L’ordinario che passa inosservato

Le elezioni dei rappresentanti di classe e di Istituto: un primo vero momento di riflessione e azione “politica”

C’è un ordinario nella scuola che a volte passa inosservato, piccoli gesti quotidiani, relazioni, attività di routine che emergono solo se per qualche motivo fanno rumore, diversamente non ci si sofferma più di tanto.

Mi riferisco, per esempio, alle elezioni dei rappresentanti di classe degli studenti, da svolgere ogni anno nello stesso periodo, che sono un primo vero momento di riflessione e azione “politica”, nonché un esercizio di democrazia.

C’è chi si tira indietro, chi non ne vuole sentire parlare, chi vorrebbe candidarsi ma è timido, chi è troppo sfacciato, chi ci tiene davvero per sé e chi vuol farlo per i compagni.

Sembra poco, ma è una responsabilità e da docente mi sento chiamato a valorizzare quanti si mettono in gioco e non certo per mandarli di qua a di là a svolgere “commissioni scolastiche” da fattorini del prof!

Nei rappresentanti vedo degli studenti che hanno a cuore, insieme ai libri e allo studio, anche la vita della classe e della scuola; vedo “alleati” possibili per coinvolgere tutti e particolarmente chi si tiene a distanza nella classe; vedo l’opportunità di rendere visibile e concreta quella cittadinanza attiva, responsabile e alla ricerca del bene comune, di cui tanto di parla e si legge; vedo la necessità di dargli la giusta autonomia nello svolgere questo servizio, lasciando fare ed incoraggiando, facendo un passo indietro e assicurando che ci sono al bisogno.

Più solenni sono, invece, le elezioni dei rappresentanti d’istituto, vissute come una vera e propria campagna elettorale, tra propaganda, comizi, volantini, promesse e speranze.

È un contesto molto interessante e mi piace ascoltare il modo in cui si presentano ai compagni scuola, curando per quel giorno il look, preparandosi il discorso da fare, muovendosi insieme al gruppo di sostegno, esercitando l’oratoria e la retorica. Per qualcuno c’è davvero il sogno di essere un politico vero, per altri solo un assaggio, per altri ancora la ricerca della visibilità e del successo personale, per pochissimi – fortunatamente – il cattivo odore dei peggiori politici.

Ci sono pure le elezioni dei rappresentanti dei genitori, peccato che la partecipazione lasci a desiderare a volte!

L’impressione è che più i figli crescono e passano negli ordini superiori della scuola, meno ci si faccia presenti, come se non ne avessero più bisogno; se da un lato sembra voler dire “ormai sono grandi e possono cavarsela da soli”, dall’altro non ci sono scuse per non accompagnare gli adolescenti nell’età più delicata e critica della propria vita.
La scuola cammina ogni giorno grazie all’intesa di tutti ed è efficace quando ciascuno fa la propria parte, soprattutto nel momento in cui gli adulti della situazione, insieme, crediamo in un ambiente educativo e formativo dove è piacevole passare così tanto tempo; in cui ci si confronta sulle debolezze non come in un tribunale o in un talk show, bensì come in una vera famiglia che sa di non essere perfetta ma tende a migliorarsi per il bene maggiore che sono i figli.

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi