Giuditta ha sposato un ex-detenuto

Può il carcere essere il luogo dove ritrovare sé stessi?

Incontro all’IMA di Lecco con Giuditta Boscagli

Dar da mangiare agli affamati, 
vestire gli ignudi, 
visitare i carcerati: opere di misericordia. 

Che ne abbiamo fatto? Ce le hanno insegnate quando eravamo bambini, poi siamo cresciuti e le abbiamo accantonate, dimenticate, cancellate. Ci voleva papa Francesco per ‘rispolverare’ bene la memoria e il cuore, per assumerle con responsabilità in prima persona e ripensare la vita.

A ‘ripensare la vita’ e a rivedere i nostri schemi ci ha aiutato Giuditta Boscagli, nata a Lecco nel 1982, laureata in Lettere Moderne e in Scienze Storiche presso l’Università degli Studi di Milano; dal 2006 insegna lettere negli Istituti di istruzione secondaria superiore della sua città.

IMA-Giuditta-Boscagli

L’abbiamo invitata a raccontarci l’avventura che lei ha vissuto sulla sua pelle perché non ha mai abbandonato “quel giovane che non era il mostro di cui avevano parlato i giornali”. Quel giovane che scrive di sé: “Ero male, vivere senza regole, senza limiti e senza volermi bene mi ha portato all’autodistruzione e alla distruzione di tutto quello che avevo intorno”. Il giorno della sentenza le parole del giudice erano risuonate come fucilate: 20 anni di carcere.

Dalle piccole idiozie, quelle che fanno tutti i ragazzi per sentirsi grandi, per provare cose nuove, prima le sigarette, poi le canne, poi l’alcool, poi le risse accese, poi gli stupidi furtarelli, all’affare di droga e, alla fine, alla rovina di tre famiglie intere.

Giuditta incontrò quel giovane, la prima volta, per caso o, meglio, per un disegno della Provvidenza, al Meeting di Rimini. Lo vide e ne restò folgorata. Bellissimo! Due occhi buoni. Non sapeva ancora che era un detenuto, ma non lo abbandonò più.
“L’aveva scombussolato e, paradossalmente, l’aveva anche rasserenato “.
Per un certo tempo solo poche parole, qualche sguardo intenso, rare telefonate, molte, moltissime lettere in cui Pietro si descriveva con una disarmante sincerità. Niente maschere, niente sotterfugi, niente mezzi termini. Non avrebbe nascosto nulla della sua travagliata storia alla donna che, trovata sui suoi passi, poteva diventare la compagna della sua vita. Le avrebbe raccontato perché era finito in quel posto orribile. Per rifiorire ci voleva solo una grande sincerità e una grande fiducia, una grande volontà di ricostruire. Innamorata di un detenuto? Una pazzia. Ma lei era ben decisa a non mollare, ad affrontare difficoltà – e molte – pregiudizi, timori, interrogativi, dubbi, vertigini. Si può dare fiducia a un detenuto ? E’ possibile riprendersi in mano la vita dopo aver commesso un delitto ?

Ad accompagnarla nel suo cammino di ricerca difficile e intensa, sofferta e molto pregata, alcuni sostegni:

  1. – quel giovane dagli occhi buoni, sincero incredibilmente tanto;
  2. – i tanti amici con cui si confrontava e che la incoraggiavano;
  3. – la famiglia, dapprima molto combattuta, molto sofferente, ma poi in piena ‘accoglienza’ di una storia… strana;
  4. – il lavoro;
  5. – la forza della fede: il Signore doveva fare luce sulla sua strada, doveva precederla, doveva accompagnarla perché potesse capire che cosa voleva da lei, dalla sua vita. E il Signore c’era davvero, a volte in modo chiaro, quasi sempre in modo misterioso.

 

Giuditta aveva il suo chiodo fisso: ogni uomo, anche nell’esperienza peggiore, merita una seconda possibilità. “Nessuno è perduto, nessun sbaglio è tanto grande da non poter essere perdonato”. Si può cambiare, certamente sì. “Non ho cercato il carcere, non sono andata alla ricerca di una storia d’amore complicata, di una situazione fuori dal comune: sono sempre stata davanti agli eventi con curiosità e disponibilità: Dio ha fatto il resto”

Grazie Giuditta, sei grande, sei coraggiosa, ti sei fidata della vita, e non poco. Complimenti! Non ti dimenticheremo. Dani e Giuli

Giuditta Boscagli racconta la sua storia a “Sulla via di Damasco” RAI2

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Il-cuore-oltre-le-sbarre-200

Anno: 2014 – 176 pagine

Mai più morire soli

Di Giovanni Marcotullio Un regalo di Natale passato forse inosservato è il protocollo che un tavolo tecnico molto assortito ha proposto alla Regione Toscana: la delibera che ha fatto proprio il protocollo ha permesso l'avvio di una procedura che permette ai parenti di...

3^ Domenica dopo l’Epifania – Anno B

3^ Domenica dopo l’Epifania – Anno B 24 gennaio 2021 Vangelo di Matto 14, 13b-21 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   La pericope proposta nella liturgia odierna si colloca nel Vangelo di Matteo, nella sezione narrativa che separa il Discorso in Parabole dal...

3^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

3^ Domenica del Tempo Ordinario - Anno B 24 gennaio 2021 Vangelo di Marco 1, 14- 20 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Le letture di questa domenica mi suggeriscono un percorso in tre passi: il cammino; la conversione; la meta.   1. Il cammino Ad un primo...

Laura Vicuña generatrice di vita

Di suor Anna Maria Dacrema, FMA     Desidero presentarvi Laura, una ragazza che sogna, gioca, ride, ama, soffre e prega. Una giovane alunna che studia, lavora, dialoga con l'amica del cuore e condivide le sue esperienze con i Salesiani e le suore della...

Custodire la fragilità

LE POCHE COSE CHE CONTANO oggi, in educazione   di Suor Cristina Merli, FMA     Nei momenti di crisi, se ci si lascia toccare da ciò che accade, si diventa più essenziali, si scopre ciò che è indispensabile e si impara a lasciar andare ciò che è...

Non di solo studio…

Di Daniele Somenzi   Come organizzare studio e vita sociale nel quotidiano dei ragazzi? E’ una domanda che ci siamo posti tante volte, perché l'organizzazione è un punto fondamentale della missione di “Parole Insieme”. Per questo lavoriamo tanto nel pensare i...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi