7^ Domenica dopo il Martirio di San Giovanni

7^ Domenica dopo il Martirio di San Giovanni il Precursore – Anno A

Vangelo di Matteo 13,3b-23

Commento di suor Simona Bisin, FMA

 

Ogni volta che leggo questo testo Biblico, ringrazio sempre il Signore per l’abbondanza di quella semina. Il mio primo sguardo va al seminatore: “sbadato” o “fiducioso”? mi chiedevo da piccolina e, crescendo, ho capito l’amore esagerato e la speranza che stavano dietro quel gesto apparentemente illogico.

Ringrazio il Signore per aver seminato in quel terreno sassoso della mia fanciullezza quando non avevo ancora quella profondità e costanza capaci di far mettere radici alla Sua Parola.

Ringrazio il Signore per aver seminato sulla strada della mia adolescenza quando non comprendevo la Parola e così altre passioni la portavano via dal mio cuore.

Ringrazio il Signore per aver seminato tra le spine della mia giovinezza quando altre voci attiravano la mia attenzione tanto da soffocare la Sua Parola.

Eppure il seminatore ha continuato con il suo gesto generoso ed ha atteso con fiducia: ha atteso la conversione del mio cuore, ha atteso che i miei occhi potessero vedere e le mie orecchie potessero ascoltare. Ha atteso che quel terreno diventasse terra buona, forse anche grazie a quel seme “sprecato”, terra buona capace di comprendere e di generare frutto.

Ancora oggi, anche se con modalità diverse, questi diversi terreni mi abitano, ma per fortuna quel seminatore  continua a gettare in abbondanza il suo seme e il mio cuore stupito ringrazia.

Il testo Biblico sottolinea che la bontà del seminatore e la potenza del seme devono incontrare la terra buona per portare frutto. Il seminatore attende la libertà di ogni persona perché la Parola si propone, non si impone. Si propone come dono che chiede di essere ricevuto nella libertà, anzi che domanda di essere ricevuto facendoci diventare sempre più liberi.

Inoltre nel testo viene ribadito che non basta ascoltare per far fruttificare la Parola. La terra buona va arata e concimata!

Sottolineo allora tre passaggi che potrebbero essere utili per fare questo cammino. La Parola prima di tutto va accolta nel silenzio e nell’ascolto sapienziale che ci chiede di uscire dai nostri egoismi per dare spazio al confronto nella Verità. Solo così possiamo piano piano arrivare a comprendere sempre più la Parola e a farla diventare luce ai nostri passi. Quanto tempo dedico ogni giorno a questa accoglienza rimanendo in silenzio e in ascolto di fronte alla Parola?

Dopo averla accolta la Parola va custodita richiamandola alla memoria del cuore nel trascorrere dei nostri giorni in modo che possa mettere radici e diventare criterio di discernimento nelle scelte concrete della nostra vita. Riesco a fissare nella memoria del cuore un versetto della Parola di Dio per poterlo richiamare durante la giornata?

Dopo essere stata ascoltata e custodita la Parola deve diventare carne generando atti di carità e di solidarietà verso le persone che ci vivono accanto, soprattutto le più sole. Mi impegno a rendere concreta la Parola che ho meditato anche se mi costa fatica e superamento di me stessa?

Carlo Acutis, dichiarato Beato da Papa Francesco, è testimone vivente che questo cammino è possibile. Carlo ha guardato fisso all’Eucarestia, la sua autostrada verso il cielo, Parola fatta carne, e l’ha fatta diventare non solo la priorità della sua vita, ma la sua vita stessa. Preghiamolo perché ci aiuti nel nostro cammino di santità affinché anche noi possiamo diventare terra buona capace di generare frutto per la vita degli altri.

2^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

2^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno B 17 gennaio 2021 Vangelo di Giovanni 1,35-42 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Il vangelo di questa domenica ci parla dei primi discepoli di Gesù. Il loro itinerario può essere preso come modello della sequela: si...

Presentazione Strenna 2021

Nel pomeriggio del 26 dicembre presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Pontificia Salesiana di Roma è stata lanciata, per la prima volta nella storia in diretta mondiale, la Strenna 2021 del Rettor Maggiore «Mossi dalla speranza: “Ecco, io...

1 Km per la speranza

Di Riccardo Schiavo Roberto Miglio insegna educazione fisica alla Maria Ausiliatrice di San Donato M.se Ammalarsi di Parkinson e vedere, in mezzo al nero, un’opportunità per lanciare un messaggio positivo. Roberto Miglio insegna educazione fisica alla scuola salesiana...

Proposte “non” parrocchiali

Di don Andrea Lonardo   Tanti dichiarano che la parrocchia è finita e poi cosa fanno? Continuano a proporre ricette sulla parrocchia e sull’Iniziazione cristiana. Tanti pastoralisti continuano a ripetere lo slogan che la “civiltà parrocchiale” è finita e poi...

Scuola. Salvare il rientro

Cresce il desiderio di studenti e famiglie di tornare alla didattica in presenza. I nodi da sciogliere sono noti. Ma servono criteri adeguati e non centralistici Di Ezio Delfino   Il desiderio degli studenti e l’attesa delle famiglie di tornare a un regolare...

Buon Natale 2020!

Nulla di romantico: costretti a mettersi in viaggio quando Maria avrebbe bisogno di riposo; locande piene quando ci sarebbe bisogno di un posto caldo ed accogliente dove accogliere il Bambino; notte, freddo, grotta per un evento degno del luogo migliore del mondo per...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi