Ogni giorno dell’anno

In questi giorni ho fatto vedere agli studenti il film “Miracolo a Milano”, capolavoro in bianco e nero del Neorealismo italiano.

Il protagonista, nato sotto un cavolo ed educato fino alla fanciullezza da una mamma/nonna, alla morte di questa finisce in un orfanotrofio; divenuto maggiorenne, deve lasciare l’orfanotrofio e si ritrova in una Milano fredda, ventosa, buia, ricordandosi tuttavia le buone maniere imparate da piccolo e salutando chiunque con un solenne e sorridente “Buongiorno!”.
Il saluto non viene ricambiato: c’è chi passa oltre, chi fa finta di non capire, chi lo apostrofa sgradevolmente.

Così nella vita reale e virtuale vi sono parole e locuzioni che ci rivolgiamo di frequente: alcune per necessità, altre per formalità, altre ancora per cortesia, diverse per tradizione, molte per saluto; ma quante perché ci crediamo veramente, per il vero significato che hanno, per il senso profondo che custodiscono, per la prospettiva che mostrano? Tra queste c’è “Buongiorno” e, visto il periodo, anche “Buon anno”.

Continuo a sentire ed incontrare persone a cui ritengo ancora bello augurare “Buon anno” e chissà quante volte l’ho fatto nelle scorse settimane. Ma cosa nasconde un augurio come questo? Quale valore ha tutte le volte che viene donato o ricevuto?
Ogni parola ha un peso, però gli auguri sono ancora più pesanti! Conservano il gusto della festa, il sapore della speranza, l’aroma del cuore.

L’aver detto a qualcuno “Buon anno”, “Felice anno”, “Sereno anno”, ci dovrebbe legare a quella persona con un filo lungo almeno 365 giorni, perché ogni augurio è come una promessa che impegna a prendersi cura dell’altro e pure reciprocamente.
Diventiamo ogni volta custodi della persona a cui ci rivolgiamo, persino debitori (e a nostra volta creditori) affinché ogni giorno dell’anno sia un “buon giorno” e l’augurio rivolto all’inizio non finisca l’indomani alla maniera delle bollicine dello spumante che sono poca cosa.

Come l’acqua per una piantina da curare quotidianamente, allo stesso modo un vero “Buon anno”, goccia per goccia, può risanare le ferite di chi soffre, far condividere le gioie, rinnovare quel giorno di festa ricco di relazioni speciali.

Ogni inizio di anno ci porta nuove responsabilità a partire da quelle nei confronti di coloro che ci sono più vicini fino ad arrivare al vicino di casa che si incontra ogni tanto, al parente dell’altro continente, all’amico sui social mai visto di persona, ecc.

Dopo il film ho chiesto alla classe che senso avesse quel “Buongiorno” del giovane protagonista, cosa c’entrasse con la loro vita, con l’aver cominciato un nuovo anno, con gli auguri che si erano e ci eravamo scambiati da poco. Mi ha stupito (per quanto me l’aspettassi) il silenzio della maggior parte di loro in relazione all’ultima questione.

Purtroppo la nostra società ha tolto il peso e il valore alle parole, ai saluti e agli auguri, ha svuotato le feste riempiendole di altro, ha creato “cuori a breve scadenza” che si consumano subito o in qualche caso  amo’ di usa e getta. Ma non è che le cose una volta fossero diverse, neanche nel 1951, quando uscì il nostro film; per questo il nostro protagonista insieme agli amici senza dimora a cui aveva dato una casa, in una celeberrima scena, sceglie di scappare volando sulle scope dei netturbini di Milano e cantando, alla ricerca “di un regno in cui buongiorno vuol dire veramente buongiorno” e, parafrasando per il nostro tempo, alla scoperta di un mondo in cui buon anno vuol dire ti voglio bene ogni giorno!

Marco Pappalardo

Un nuovo modello di Parrocchia

La paura del contagio frena l’affluenza nelle chiese. Lenza (psicologa): “Passare a un modello di parrocchia che va verso i fedeli”   Di Serena Rubini   Contro la paura serve pensare a nuovo modello di parrocchia, aiutare gli altri e rispettare i propri...

Bud, un gigante per papà

La figlia di Bud Spencer: ho avuto un padre dal cuore smisurato   Di Annalisa Teggi   Calzava il numero 47 ai piedi, Bud Spencer «in arte Carlo Persoli» (così disse lui ridendo alla consegna del David di Donatello). Quel numero di piede così grande dice...

Sognate e fate sognare

“Sognate e fate sognare” - Papa Francesco ai Salesiani Poveri giovani, se oltre a tutto quello che subiscono oggi, uccidiamo o calpestiamo anche i loro sogni e il loro desiderio di fare qualcosa di grande e bello con la vita.   Di don Angel Fernandez Artime  ...

La famiglia non basta a se stessa

di Luigi Ballerini   «Noi genitori non bastiamo ai nostri figli. Con il lockdown siamo stati costretti a ricordare che la famiglia non è un clan e nemmeno un rifugio, che non basta a se stessa, ma che rappresenta il punto di lancio verso tutti gli incontri...

Teatro sull’Apecar

Giacomo Poretti: il cuore del paese riparte da un matto sull’Apecar Di Annalisa Teggi L‘amatissimo attore milanese ha fatto quattro chiacchiere con noi per raccontare il suo debutto di domani con un monologo teatrale a bordo di un’Apecar. Dopo il lockdown la gente si...

I cuori ribelli del 1914

Così un liceo riporta in vita i cuori ribelli del 1914 Di Flavio Zeni 45 liceali hanno ricostruito la storia di 27 minori ritenuti “irrecuperabili” ai tempi della Grande guerra. Ne è nato un libro   Un libro che racconta le storie di 27 minori ritenuti...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi