Medaglia matematica ad un italiano

Ora che un giovane italiano ha vinto la “Medaglia Fields”, il premio più prestigioso nell’universo della matematica, una sorta di “Nobel”, cosa diranno tutti quelli che attaccano di continuo la scuola e l’università italiana?

Stando dentro questo logico e magico mondo, possiamo affermare che i numeri positivi, al contrario, ci sono tutti! Certo “una rondine non fa primavera”, ma è un ottimo inizio per rileggere e riformulare dati e statistiche, proprio quest’ultimi beffati da una variante inaspettata.

Che ci vogliamo fare? Siamo abituati a farci del male e a gettare fango su noi stessi, a guardare in negativo dovunque. Ci lamentiamo se i risultati sono bassi ma pure quando sono alti, come se ci fosse sempre qualcosa che non va: se uno studente risolve tutti i problemi del compito di matematica, probabilmente avrà copiato; se la traduzione di una versione di latino è perfetta, sarà stata scaricata dal web; se alla fine degli esami di maturità ci sono troppi 100, la commissione è stata eccessivamente benevola o magari hanno vinto le raccomandazioni.

Non è invece possibile che i nostri studenti siano davvero preparati, bravi e studiosi?
Non ci viene in mente di aver svolto un buon lavoro in classe o in aula e dunque di averli formati ottimamente?

Senza tenere la testa sotto la sabbia e con i piedi saldi in terra, da insegnanti tocca lavorare con uno sguardo diverso sulla realtà, sull’insegnamento e sugli studenti; vale per la scuola e per l’università! Puntiamo in alto, poiché offrendo il meglio, spingeremo a spiccare il volo per ottenerlo; se anche i docenti ci rassegniamo e  accontentiamo del “quanto basta”, chi darà la spinta necessaria? Offriamo a tutti questo meglio, non solo a pochi privilegiati o eletti, così maggiori saranno le possibilità di arrivarci e comunque tanti supereranno la soglia più bassa.
Scendiamo dai piedistalli, ricordiamoci di essere stati studenti, teniamo l’umiltà necessaria, perché la passione per lo studio non passa attraverso la superbia, anzi al contrario passa la voglia! Consideriamo i limiti, mostriamo agli studenti come si fa a conoscerli, affrontarli e oltrepassarli, lavorando sulla puntualità, la fatica, l’impegno, la costanza, i compiti per casa, la responsabilità, la tenacia, il coraggio, la spirito di squadra, la costanza, la ricerca, le relazioni umane significative.

Lavoriamo consapevoli che certe medaglie sono solamente per alcuni, in fondo è così dovunque, ma che non esiste unicamente il primo posto e che il singolo spesso raggiunge la vetta, taglia il traguardo, sale sul podio più alto grazie alla collaborazione di tanti altri. Qualcuno dirà che il nostro “genio della matematica” insegna all’Università di Zurigo, l’ennesimo cervello in fuga!

A me piace pensare che, come alcune straordinarie opere d’arte italiane si trovano negli migliori musei del pianeta e quei musei non sarebbero tali senza di esse, così all’estero godono delle nostre più grandi menti e questo può solo essere motivo di orgoglio non di lamentela, poiché la bellezza, la bontà, la genialità non devono essere tenute strette per sé e nascoste, bensì condivise e universalizzate.

Marco Pappalardo

4^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

20 settembre 2020 – Anno A VANGELO di Giovanni 6, 24-35 Commento di suor Chiara Papaleo, FMA   Il clima di questa pagina di Vangelo sembra quasi fare da eco a quella della Samaritana, con la differenza che al capitolo IV era messa a tema l’acqua e la sete insita...

25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A Vangelo di Matteo, 20, 1-16 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi