Cristo è veramente risorto. Alleluia!

A risorgere s’impara. Ma per imparare a risorgere è necessario, prima ancora, imparare a morire. Questo è il senso del cammino quaresimale appena concluso: ognuno dei quaranta giorni – attraverso un progressivo itinerario di conversione – ci ha educato ad accogliere l’evento fondante della nostra fede:

«È risorto, non è qui!». «Cristo è veramente risorto. Alleluia!».

Questo gioioso annunzio che risuona nella liturgia del giorno di Pasqua è come un canto a due cori, unendo nel giubilo il cielo e la terra. È l’esultante invito a lasciarsi coinvolgere e incontrare dal Risorto come singoli, come gruppo, e nell’ambito della comunità ecclesiale/religiosa. La risurrezione di Cristo, cuore dell’annuncio della fede cristiana, rivela al credente che «è un figlio da sempre amato; proclama che la vita è un dono incalcolabile e la storia un cammino, per quanto tortuoso e faticoso, diretto infallibilmente alla casa del Padre; afferma che la fede si fonda su una roccia incrollabile, la speranza è la grande leva che innalza il mondo, la carità è la declinazione dell’amore della Trinità nel nostro quotidiano.

In altre parole, Gesù risorto annuncia all’umanità intera che lui è accanto ad ogni persona smarrita e confusa, fragile e disperata, che piange ed è nel dolore. La sua presenza sconvolgente e insperata vicino a noi indica come passare da una vita egocentrica, consumata per sé, ad una vita aperta, donata totalmente per amore a Cristo e ai fratelli.

Siamo dunque chiamati a vivere «da risorti». E Maria di Magdala è la prima testimone della gioia pasquale». Con lei infatti l’annuncio della risurrezione esplode in modo persuasivo perché è scaturito da un cuore innamorato. La buona notizia del vangelo della Pasqua è stata proclamata prima dalle donne e la loro testimonianza è la pietra angolare di tutta la fede pasquale.

L’esperienza di Maria di Magdala è tuttavia graduale: è proposta come paradigma del cammino che conduce dal buio alla luce, dalla tristezza alla gioia pasquale, dal dolore della separazione alla nuova missione per i fratelli. «Quando ci accostiamo al giardino pasquale per capire “chi cerchiamo” nella nostra vita, troviamo in lei la risposta. Soprattutto nei momenti di assenza e di perdita, il germoglio fiorisce quando ci arrendiamo alla nostra fragilità… Come per lei, anche per noi esiste la possibilità di essere disorientati nel buio e di esultare di gioia per un incontro che ci invita a cercare “un’altra Presenza”» (M. Tondo). Diventa allora fondamentale seguire i suoi passi, i suoi movimenti, soffermandoci sulle parole e sui verbi a lei riferiti nel vangelo di Giovanni. Dietro a tali parole, nella semplicità del racconto, c’è sicuramente un enorme percorso interiore di rinascita, di vittoria sulla morte: un passaggio dall’assenza alla presenza della persona amata; dalla tenebra del mattino non ancora sorto alla luce piena della fede matura che diventa capacità di annuncio; dalla solitudine e dall’isolamento alla comunità dei fratelli; dal pianto alla gioia dirompente, quella di una vita piena della presenza del Signore Gesù, il vivente risorto.

L’esperienza della Maddalena non è altro che la nostra ricerca di Gesù Risorto e Signore, la ricerca verso un’amicizia che non tramonta, verso una pienezza di Dio che sola è capace di riempire il cuore.

L’augurio per questa grande festa vuole essere di movimento e di cammino: la scena del mistero pasquale è in movimento. «Il mattino di Pasqua nessuno si è fermato…, tutti sono in movimento, in cammino», dice Papa Francesco. Le donne, «con il cuore in movimento», corrono a dare la notizia e si incontrano con Cristo. È questo movimento delle donne verso Cristo e di Cristo verso le donne che genera l’incontro. Da qui nasce l’annuncio che verrà trasmesso di voce in voce, di fede in fede, attraverso i secoli. Anche noi con i giovani e le nostre comunità educanti, profeti della Pasqua, annunciamo: Cristo è veramente risorto. Alleluia!

Con questa certezza, Buona Pasqua a tutti!

Sr Maria Teresa Cocco, Ispettrice

Buon Natale 2020!

Nulla di romantico: costretti a mettersi in viaggio quando Maria avrebbe bisogno di riposo; locande piene quando ci sarebbe bisogno di un posto caldo ed accogliente dove accogliere il Bambino; notte, freddo, grotta per un evento degno del luogo migliore del mondo per...

Proposte “non” parrocchiali

Di don Andrea Lonardo   Tanti dichiarano che la parrocchia è finita e poi cosa fanno? Continuano a proporre ricette sulla parrocchia e sull’Iniziazione cristiana. Tanti pastoralisti continuano a ripetere lo slogan che la “civiltà parrocchiale” è finita e poi...

Scuola. Salvare il rientro

Cresce il desiderio di studenti e famiglie di tornare alla didattica in presenza. I nodi da sciogliere sono noti. Ma servono criteri adeguati e non centralistici Di Ezio Delfino   Il desiderio degli studenti e l’attesa delle famiglie di tornare a un regolare...

La parte migliore

Di Annalisa Teggi   È morta sabato 12 dicembre, dopo essere stata investita nel tardo pomeriggio: Suor Maria Assunta Porcu era in bicicletta e stava portando un pasto caldo a un senzatetto la cui storia si era presa a cuore. In periferia a Milano Aveva 63 anni e...

Un Arcivescovo “dal basso”

Don Mimmo Battaglia nuovo arcivescovo di Napoli Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell’Arcidiocesi Metropolitana di Napoli (Italia) del cardinale Crescenzio Sepe. Il nuovo Arcivescovo Metropolita di Napoli è Mons. Domenico Battaglia. Don...

“Fano” e il poster della Strenna 2021

Il celebre disegnatore spagnolo Patxi Velasco Fano – in arte, semplicemente “Fano” – già autore del poster della Strenna del Rettor Maggiore per il 2018, è da anni legato da vincoli di stima e amicizia alla Famiglia Salesiana. Saputo che il motto della Strenna per il...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi