2^ Domenica dopo la Dedicazione

da | 31 Ott 2020 | Commento al vangelo

2^ Domenica dopo la Dedicazione – Anno A

Vangelo di Matteo 13,47-52

Commento di suor Graziella Curti, FMA

 

Gesù, in molti momenti della sua predicazione, si esprime in parabole. Sceglie immagini note alla gente che lo segue. Poveri pescatori che vivono attorno al lago. Li descrive mentre vanno a pescare con un unico scopo: gettare la rete e prendere molti pesci, trascinare la rete sulla spiaggia, scegliere i pesci buoni da portare a casa e gettar via quelli che non servono. La parabola racconta pure la soddisfazione del pescatore, alla fine di un giorno di lavoro stancante e faticoso.

Al termine, il Maestro conclude con la domanda seguente: “Avete capito tutte queste cose?” Loro rispondono: “Sì!” E Gesù termina la spiegazione con un altro paragone che serve a chiarire il suo pensiero “Per questo ogni scriba divenuto discepolo del regno dei cieli è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche”. Il Regno dei cieli è simile a una rete che tira fuori l’uomo dall’abisso e lo porta alla luce. Il discepolo, pescato da Gesù è destinato a diventare pescatore e pescando i fratelli dalla morte, diventa lui stesso figlio.

A questo punto, Gesù paragona il dottore della legge al padre di famiglia. Cosa fa il padre di famiglia? “Estrae dal suo tesoro cose nuove e cose vecchie”. L’educazione in casa avviene mediante la trasmissione ai figli e alle figlie di ciò che i genitori hanno ricevuto ed imparato nel tempo. È il tesoro della saggezza familiare dove sono racchiuse la ricchezza della fede, le usanze della vita e molte altre cose che i figli imparano nel tempo. Gesù vuole ora che nella comunità le persone responsabili della trasmissione della fede siano come il padre di famiglia. Come i genitori sono responsabili della vita in famiglia, così queste persone responsabili dell’insegnamento devono capire le cose del Regno e trasmetterle ai fratelli e alle sorelle nella comunità. E non solo. C’è bisogno di “aprire le porte a Cristo”.

Ancora una volta, in questa parabola, il Maestro fa trasparire, come in filigrana, il volto del Padre, che non segue la regola dello “scarto” nella cernita dei pesci, ma riesce a trovare, nella grande rete che è il suo cuore, un tesoro e a ricuperare cose nuove e cose vecchie. Come già in altri momenti ed eventi, Gesù ci conferma che il nostro Dio non è un inquisitore, ma un padre.

Un ulteriore insegnamento  che ci viene dal Vangelo di oggi lo evidenziava qualche anno fa, durante una catechesi,  Padre Cantalamessa. Il noto predicatore sosteneva l’urgenza di annunciare il Vangelo sostenendo la tesi che la Chiesa e i cristiani nel corso dei secoli si sono adagiati sul ruolo di pastori e non hanno più preso in considerazione quella dei pescatori. Oggi è tempo di ritornare in mare. La nostra vita da cristiani dovremmo giocarcela più nel mare del mondo che nei recinti delle sagrestie. Proprio lì si compirebbe allora il sogno di Papa Francesco: divenire capaci di attrazione, di creare stupore di fronte alla buona notizia del Vangelo.

Grazie, a nome di don Bosco, ai nostri benefattori

di don Angel Fernandez Artime   Anche oggi si rinnova in me la convinzione che in ogni momento lo Spirito di Dio suscita milioni e milioni di persone con un cuore deciso a rendere questo mondo sempre più umano. Per questo voglio ringraziare, a nome di don Bosco,...

Non solo studio

di Daniele Somenzi   Incontro Edoardo, studente universitario, per un colloquio di conoscenza e mi colpisce per una frase che qui parafraso “Se la scuola è il contesto unico su cui vieni valutato come persona e in quel contesto fallisci, allora hai fallito in...

La stanza degli abbracci

Di Paola Belletti   Perché questo tempo non è solo "il tempo del Covid" è soprattutto il presente, il solo che ci è dato a disposizione e l'unico nel quale nutrire e curare le relazioni con le persone che amiamo. In una RSA a Castelfranco Veneto hanno realizzato...

Nella fine è l’inizio

Di suor Cristina Merli, FMA   L’irrompere e il perdurare della pandemia nel mondo è un microscopio per leggere il nostro tempo e un telescopio per guardare più lontano. Il Covid-19 è una catastrofe che ha rovesciato tutti gli aspetti della nostra esistenza: dopo...

Nessuna parola

Di Riccardo Deponti   Sono le 03,50. Sono ancora sveglio nel mio letto, con gli occhi chiusi. Ma non riesco ad addormentarmi... parole, frasi, discorsi mi riempiono la testa... Provo a svuotarla... ma nulla. Accendo il cellulare, e provo a mettere un po' di...

Collegi Universitari, accoglienza e formazione

Di suor Silvana Mascotto, FMA   Il trafiletto ‘Il valore dei Collegi universitari di merito’ comparso su Avvenire del 16 ottobre dentro un’ampia pagina che considerava la sfida di Papa Francesco con un ‘patto educativo globale’, ha permesso di rilevare due dati...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi