di un uomo che non si è mai dato per vinto. Che ci porta a riflettere sulla differenza tra necessita’ e desideri umani, senza mai perdere la speranza.

Incredibilmente reali i disegni che accompagnano il racconto, tra bufere e onde altissime che sconquassano la nave e attacchi di squali, fino al lieto fine. Dopo 76 giorni l’emozione di tornare a ridere, vedere di nuovo colori, sentire profumi, suoni e parole.
Un libro davvero avvincente, una straordinaria storia di un amore conflittuale verso il mare. Amico e unico compagno, fonte di sostentamento ma anche pericoloso interlocutore nel rispetto delle sue leggi.

Dalla preziosa collaborazione con Steven e dalla sua esperienza di vita il regista Ang Lee ha tratto utili insegnamenti sul set per girare il film Vita di Pi.

Leggetelo.