La scuola salesiana delle Figlie di Maria Ausiliatrice

Se Don Bosco e Maria Mazzarello non avessero avviato le loro scuole con un certo stile, bisognerebbe farlo ora, per i nostri bambini, ragazzi e giovani spesso “orfani” di adulti significativi e quindi di affetto, di indicazioni, di sostegno per la loro crescita.

Per fortuna da quasi 150 anni la scuola delle FMA è una bella realtà che, per più di 200 giorni all’anno, accoglie e porge a chi la frequenta il pane dell’istruzione e della cultura, offre l’abbraccio accogliente di Figlie di Maria Ausiliatrice, di laici, donne e uomini innamorati dell’educazione che sanno risvegliare, promuovere, stimolare quel tesoro che ciascuno porta dentro di sé, come segno dell’amore di Dio.

In Italia si contano 133 sedi scolastiche, in sedici Regioni,  che vanno dalla Scuola dell’Infanzia alla secondaria di secondo grado, con attività di studio e di ricerca, di formazione e di collaborazione. Sono realtà vive, che resistono all’indifferenza e alle crisi di  vario  genere, perché continuano a credere che la scuola è un grande servizio all’uomo: toglie dall’ignoranza, sviluppa i doni che Dio ha dato a ciascuno, permette di acquisire strumenti per la vita, educa a pensare, a scegliere, a comunicare, a mettersi in relazione.

È una bellissima missione!

La scuola salesiana delle FMA non è una fabbrica dove si sfornano modellini perfetti, ma è piuttosto una bottega di artigianato, un centro di artisti entusiasti di ogni giovane,  a cui si impegnano ad offrire opportunità di confronto, di ricerca, di gioia, di relazioni improntate alla fiducia, alla sapienza e alla gentilezza.

La scuola esige aggiornamento, fedeltà ad un compito; esige tenacia e costanza. È un campo di duro lavoro. Bisogna “avere fiato” per andare avanti, ma è una gran bella avventura! Così che, chi ci crede in questi anni ha dato vita a tante buone prassi, a tanta innovazione didattica per incontrare il “punto accessibile” di ogni alunno, sia egli in difficoltà o un’eccellenza.
La normativa scolastica, le riforme, la parità non riconosciuta, la diffidenza che qualcuno nutre verso le “scuole delle suore” non ci hanno ancora scoraggiato perché crediamo fermamente che la scuola è l’ambiente che più d’ogni altro si prende a cuore ogni alunno a partire dal punto in cui si trova per fare insieme un cammino intellettuale, umano, spirituale.
Un cammino che oltre tutto dà bellezza per prima alla vita dell’educatore.

Vogliamo continuare a credere che la Provvidenza è vicina in questo impegno e  per questo ci prepariamo a raccontare, attraverso gli open day, il  molto bene che si semina ogni giorno attraverso l’azione della scuola, il generoso dono di intelligenza, di creatività e di servizio che la scuola delle FMA mette ogni giorno in atto.

 Sr Marilisa Miotti

Ci baciamo a settembre

Di suor Cristina Merli   Quando Marco Erba incontra i ragazzi li tiene incollati alle parole e alla vita che racconta. Oggi sono quegli stessi ragazzi che tengono incollati noi alle pagine di Ci baciamo a settembre, libro che, finalmente, dà voce al loro punto di...

La volta buona

Di Aldo Artosini   Bartolomeo è uno dei tanti procuratore di calciatori che solcano i campi sportivi. Dopo anni in cui le cose gli giravano bene, ora vive di espedienti e piccoli imbrogli. È in grande difficoltà economica; è stato lasciato dalla moglie, che gli...

Debbie Phelps: la forza di una mamma

Di Annalisa Teggi   Lo scorso 30 giugno ha compiuto 35 anni ed è il campione olimpico più vincente di sempre: 28 medaglie, di cui 23 d’oro. Ha conquistato anche il record di aver ottenuto il maggior numero di medaglie in una singola Olimpiade, e sono gli 8 ori...

Ragazzi buoni e ragazzi cattivi?

Di Emilia Guarnieri   Forse non ce lo aspettavamo, perché per un paio di mesi non li avevamo sentiti, o meglio, ognuno aveva sentito quelli che gli erano più vicini. Gli insegnanti avevano provato a sentirli tutti, tutti quelli delle loro classi. Non ci...

No al multitasking

Di Annalisa Teggi   Il tempo è nostro alleato, un dono prezioso, eppure proprio l’illusione di fare più cose contemporaneamente ce lo fa percepire come nemico. Ecco una strategia semplice per arginare la frenesia e per dare valore a ogni cosa.   Essere...

Ennio Morricone

Ennio Morricone: «La mia musica illuminata dalla fede»   di Vik van Brantegem   Addio al grande compositore, morto nella notte per le conseguenze di una caduta. Nell’intervista che ha rilasciato a Vito Amodio nel 2015 per Famiglia Cristiana, raccontò...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi