Ultimi sforzi per gli studenti

Ultimi sforzi per gli studenti, la fine di quest’anno scolastico è vicina, il conto alla rovescia si può fare quasi sul palmo di una mano! Dietro l’angolo la conclusione per tutti, tranne per coloro che devono affrontare gli esami.

Le ultime ore degli ultimi giorni scorrono lentamente per chi ha lavorato bene ma anche serenamente, invece sono troppo veloci per chi non si è impegnato fino in fondo e cerca di recuperare o salvare il salvabile.
Mentre si pensa all’estate e alle vacanze, quando tutto è proiettato al “finalmente è finita!”, non è male guardarsi indietro un attimo e verificare come sono andati questi ormai trascorsi 200 giorni di scuola.

Il termine “verifica” può spaventare un po’, ma niente paura e soprattutto niente voti!
Farlo è utile per se stessi, per non scaricare colpe su altri, per comprendere le proprie responsabilità, per progettare un nuovo anno… naturalmente sempre dopo le meritatissime vacanze!

Spesso si pensa che l’unico risultato che conti a scuola sia quello valutato con giudizi e numeri; certo non va trascurato vista la fatica quotidiana per ottenere dalla sufficienza all’ottimo o dal 6 al 9, ma si tratta per lo più di valutazioni sulle conoscenze e sulle competenze. Cosa, invece, difficilmente o raramente viene fuori?

Proviamo a capirlo con qualche domanda fondamentale a cui nessun altro potrà rispondere se non lo studente:

  1. Che persona sono stata tra i banchi di scuola, nella mia classe e con gli altri compagni?
  2. Ho costruito amicizie significative e durature?
  3. Dopo ore di studio e tanti compiti porto con me qualche contenuto importante e spendibile nella vita quotidiana o ho cancellato ogni cosa?
  4. Ho perso 200 giorni della mia vita o ne è valsa la pena affrontarli uno per uno?
  5. I compagni di classe si ricorderanno di me per il meglio o per essere stato fastidioso?
  6. I docenti, non vedendomi d’estate, si sentiranno liberati ed in pace per qualche mese o porteranno un bel ricordo?
  7. Ho fatto il mio dovere con impegno e sacrificio o spesso ho cercato le vie più brevi e meno faticose?
  8. Penso di avere compiuto dei passi in avanti per realizzare qualcosa di buono per il mio futuro?
  9. C’è stata almeno una persona (coetaneo o adulto) che mi ha veramente aiutato e sostenuto, che ha creduto in me? Ed io ho riposto fiducia in qualcuno?
  10. Sono stato capace di cogliere il meglio da ogni momento e magari di viverne alcuni con entusiasmo e gioia?

Da piccoli contano molto gli altri che indirizzano la nostra crescita, da adolescenti gli altri li mettiamo da parte, perché vogliamo conquistare il mondo da soli, seppur non mancano le influenze esterne e i modelli, positivi o negativi.

Tuttavia, ciò che saremo è sempre frutto di ciò che siamo stati!

Per questo hanno senso le dieci domande e forse pure un’altra in vista delle vacanze, quella che si pongono in molti affidandosi alla sorte: “Come sarà questa estate?”. In realtà è posta in modo sbagliato, quasi passivo; non sarebbe meglio chiedersi “Come sarò io durante questa estate?”.

Marco Pappalardo

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni il precursore – Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 22, 34-40 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   L’imperativo dell’amore percorre come un filo rosso le letture di questa V domenica dopo il Martirio di S....

26^ Domenica del Tempo Ordinario

26^ Domenica del tempo ordinario - Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 21, 28-31 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Un uomo aveva due figli… Sono due i modi in cui possiamo rispondere a Dio: con il sì, oppure con il no. La parabola che abbiamo ascoltato...

La terra va contemplata e protetta

Francesco prosegue il ciclo di catechesi nel periodo di pandemia riaffermando che “chi vive per sfruttare la natura, finisce per sfruttare la gente”, mentre compito di tutti è custodire il creato “per dare un futuro alle nuove generazioni” Di Adriana Masotti  ...

Le FMA vicine al popolo libanese

Le FMA e le Comunità Educanti dell’Ispettoria del Medio Oriente (MOR) sono vicine alla popolazione libanese colpita dalle esplosioni al porto di Beirut.   (Libano). Il 4 agosto 2020 la zona portuale di Beirut è stata colpita da più esplosioni che hanno distrutto...

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi