Esperienze belle

di Marco Pappalardo

Nel tempo dei viaggi d’istruzione a scuola, di ritorno da Milano e dai luoghi manzoniani, mi piace raccontarne delle belle!

Ma “belle” nel senso positivo, poiché a volte queste esperienze si tingono di aspetti negativi e di ritorno si è più scontenti e meno disponibili per l’anno successivo a ripeterle.

Sicuramente è fondamentale la preparazione, sia quella degli studenti partecipanti, sia quella dei docenti accompagnatori, sia quella dell’itinerario e delle tappe in sintonia con l’agenzia di viaggi. Qui vale davvero il proverbio “chi ben comincia è a metà dell’opera”! Certo gli imprevisti ci saranno e ci sono stati pure nel nostro caso, ma quando tutto è ben oleato anche questi si affrontano e si superano, ed in alcuni casi possono persino essere ‘imprevisti’ previsti.
Infatti, capitato una volta di aver trovato in un ristorante una barriera architettonica non comunicata prima nonostante la segnalazione per tempo della presenza di uno studente con disabilità, ci si è tutti subito attivati per prevenire il disagio una seconda volta e alleviare il problema il più possibile sul momento.

In tal senso sono stati straordinari diversi compagni di classe, che, dove gli adulti hanno posto muri, essi sono stati capaci di creare ponti, e, quando necessario, sollevandolo per fare un po’ di gradini fuori posto.

E visto che parliamo degli studenti – 43 ragazze e ragazze di secondo anno – mi piace ricordare le parole di una ristoratrice dopo un pranzo: “Prof., siete voi bravi o sono bravi i ragazzi? Sa, abbiamo avuto gruppi rumorosi e dannosi, tanto che hanno fatto scappare alcuni clienti infastiditi dagli eccessi durante il pranzo; così stamani temevamo, invece oggi i clienti ci hanno chiesto chi foste e da dove proveniste. Niente urla, tutti seduti, nessuno spreco di cibo, saluti e sorrisi per noi, nessuna parola volgare!”.

Naturalmente ringrazio di cuore e dico che insieme siamo una bella squadra, lasciandomi sfuggire una battuta essendo proprio su uno dei rami del lago di Como: “Siamo anche bravi, ma non quelli de ‘I promessi sposi’!”. Se “una rondine non fa primavera”, più d’una sì, e per noi è il caso di dirlo, poiché siamo stati elogiati persino dai gestori di due self service, luoghi molto affollati e con ritmi frenetici, dove lo stile dei nostri alunni non è passato inosservato per l’ordine, la pulizia, la cordialità.

Infine, le parole dell’ottimo autista del pullman dopo cinque giorni di viaggi: “Non mi era mai capitato in occasione di gite come queste, con più di vent’anni di servizio, di dover passare l’aspirapolvere solo per ammazzare il tempo, nonché di non dover mai chiedere al docente di far stare seduti e ordinati gli studenti durante i tragitti”.

Forse qualcuno si chiederà il perché di quello che può sembrare un panegirico; nessuna incensazione, solo una scelta educativa vincente nata dalla domanda di un alunno: “Prof., perché quando ci comportiamo male e persino in anticipo ci rimproverate sempre, mentre quando ci comportiamo bene, non ci dite niente di buono?”.

 

4^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

20 settembre 2020 – Anno A VANGELO di Giovanni 6, 24-35 Commento di suor Chiara Papaleo, FMA   Il clima di questa pagina di Vangelo sembra quasi fare da eco a quella della Samaritana, con la differenza che al capitolo IV era messa a tema l’acqua e la sete insita...

25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A Vangelo di Matteo, 20, 1-16 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi