Prof., quando scriverà un libro su di noi?

«Prof., quando scriverà un libro su di noi?», hanno chiesto e chiedono gli alunni. Eccolo!

Questo libro non ha una dedica, poiché ogni pagina è una dedica ai “miei” studenti di ieri, oggi e domani. Ogni pagina è allo stesso tempo dedicata ai Colleghi e a tutti i Docenti “generatori di futuro”, sempre alla ricerca di un “di più” nella scuola, che tiri fuori dall’“inferno” e dia spazio a ciò che non lo è per riempire di paradiso il senso di vuoto della vita. Coraggio, state sereni e siate felici!

Questa è la dedica del nuovo libro del Prof. Marco Pappalardo, nostro collaboratore, il suo primo romanzo dal titolo “Diario (quasi segreto) di un Prof.”, edito dalla Edizioni San Paolo è già in libreria.

Un prof. Un sogno. Una scatola bianca. Gli studenti, la passione educativa, un diario personale, tanto divertimento. Questi, se ben dosati come in una pozione, possono essere gli ingredienti per fare di un anno scolastico un tempo speciale, persino magico e creativo. Nel pentolone si mescolano sapientemente la vita del prof. e quella degli studenti, il desiderio di far toccare il cielo con un dito attraverso l’affezione allo studio e la fatica quotidiana dello stare sui libri, la consapevolezza di svolgere una delle professioni più belle al mondo e la difficoltà di entrare nel vissuto degli adolescenti. Il tutto con più di un pizzico di Letteratura di ieri e di oggi insieme a una goccia di cinematografia. La Prefazione è del giovane Filosofo Diego Fusaro, docente presso l’Università San Raffaele di Milano.

Cover-DiarioQuasiSegreto

Ecco una pagina del romanzo:

«Perdonatemi! Non vi ruberò troppo tempo, lo so che amate lezioni brevi, i contenuti intensi, i grandi racconti, i pensieri profondi e pure qualche buona risata insieme. Certo, c’è poco da ridere ripensando ai voti di alcuni compiti di Greco o di Latino, ma in fondo il sorriso non mancava mai e neanche la speranza di far meglio la volta successiva. Non dimenticate che c’è sempre l’opportunità di “rendere il mondo migliore di come l’avete trovato” e con il mondo anche voi stessi. Bella questa frase, vero? Ve lo concedo, postatela pure su internet, scrivetela sul diario (non sul banco!), ma soprattutto tenetela nel vostro cuore e testimoniatela con la vita se ci credete davvero.

Sarà faticoso, come alzarsi al mattino per andare a scuola, in certi giorni ma, – ora posso dirvelo – è stato pesante anche per me farlo; poi, entrato in aula, tutto passava e qualcuno di voi chiedeva: «Prof., ma come fa ad essere così allegro e sveglio a quest’ora?». Ed io: «Quando vedo voi “m’illumino d’immenso”». Così tutto cominciava con uno sguardo diverso sulla giornata, quello sguardo che vi auguro di non perdere mai, di coltivare, di condividere, di trasformare in una luce visibile dovunque, sicuri che il sole sorge ogni giorno e che, in mezzo alle nubi della vita, l’importante è averlo dentro.

Scusatemi se non sono sempre stato all’altezza dei vostri sogni, dei vostri desideri, delle vostre domande di senso, perdonate le volte in cui ho cercato di farvi diventare dei “piccoli Prof.” quando voi volevate essere “semplicemente voi stessi”, unici e speciali. Se questo fosse davvero un testamento, ora saremmo al punto in cui “il fu Prof.” dovrebbe lasciarvi qualcosa, sperando che non siano i compiti per casa! Bene, avete proprio ragione, ma posso lasciarvi “solo” ciò che ho imparato da voi e vi assicuro che non è poco».

(Tratto da Marco Pappalardo, Diario (quasi segreto) di un Prof.”, Edizioni San Paolo, 2017)

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni il precursore – Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 22, 34-40 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   L’imperativo dell’amore percorre come un filo rosso le letture di questa V domenica dopo il Martirio di S....

26^ Domenica del Tempo Ordinario

26^ Domenica del tempo ordinario - Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 21, 28-31 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Un uomo aveva due figli… Sono due i modi in cui possiamo rispondere a Dio: con il sì, oppure con il no. La parabola che abbiamo ascoltato...

La terra va contemplata e protetta

Francesco prosegue il ciclo di catechesi nel periodo di pandemia riaffermando che “chi vive per sfruttare la natura, finisce per sfruttare la gente”, mentre compito di tutti è custodire il creato “per dare un futuro alle nuove generazioni” Di Adriana Masotti  ...

Le FMA vicine al popolo libanese

Le FMA e le Comunità Educanti dell’Ispettoria del Medio Oriente (MOR) sono vicine alla popolazione libanese colpita dalle esplosioni al porto di Beirut.   (Libano). Il 4 agosto 2020 la zona portuale di Beirut è stata colpita da più esplosioni che hanno distrutto...

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi