Domande degli studenti

Di Marco Pappalardo

All’inizio di ogni ora chiedo alla classe se ci sono domande: quelle inerenti all’argomento del giorno o alla materia in generale hanno subito una risposta, quelle più generali le rimando per gli ultimi cinque o dieci minuti; l’impegno è sempre di rispondere a tutte le questioni e, dove necessario, riprendere e approfondire in un altro momento.
Le seconde sono le più disparate e spesso toccano temi dell’adolescenza, sul senso della vita, su qualcosa che riguarda gli studenti personalmente ma che in quell’occasione desiderano condividere o generalizzare, come quando cominciano col dire “ad una mia amica è successo questo…” oppure “se una persona si trova in una certa situazione…”; è chiaro che si riferiscono ad altri ma parlano di sé.

Qualcuno potrà pensare che è un modo per perdere tempo, per rubarlo alla lezione – fossero pure quei cinque o dieci minuti – eppure è una grande opportunità educativa fatta di confronto, di formazione, di studio, non poche volte arricchita da riferimenti letterari. In questi giorni, per esempio, emergono in un bel secondo anno domande sulla fatica dello studio, forse frutto della normale stanchezza del periodo, certamente ricorrenti in molte generazioni. Non si tratta di lamentele o di non voler studiare, poiché dai toni, dagli sguardi, dai modi, dagli argomenti portati, si nota una certa maturità e passione. Inoltre gli studenti si esprimono un po’ tutti, da chi ha i voti più alti a coloro che tengono la sufficienza, segno di un “male di vivere” che la scuola non può non considerare.

Le risposte più semplici potrebbero essere “tutti abbiamo studiato e fatto fatica”, “non siete i primi e non sarete gli ultimi”, “all’università o nel mondo del lavoro sarà peggio”, ma rischiano di essere banali e generiche, oltre che alzare quasi un muro. Sono più interessanti le loro affermazioni e gli interrogativi come “va bene studiare tanto, ma perché alcuni prof. ci devono mettere ansia?” o “sono ai primi anni e già ho dovuto abbandonare lo sport e gli hobby, poiché non riesco a far bene tutto” oppure “io cerco di coltivare tutte le mie passioni e di studiare al meglio però poi crollo” e ancora “come fare a studiare tutto se ogni prof. crede che esista solo la propria materia caricandoci di compiti e persino dicendoci ‘che impegni avete il sabato pomeriggio e la domenica!’”.

L’interrogativo comune è “ma voi prof. vi siete dimenticati di essere stati studenti”?

Dare risposte significative non è facile, sicuramente è necessario ascoltarli e mettersi – da prof. – in discussione, non per abbassare il livello o per accontentarsi del minimo, bensì per trovare nuovi stimoli e strategie che aiutino a vivere lo studio come una risorsa e non come un ostacolo per la loro vita.

Sono tanti gli anni di studio, ore e ore di applicazione in aula e a casa per chi si impegna davvero, tanto da non poter trascurare l’impatto con la socialità e la felicità degli adolescenti.

Sono in gioco le relazioni e lo star bene, non valutazioni e voti, soprattutto come oggi dentro la scuola e con lo studio a casa realizzano se stessi e costruiscono ciò che sono chiamati ad essere.

2^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

2^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno B 17 gennaio 2021 Vangelo di Giovanni 1,35-42 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Il vangelo di questa domenica ci parla dei primi discepoli di Gesù. Il loro itinerario può essere preso come modello della sequela: si...

Presentazione Strenna 2021

Nel pomeriggio del 26 dicembre presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Pontificia Salesiana di Roma è stata lanciata, per la prima volta nella storia in diretta mondiale, la Strenna 2021 del Rettor Maggiore «Mossi dalla speranza: “Ecco, io...

1 Km per la speranza

Di Riccardo Schiavo Roberto Miglio insegna educazione fisica alla Maria Ausiliatrice di San Donato M.se Ammalarsi di Parkinson e vedere, in mezzo al nero, un’opportunità per lanciare un messaggio positivo. Roberto Miglio insegna educazione fisica alla scuola salesiana...

Proposte “non” parrocchiali

Di don Andrea Lonardo   Tanti dichiarano che la parrocchia è finita e poi cosa fanno? Continuano a proporre ricette sulla parrocchia e sull’Iniziazione cristiana. Tanti pastoralisti continuano a ripetere lo slogan che la “civiltà parrocchiale” è finita e poi...

Scuola. Salvare il rientro

Cresce il desiderio di studenti e famiglie di tornare alla didattica in presenza. I nodi da sciogliere sono noti. Ma servono criteri adeguati e non centralistici Di Ezio Delfino   Il desiderio degli studenti e l’attesa delle famiglie di tornare a un regolare...

Buon Natale 2020!

Nulla di romantico: costretti a mettersi in viaggio quando Maria avrebbe bisogno di riposo; locande piene quando ci sarebbe bisogno di un posto caldo ed accogliente dove accogliere il Bambino; notte, freddo, grotta per un evento degno del luogo migliore del mondo per...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi