Cosa sarà

da | 7 Dic 2020 | Film

La scoperta di avere un tumore obbliga un uomo ad affrontare diversamente molto di quello che prima dava per scontato

Di Beppe Musicco

 

Bruno Salvati (Kim Rossi Stuart) è un regista cinquantenne dal brutto carattere e dalla carriera non proprio brillante. A detta del suo produttore (Ninì Bruschetta) fa film con attori non famosi, che non vuole che piacciano al pubblico, commedie che non fanno neanche ridere.  Non è che a casa vada molto meglio: ha un’ex moglie (Lorenza Indovina) e due figli cui vuole bene, ma con i quali sembra sempre incespicare. Una banale perdita di sangue dal naso che non vuole arrestarsi si rivela sintomo di qualcosa di ben più grave: un tumore del sangue curabile solo con un trapianto di midollo osseo non reperibile tra i familiari.

Francesco Bruni, già sceneggiatore del Montalbano televisivo, di molti dei film di Paolo Virzì e regista di bei film come Scialla!Noi 4 e Tutto quello che vuoi, decide di partire dalla sua storia personale (pur molto stravolta cinematograficamente, come sempre nei suoi film), di chi è passato attraverso le pene della chemio e salvato grazie a un trapianto di midollo. Bruno Salvati (non sfugge l’assonanza con “Bruni salvato”) è rappresentato con tutti i suoi limiti e attraverso flashback che lo riportano alla sua infanzia, al rapporto problematico col padre, alla tenerezza della madre che gli appare durante le fasi più stranianti della chemio.

È un lungo e non facile percorso per ritrovare sé stesso nella malattia che inizia con una lenta e significativa rasatura della testa sulle note di “Perfect Day” di Lou Reed, con scoperte sorprendenti (la possibilità di un trapianto da un parente che non si pensava di avere) e piccoli gesti quotidiani che esprimono bene il significato della parola “cura”: l’apparentemente brusca dottoressa (interpretata da Raffaella Lebboroni, moglie del regista), capace invece di farsi carico di pazienti spesso poco pazienti, la presenza della figlia (Fotinì Peluso), che rivela un carattere molto differente da quel che il padre pensava avesse, fino all’infermiere (Nicola Nocella), una presenza costante e non priva di spirito.

La scelta felice del cast (su tutti Kim Rossi Stuart – anche cosceneggiatore – in una delle sue migliori prove, ma anche un grande del teatro italiano come Giuseppe Pambieri) e delle ambientazioni (l’ospedale, gli splendidi esterni a Livorno nello snodo determinante della storia) rendono la storia credibile e spingono lo spettatore a un’empatia tutt’altro che sentimentale, grazie anche ai momenti nei quali il sorriso ha la capacità di insinuarsi anche nel dramma.

Da ultimo, la scelta di uscire al cinema in un momento nel quale tutto sembra cospirare contro: Bruni nel film giustamente ironizza su chi si riduce a guardare i film sullo smartphone e Cosa sarà (il cui titolo originale sarebbe dovuto essere originariamente “Andrà tutto bene”, espressione ormai inflazionata), dopo una lunga attesa in panchina durante il lockdown, esce in un periodo che ancora minaccia tempesta sulle sale cinematografiche. Un atto di coraggio e di fiducia che merita di essere supportato.

 

Fonte: sentieridelcinema.it

 

Buon Natale 2020!

Nulla di romantico: costretti a mettersi in viaggio quando Maria avrebbe bisogno di riposo; locande piene quando ci sarebbe bisogno di un posto caldo ed accogliente dove accogliere il Bambino; notte, freddo, grotta per un evento degno del luogo migliore del mondo per...

Proposte “non” parrocchiali

Di don Andrea Lonardo   Tanti dichiarano che la parrocchia è finita e poi cosa fanno? Continuano a proporre ricette sulla parrocchia e sull’Iniziazione cristiana. Tanti pastoralisti continuano a ripetere lo slogan che la “civiltà parrocchiale” è finita e poi...

Scuola. Salvare il rientro

Cresce il desiderio di studenti e famiglie di tornare alla didattica in presenza. I nodi da sciogliere sono noti. Ma servono criteri adeguati e non centralistici Di Ezio Delfino   Il desiderio degli studenti e l’attesa delle famiglie di tornare a un regolare...

La parte migliore

Di Annalisa Teggi   È morta sabato 12 dicembre, dopo essere stata investita nel tardo pomeriggio: Suor Maria Assunta Porcu era in bicicletta e stava portando un pasto caldo a un senzatetto la cui storia si era presa a cuore. In periferia a Milano Aveva 63 anni e...

Un Arcivescovo “dal basso”

Don Mimmo Battaglia nuovo arcivescovo di Napoli Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell’Arcidiocesi Metropolitana di Napoli (Italia) del cardinale Crescenzio Sepe. Il nuovo Arcivescovo Metropolita di Napoli è Mons. Domenico Battaglia. Don...

“Fano” e il poster della Strenna 2021

Il celebre disegnatore spagnolo Patxi Velasco Fano – in arte, semplicemente “Fano” – già autore del poster della Strenna del Rettor Maggiore per il 2018, è da anni legato da vincoli di stima e amicizia alla Famiglia Salesiana. Saputo che il motto della Strenna per il...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi