Il presepe, testimonianza del dialogo interculturale

Presepe, simbolo di pace, emblema dell’integrazione, è al centro di numerosi dibattiti e prese di posizione, non sempre aperte al dialogo.

Alcuni dirigenti scolastici, seguendo la dottrina della “tolleranza”, avrebbero vietato, nelle rispettive sedi, la celebrazione del Natale “tradizionale”, sostituendolo con una più laica “Celebrazione dell’inverno”, capace, secondo loro, di superare le barriere religiose che si
frappongono tra studenti di nazionalità diverse.
Prima di attaccare frontalmente e strumentalizzare politicamente quanto accaduto, come hanno già fatto sedicenti politici di opposti schieramenti, ritengo giusto passare in rassegna le motivazioni che supportano queste decisioni e proporre una visione “laica” del presepe.
Una delle obiezioni più ricorrenti alla celebrazione di feste religiose è il rispetto delle fedi religiose di tutti.

“Rispetto”, cosa vuol dire? L’etimologia latina può aiutare: respectus deriva dal verbo respicio, che significa, in prima battuta, “voltarsi per guardare”, che traslato figurativamente, diviene “prendersi cura di qualcuno”.

Il presepe non è forse il simbolo dell’attenzione rivolta a qualcuno?
Tutti i personaggi sembrano fare a gara per venerare il Santo Bambino, per prendersi cura di lui; al di là del senso religioso, chi non riuscirebbe a vedere in un neonato il miracolo della vita e la debolezza intrinseca all’umanità che si apre alla vita?

Nel presepe si nasconde l’idea stessa di comunità familiare, di relazione che supera ogni difficoltà, ogni ostacolo che si pone per la realizzazione personale e sociale: basta ricordare che la Santa Famiglia, secondo i Vangeli, è stata cacciata dalle locande e ha trovato riparo in un luogo di fortuna (stalla o grotta non è importante…).
Non è forse il dramma che vivono il profugo, gli ultimi della società, gli emarginati?
È una valutazione soltanto religiosa?

Un altro esempio: la venuta dei Magi; quale segno più grande ed esplicito di intercultura esiste, se non l’incontro delle diverse popolazioni verso il Cristo?

Uno sguardo laico – mai laicista – non può prescindere da questo simbolo di apertura al mondo; i Re Magi non erano Ebrei, eppure entrano a contatto col popolo eletto e, attraverso una cultura totalmente diversa dalla loro, scoprono il senso della vita.
Senza il contatto con gli Ebrei, senza quest’osmosi, i Magi non avrebbero mai trovato Gesù, infatti, la Stella, che li accompagnava, ricompare solo dopo il dialogo con i sapienti di Israele. Il presepe, dunque, ci richiama ad un qualcosa di più alto rispetto alla semplice tradizione, in esso sono racchiuse le coordinate che hanno garantito al mondo occidentale lo sviluppo delle sue potenzialità di dialogo e di riconoscimento dei diritti.

Chi avversa il presepe, propone argomenti in evidente contraddizione con lo stesso rispetto delle fedi altrui; e meraviglia, d’altro canto, che coloro che difendono questa tradizione, sono totalmente contrari a qualsiasi forma di integrazione.
Abbiamo perso il senso cristiano dell’Europa, siamo in aperta antitesi tra la realtà e la finzione politica: pur di raccogliere qualche voto, si strumentalizza il segno stesso della concordia.

Pensiamo solo che, colui che ha inventato il presepe, San Francesco è lo stesso che, qualche anno prima, era stato accolto dal sultano Malek al-Kamel.
Riflettiamo se questo non sia autentico dialogo interreligioso…

Andrea Miccichè

Presentazione Strenna 2021

Nel pomeriggio del 26 dicembre presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Pontificia Salesiana di Roma è stata lanciata, per la prima volta nella storia in diretta mondiale, la Strenna 2021 del Rettor Maggiore «Mossi dalla speranza: “Ecco, io...

1 Km per la speranza

Di Riccardo Schiavo Roberto Miglio insegna educazione fisica alla Maria Ausiliatrice di San Donato M.se Ammalarsi di Parkinson e vedere, in mezzo al nero, un’opportunità per lanciare un messaggio positivo. Roberto Miglio insegna educazione fisica alla scuola salesiana...

Proposte “non” parrocchiali

Di don Andrea Lonardo   Tanti dichiarano che la parrocchia è finita e poi cosa fanno? Continuano a proporre ricette sulla parrocchia e sull’Iniziazione cristiana. Tanti pastoralisti continuano a ripetere lo slogan che la “civiltà parrocchiale” è finita e poi...

Scuola. Salvare il rientro

Cresce il desiderio di studenti e famiglie di tornare alla didattica in presenza. I nodi da sciogliere sono noti. Ma servono criteri adeguati e non centralistici Di Ezio Delfino   Il desiderio degli studenti e l’attesa delle famiglie di tornare a un regolare...

Buon Natale 2020!

Nulla di romantico: costretti a mettersi in viaggio quando Maria avrebbe bisogno di riposo; locande piene quando ci sarebbe bisogno di un posto caldo ed accogliente dove accogliere il Bambino; notte, freddo, grotta per un evento degno del luogo migliore del mondo per...

Un Arcivescovo “dal basso”

Don Mimmo Battaglia nuovo arcivescovo di Napoli Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell’Arcidiocesi Metropolitana di Napoli (Italia) del cardinale Crescenzio Sepe. Il nuovo Arcivescovo Metropolita di Napoli è Mons. Domenico Battaglia. Don...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi