3^ Domenica dopo Pentecoste

21 giugno 2020 – Anno A

Vangelo di Giovanni 3, 16-21

Commento di suor Simona Bisin, FMA

 

In questo tempo di incertezze e di paure, in cui tocchiamo con mano la fragilità e vulnerabilità dell’uomo, le parole del Vangelo di questa domenica ci infondono speranza e ci lasciano stupiti e commossi di fronte all’Amore smisurato di Dio Padre: “Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito perché chiunque crede in Lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna”. Sono parole che scaturiscono dal dialogo nella notte tra Gesù e Nicodemo, dialogo che, dopo diverse domande e risposte, raggiunge il suo punto culminante: la rivelazione del Padre che per amore dell’uomo dona il suo Figlio. Questo Figlio disceso dal cielo, morto e risorto, è la dimostrazione dell’amore di Dio per l’uomo, un amore che non toglie nulla alla nostra vita, ma la feconda di vita eterna.

È bello sentire che Dio ama il mondo, questo mondo. Questo mondo che Lui stesso ha creato; questo mondo in cui bellezze e violenze si intrecciano; questo mondo abitato da esseri capaci di creare e di distruggere, questo mondo affidato alla custodia dell’uomo, troppo spesso, però, tradita per sterili interessi e guadagni. Questo mondo Lui l’ha amato così follemente da donarci l’Unico Suo Figlio e, nel rispetto della nostra libertà, ha lasciato che ognuno decidesse se accogliere la Luce, diventando, per fede, Figlio della Luce o continuare a vivere nelle tenebre, rinnegando la Verità. Dio è fantastico: ama questo mondo senza giudicarlo, ma offrendogli una possibilità di riscatto.

Anche noi, come Nicodemo, siamo chiamati a scegliere se “rinascere dall’alto” con la forza dello Spirito o lasciarci catturare dalle tenebre. Anche noi, come Nicodemo, siamo chiamati a credere che siamo salvati dall’Amore di Dio e non dai nostri sterili sforzi. L’amore non è un fare, ma un’accoglienza nella libertà.

Chiara Lubich in questo breve stralcio ci racconta la sua esperienza dell’Amore di Dio:

“Quando si parla d’amore, Signore, forse gli uomini pensano ad una cosa sempre uguale. Ma quanto è vario l’amore! Ricordo che quando t’ho incontrato non mi preoccupavo d’amarti. Forse perché eri Tu che mi hai incontrato e Tu stesso pensavi a riempire il mio cuore. Ricordo che alle volte ero tutta fiamma, anche se il fardello della mia umanità mi dava noia e avevo l’impressione di trascinare il peso. Allora, già d’allora per grazia tua, capivo un po’ chi ero io e chi Tu, e vedevo quella fiamma come un dono tuo. Poi mi hai indicato una via per trovarti. «Sotto la croce, sotto ogni croce – mi dicevi – ci sono io. Abbracciala e mi troverai». Me l’hai detto molte volte e non ricordo le argomentazioni che adducevi. So che mi hai convinta. Allora, al sopravvivere d’ogni dolore, pensavo a te, e con volontà ti dicevo il mio sì… Ma la croce restava il buio che incupiva l’anima, lo strazio che la dilaniava, o altro… Quante sono le croci della vita! Ma Tu, più tardi, mi hai insegnato ad amarti nel fratello e allora, incontrato il dolore, non mi fermavo ad esso, ma accettatolo, pensavo a chi mi stava accanto, dimentica di me. E dopo pochi istanti, tornata in me, trovavo il mio dolore dileguato. Così per anni e anni: ginnastica continua della croce, ascetica dell’amore. Sono passate tante prove e Tu lo sai: Tu che conti i capelli del mio capo, le hai annoverate nel tuo cuore. Ora l’amore è un altro: non è solo volontà. Lo sapevo che Dio è Amore, ma non lo credevo così”. (Chiara Lubich)

Mettiamoci davanti al Crocifisso per contemplare l’Amore gratuito di Dio per noi e nella preghiera chiediamo al Signore che la Sua Parola sia “Luce ai nostri passi” e ci aiuti a generare semplici gesti di fraternità e di cura per i fratelli che ci vivono accanto.

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni il precursore – Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 22, 34-40 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   L’imperativo dell’amore percorre come un filo rosso le letture di questa V domenica dopo il Martirio di S....

26^ Domenica del Tempo Ordinario

26^ Domenica del tempo ordinario - Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 21, 28-31 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Un uomo aveva due figli… Sono due i modi in cui possiamo rispondere a Dio: con il sì, oppure con il no. La parabola che abbiamo ascoltato...

La terra va contemplata e protetta

Francesco prosegue il ciclo di catechesi nel periodo di pandemia riaffermando che “chi vive per sfruttare la natura, finisce per sfruttare la gente”, mentre compito di tutti è custodire il creato “per dare un futuro alle nuove generazioni” Di Adriana Masotti  ...

Le FMA vicine al popolo libanese

Le FMA e le Comunità Educanti dell’Ispettoria del Medio Oriente (MOR) sono vicine alla popolazione libanese colpita dalle esplosioni al porto di Beirut.   (Libano). Il 4 agosto 2020 la zona portuale di Beirut è stata colpita da più esplosioni che hanno distrutto...

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi