Nuova vita sul Web oltre Babele

«Hate speech» e «fake news»?
Martina Pastorelli spiega il progetto #digitaletica per tornare a capirsi in Rete

Un’occasione o un problema? Tutt’ e due. Ma soprattutto un invito alla consapevolezza, che si acquisisce con la formazione. La comunicazione digitale – e i suoi strumenti, smartphone in testa – sta risvegliando anche nel mondo cattolico risorse e idee per affrontare le grandi opportunità e le formidabili sfide sotto gli occhi di tutti.
Alle proposte più originali e recenti si aggiunge ora #digitaletica, ideata da don Marco Sanavio, sacerdote padovano assai attivo nella media education, e Martina Pastorelli, promotrice in Italia delle attività di Catholic Voices. Che ci spiega questo nuovo servizio formativo.

Da quale domanda nasce il progetto #digitaletica?
Da una constatazione: siamo circondati da libri, manifesti, decaloghi che raccomandano di ‘abitare civilmente il Web’ ma questa sorta di galateo digitale sembra un edificio vuoto, riflesso del nichilismo culturale odierno che non va oltre il sentimentalismo effimero. Un edificio che crolla quando viene messo alla prova, tanto è vero che hate speech, fake news, cyberbullismo proliferano e il mondo digitale è diventato il luogo dove spesso si amplificano le peggiori tendenze umane. Questo accade, pensiamo, perché mancano le fondamenta su cui i nostri comportamenti digitali possano poggiarsi e trovare un significato profondo e non manipolabile in cui tutti si riconoscano. Di qui l’idea di ripartire dal bene come principio architettonico di questo edificio. E da un’ etica digitale che lo rimetta al centro.

L’idea di #digitaletica è basata su sei parole-chiave: perché questa scelta?
Per risvegliare la coscienza che una vera comunione sociale digitale si realizza partendo da alcune parole universali, dalla cui unità sintetica e profonda scaturisce il bene: persona, mistero, verità, libertà, relazione, amore. Sono parole oggi molto abusate, alle quali va ridato il senso autentico considerandole tra loro inseparabili: così, ad esempio, capirò che abuso di una persona se non rispetto l’inviolabilità del suo mistero (diffondendo online il privato più intimo), non la penso nella sua verità (divulgando fake news), non la amo come valore supremo (spargendo flamein rete), e quando non possiedo quella libertà che mi affranca dall’ esigenza del capriccio, per costruire una relazione empatica.

A chi è destinato il progetto?
È un progetto aperto a tutti visto che siamo chiamati tutti a migliorare la qualità etica della nostra onlife, ma con un’ attenzione particolare alla Chiesa. In quest’ ottica genitori, formatori, operatori pastorali sono target ideali.

Quale obiettivo cercate di conseguire?
Far capire che c’ è qualcosa che viene prima della netiquettee da cui non possiamo prescindere se vogliamo creare una svolta etica digitale. Proprio perché il Web siamo noi, #digitaletica porta a riflettere su dove noi ‘stiamo’ rispetto a queste parole, per autovalutare i nostri comportamenti digitali e orientarli verso il bene, che prende forma nell’ ordinarietà della nostra vita anche con un post o un tweet.

Come si articola la proposta formativa?
A cerchi concentrici, partendo dall’incontro interattivo di 90 minuti fino ad allargare al metodo di Catholic Voices e #neldialogo, che prevede più incontri per assimilare uno stile di confronto costruttivo a partire dalle differenze.

Rispetto ad altre iniziative anche recenti qual è la peculiarità di #digitaletica?
La volontà di andare in profondità: non basta dire ‘no all’ ostilità’ o ‘no alle bufale’, bisogna educare i cuori per ristabilire le basi di una nuova convivenza tra cittadini. A maggior ragione nella Rete, dove ‘l’altro’ spesso non si vede e dove il confronto tra mondi diversi è continuo e non mediato, c’ è ancora più bisogno di una personalità etica.

Lei ha condotto sinora le iniziative legate al metodo di Catholic Voices: che nesso con la nuova proposta?
#digitaletica è il laboratorio dedicato alla rete di #neldialogo, progetto per una comunicazione costruttiva di cui oggi c’ è grande bisogno. Entrambi si fondano sul metodo di Catholic Voices applicandolo più ampiamente: non sono iniziative ‘per’ cattolici ma ‘di’ cattolici, che vogliono fare qualcosa di tipicamente cristiano: collaborare per il bene comune.

Di:  Francesco Ognibene

Fonte: weca.it

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi