Proteste studenti

Di Marco Pappalardo

“La voce è degli studenti, il silenzio è degli ignoranti” è uno degli slogan più ricorrenti sui cartelli appesi fuori da una scuola in occasione di uno degli scioperi tipici di questo periodo. Non importa per quale motivo, si può anche non conoscerlo o essere frutto di notizie false oppure ingigantite dal passaparola sul web, l’importante è protestare, stare fuori dai cancelli dell’istituto tra la prima e seconda ora al massimo e poi svanire lasciando traccia con scritte come quelle riportate. Eppure quelle parole – per quanto siano nell’insieme una frase d’occasione – ci interpellano, perché noi sulla “voce” nelle aule scommettiamo ogni giorno e contro “l’ignoranza” lavoriamo senza sosta.

Cosa vuole dire allora? Che la scuola non risponde all’istanza di dar “voce” agli studenti? Che c’è un silenzio voluto e connivente con l’ignoranza?

Innanzitutto finché gli scioperi tengono fuori dalla scuola gli studenti (ma io penso che lo stesso valga per i docenti), e quindi le problematiche si affrontano all’esterno, non si riuscirà a trovare un punto d’incontro e a costruire un dialogo vero e costruttivo. Infatti quante intense e ricche discussioni, quanti dibattiti sono nati e cresciuti nelle ore di una materia o di un’altra, quanti nelle assemblee di classe e di istituto, e ancora nelle tante attività organizzate all’interno per trattare e approfondire temi attuali.

È necessario e utile che dentro la scuola si raccolgano queste “voci” e trovino lo spazio adeguato per diventare occasioni e opportunità per crescere, migliorare, condividere, superare l’ignoranza.

Accade invece, per consuetudine, per vuotezza, per convenienza, per ideologie varie, per manipolazioni occulte (ormai sui social e persino anonimi), che si cerchi fuori ciò che si può trovare solamente dentro le dinamiche studente-studente, studente-dirigenza, studente-alunno, qualche volta pure famiglia-scuola. È come se, quando si hanno problemi in famiglia, prima ancora di parlarne ed affrontarli tra i membri, si vada dallo psicologo o dall’avvocato, ciò fuori dal nucleo familiare.

Forse la vera ignoranza – cioè non conoscenza e quindi mancata consapevolezza – è proprio questa; con l’aggravante in realtà che “chi non conosce” non fa silenzio, bensì parla, sproloquia, insinua, mormora, confonde, condiziona, minaccia persino. Ora, non si tratta di far diventare la scuola o le ore in aula una sorta di tribuna politica oppure un costante talk show, mettendo da parte le discipline, ma di far sì che lo studio e i contenuti proposti stimolino, illuminino, educhino le “voci” degli studenti; infatti è impossibile che secoli e secoli di cultura di ogni ambito non abbiano nulla da dire su ciò che accade nel presente o, avendolo di certo, non si riesca a farlo percepire agli studenti, affinché non cerchino fuori dalla scuola quello che è connaturato alla scuola!

C’è, infine, un “silenzio” fondamentale da rispettare, segno di conoscenza e per nulla di ignoranza, ed è quello che serve per ascoltare quelle “voci”, pure quelle più fievoli; questo “silenzio” – tipico di ogni educatore promuovente – va esercitato in modo concreto, perché diventi uno stile relazionale e contagi positivamente.

4^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

20 settembre 2020 – Anno A VANGELO di Giovanni 6, 24-35 Commento di suor Chiara Papaleo, FMA   Il clima di questa pagina di Vangelo sembra quasi fare da eco a quella della Samaritana, con la differenza che al capitolo IV era messa a tema l’acqua e la sete insita...

25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A Vangelo di Matteo, 20, 1-16 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi