3^ Giorno dell’Ottava di Natale

3^ Giorno dell’Ottava di Natale | Festa di san Giovanni Evangelista
Vangelo di Giovanni 21,19c-24
Commento di suor Chiara Papaleo, FMA

 

Che salto del cuore ci chiede questa pagina di Vangelo! Abbiamo appena celebrato la nascita di Gesù e, immediatamente, ci troviamo catapultati oltre la risurrezione, quando il testimone è ormai nelle nostre mani. Eppure, questa scelta della liturgia non è così fuori luogo come ci potrebbe sembrare.

Celebrare il Natale significa davvero accogliere tra le braccia questo Bambino, questo Verbo fatto carne, questo logos fatto carne, questo senso fatto carne, questo motivo fatto carne, questa ragione fatta carne; e leggere questa pagina di Vangelo che invita alla sequela significa decidere che Gesù sia l’unica Parola, l’unico senso, l’unico motivo, l’unica ragione della nostra vita: “A te che importa? Tu seguimi”.

Davanti all’immensità di questo Dio fattosi immensamente povero e immensamente piccolo, potremmo incappare nella tentazione di sentirci inadeguati, di voler essere “come quel mio amico lì, quella vicina di casa là, lui sì che è santo, lei si che sa come si segue Gesù, lei sì che sa pregare… io invece…”. Ed ecco che il Vangelo ci salva e ci mette davanti due discepoli che più diversi di così non potevano essere: uno giovane, l’altro anziano, uno che rappresenta la dinamicità del carisma, l’altro la roccia sicura dell’Istituzione. Giovanni e Pietro.

Pietro dal cuore grande, ma dalla testa un po’ dura, si rende conto che Giovanni è colui che sapeva il segreto del traditore nell’ultima cena, che era entrato al processo di Gesù, che era stato sotto la croce e aveva ricevuto il dono della Madre, che dalla barca riconosce il risorto.

E mi sembra di intuire che quello stesso nostro senso di inadeguatezza aveva invaso anche Pietro, il quale è come se chiedesse a Gesù: “Ma insomma Gesù, io ho capito che devo pascolare il tuo gregge, che sono la roccia su cui si fonda la chiesa, che mi hai dato le chiavi, che posso sciogliere e legare, ma… Cosa devo fare con questo qui? Che è sempre qui con me e mi anticipa sempre, che è più giovane ma capisce tutto e sempre prima di me? Allora devo per forza seguire lui?”. E la risposta di Gesù la conosciamo fin troppo bene con la testa, è il cuore che fa fatica a crederci: “Segui me”: “Tu segui me”. Non devi “seguire” lui, devi “fare” come lui, cioè seguire me”.

E poi c’è quel garbuglio di questioni circa la morte di Giovanni. Ma cosa significa? Sappiamo che Giovanni era il più giovane e, verosimilmente, era probabile che sarebbe morto dopo gli altri, ma qui si parla anche di “ritorno”. Vero è che la prima comunità di cristiani credeva che il ritorno di Gesù nella Gloria sarebbe stato più che imminente, ma qui c’è qualcosa di più profondo: di quale ritorno si sta parlando? Quando il Signore tornerà? Quando il discepolo (ogni discepolo) capirà l’amore del Signore e risponderà a questo Amore con l’amore, con la sua intera vita donata e dedita a questo Amore.

Perché solo attraverso la nostra carne il Verbo può continuare a farsi carne. Il Signore torna, e resta fino alla fine del mondo, quando accettiamo che il suo amore si diffonda attraverso di noi, così come siamo, così diversi come siamo, così impacciati come siamo, così peccatori come siamo.

E, allora, così come il Figlio di Dio si è sentito al sicuro accoccolato al petto della Madre, così il discepolo amato ci mostra quale sia il luogo più sicuro per ogni discepolo: chinato sul petto del Figlio di Dio, per accordarsi al suo stesso battito del cuore.

Buon Natale 2020!

Nulla di romantico: costretti a mettersi in viaggio quando Maria avrebbe bisogno di riposo; locande piene quando ci sarebbe bisogno di un posto caldo ed accogliente dove accogliere il Bambino; notte, freddo, grotta per un evento degno del luogo migliore del mondo per...

Proposte “non” parrocchiali

Di don Andrea Lonardo   Tanti dichiarano che la parrocchia è finita e poi cosa fanno? Continuano a proporre ricette sulla parrocchia e sull’Iniziazione cristiana. Tanti pastoralisti continuano a ripetere lo slogan che la “civiltà parrocchiale” è finita e poi...

Scuola. Salvare il rientro

Cresce il desiderio di studenti e famiglie di tornare alla didattica in presenza. I nodi da sciogliere sono noti. Ma servono criteri adeguati e non centralistici Di Ezio Delfino   Il desiderio degli studenti e l’attesa delle famiglie di tornare a un regolare...

La parte migliore

Di Annalisa Teggi   È morta sabato 12 dicembre, dopo essere stata investita nel tardo pomeriggio: Suor Maria Assunta Porcu era in bicicletta e stava portando un pasto caldo a un senzatetto la cui storia si era presa a cuore. In periferia a Milano Aveva 63 anni e...

Un Arcivescovo “dal basso”

Don Mimmo Battaglia nuovo arcivescovo di Napoli Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell’Arcidiocesi Metropolitana di Napoli (Italia) del cardinale Crescenzio Sepe. Il nuovo Arcivescovo Metropolita di Napoli è Mons. Domenico Battaglia. Don...

“Fano” e il poster della Strenna 2021

Il celebre disegnatore spagnolo Patxi Velasco Fano – in arte, semplicemente “Fano” – già autore del poster della Strenna del Rettor Maggiore per il 2018, è da anni legato da vincoli di stima e amicizia alla Famiglia Salesiana. Saputo che il motto della Strenna per il...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi