“On the road”. Adolescenti ed educatori pronti a partire per un viaggio insieme

In viaggio con gli adolescenti, Oratorio Sant’Alex, Casa Betania – Melzo

Dicembre 2015, un cammino da fare insieme “ON THE ROAD”!

Abbiamo immaginato la vita come un viaggio e abbiamo riletto l’adolescenza come una parte particolare di questo cammino…

Tanti i cartelli che indicano la direzione, ma spesso sono contrastanti tra loro; molti gli incontri nel cammino, a volte ci fanno andare avanti, altre ci deviano il percorso. Gli educatori, perciò, hanno scelto il tema del viaggio per la vita comune adolescenti di questo anno. Siamo partiti con la marcia inserita, adolescenti ed educatori. Un’esperienza che sempre lascia segni nei ragazzi, in noi, giovani – adulti e nelle relazioni educative che crescono e si consolidano.
Impegnativa la vita comune! Gestire la casa, gli adolescenti, gli impegni quotidiani di lavoro e studio, la stanchezza, il sonno… eppure alla fine di queste giornate, nonostante fossimo stravolti la pienezza di gioia del cuore ha ricaricato tutti per rimettersi nel viaggio della quotidianità.

Ci siamo lasciati un segno: uno zaino. Sono tante e diverse le cose con cui ciascuno lo ha riempito, ma tutti siamo tornati a casa con lo zaino carico di sorprese: relazione nuove e vecchie, scelte, certezze e domande nuove!

Gli educatori

“On the road”. Questo il titolo di questa esperienza di noi, adolescenti dell’oratorio Sant’Alessandro di Melzo, durante la vita comune in Casa Betania. Proprio il tema del viaggio ci ha accompagnato in questa avventura, in particolare un viaggio molto speciale che per noi ora è la nostra adolescenza, ma nel complesso si riferisce alla nostra vita.
Viaggiare stravolge tutte le certezze, perché ci si mette in cammino verso l’ignoto, tutto ciò che sappiamo e ogni parte di noi stessi viene messa in discussione. Si parte attrezzati e pronti a tutto, si sceglie cosa mettere nello zaino e cosa lasciare a casa, se partire da soli o in compagnia e, cosa molto importante, quale strada prendere.

Occorre anche una guida per capire bene la natura di questo viaggio, per sapere da dove si parte e dove si arriva. Gli amici sono indispensabili per non sentirsi soli e condividere insieme l’esperienza , la famiglia è la nostra scenografia che ci fa da sfondo e da cui si può sempre tornare, e poi c’è Dio, che anche se alle volte non è compreso nella lista delle cose indispensabili, si infila lo stesso nel nostro zainetto, perché Lui c’è sempre e ci accompagna ovunque, aspetta solo che ce ne accorgiamo. Intraprendere il sentiero della nostra vita significa darle un senso, e diventare pian piano le persone che vogliamo essere nel nostro futuro. Ci saranno momenti di smarrimento in cui tutto sembrerà in salita, saremo costretti a dei sacrifici e a compiere scelte difficili, perderemo il sonno per il nostro viaggio, ma proprio per questo ci sono i nostri compagni di avventura a sostenerci e a non farci mai perdere di vista la meta.

Questo è vivere, che non è stare fermi e attendere ciò che viene, ma mettersi alla ricerca in cammino e comprendere che la salvezza è nel mare aperto, nelle burrasche, contro i venti avversi, la salvezza è mettersi in gioco, rischiare, conoscere, per costruire pezzo per pezzo il nostro futuro. Prima di partire ognuno di noi sceglie cosa mettere nel proprio zaino, decide se viaggiare da solo o in compagnia e se farsi guidare da qualcuno. Il Signore può essere sia la nostra guida sia un compagno di viaggio, se noi lo vogliamo, e se lo scegliamo siamo consapevoli che non ci lascerà mai soli.

Viaggiare stravolge le nostre certezze, è faticoso, richiede sforzi e a volte anche sacrifici, ma partire e viaggiare non significa percorrere tanti kilometri, attraversare mari e oceani ma è mettersi in gioco, rischiare, muovendosi dalle proprie certezze per cercare qualcosa di più grande. Partendo, quindi, attraversiamo il confine tra quello che conosciamo e quello che vogliamo conoscere. Siamo tornati a casa con il nostro zainetto pieno di tutto questo e pronti per continuare il nostro viaggio. “Partire e viaggiare è anzitutto uscire da sé, rompere quell’egoismo che mi fa dire solo io. Partire e viaggiare è andare verso qualcosa, partire e viaggiare è crescere e attraversare ogni tappa della vita”.

Gli adolescenti

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi