Di Gianluca Bernardini per sdcmilano.it

I bambini rivendicano il diritto a un’infanzia serena

«Sono convinta che i film possano se non cambiare le cose, quanto meno avviare un dibattito o invitare alla riflessione».
Così si esprime Nadine Labaki, la regista araba che, al suo terzo lungometraggio, porta in scena con «Cafarnao – caos e miracoli» una storia così potente da «sconquassare» anche i cuori meno sensibili.

Non per nulla il film, ambientato a Beirut, racconta la storia del dodicenne Zain (il bravissimo Zain Alrafeea) che vive di espedienti quotidiani pur di aiutare la propria numerosa famiglia a sopravvivere dentro un contesto difficile e infelice. Arrivato al limite, per assurdo, decide di portare in tribunale i propri genitori con l’accusa di averlo messo al mondo senza aver le capacità di prendersi cura di lui e dei suoi fratelli.
Un atto d’accusa o, forse, meglio «un gesto simbolico – come sottolinea la Labaki – a nome di tutti i bambini che, non avendo scelto di nascere, dovrebbero poter rivendicare dai loro genitori un minimo di diritti, quanto meno quello di essere amati».

A metà strada tra documentario e finzione, il film srotola una storia drammatica nonché commovente, dando in pasto agli spettatori emozioni reali, quanto gli attori stessi presi dalla strada. Dentro un susseguirsi continuo di difficoltà e drammi Zain vive il proprio «calvario» senza lasciarsi scomporre, orgoglioso di «urlare» quell’identità che non ha (i genitori non hanno potuto nemmeno registrarlo, né fargli i documenti), che lo spinge a compiere e a dire ciò che in fondo un ragazzino non dovrebbe nemmeno poter immaginare.

Delle circa «cinquecentoventi» ore di girato, su tre anni di lavorazione, ne restano poco più di due capaci di avvicinare e affascinare il pubblico, come pochi altri film sanno fare. Qui le ingiustizie e le povertà umane sono le protagoniste assolute, incarnate nei volti e nelle biografie reali dei personaggi che ruotano attorno al nostro giovane protagonista. Al peggio, infatti, sembra non ci sia mai fine, ma la regista libanese, anche dentro le brutture del racconto, infine, lancia uno sguardo di speranza e di luce che mirano a guardare oltre gli occhi di Zain, per ridargli quella dignità apparentemente perduta. Non solo da cineforum.

Temi: diritti, infanzia, bambini maltratti, povertà, ingiustizia, identità, genitorialità, immigrazione

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi