Ella & John

da | 6 Mar 2018 | Film

Dalla giovinezza alla vecchiaia una bella storia d’amore.

di Gianluca BERNARDINI per sdcmilano.it

C’è sempre un misto di tragedia e commedia nei film di Paolo Virzí. Una caratteristica delle sue storie che, sebbene abbiano aspetti tristi, nascondono lievi risvolti che riescono a mettere il sorriso sulle labbra e forse, pure, un pizzico di tenerezza nel cuore.

Pare così, infatti, la storia di «Ella & John», due anziani coniugi, ormai acciaccati dagli anni, ai quali le prove fisiche sembrano portare via il tempo, ma non ancora l’amore. Lei (Helen Miller), più giovane, che ha però il cancro, lui (Donald Sutherland), ex professore universitario di letteratura, malato nella mente, ma che ancora si vogliono un bene infinito. Un giorno, sorprendendo i figli ignari e ormai adulti, decidono di intraprendere il loro ultimo viaggio, come facevano una volta, a bordo del loro camper, soprannominato «The Leisure Seeker», verso la casa di Hemingway nel Key West, giù per la Old Route 1. Si apre così un vero e proprio road movie, carico di sorprese, capace di commuovere e divertire anche gli spettatori più adulti, pur mantenendo una certa malinconia di fondo.

Perché il tempo passa e mentre lascia i suoi segni, ti ricorda che indietro non si può più tornare. Si possono ripercorrere le stesse strade, gli stessi luoghi, magari anche rivivere le stesse sensazioni ma, inesorabilmente, non si è più gli stessi.

Le fotografie almeno te lo rammentano (uno dei momenti più di pathos nel film) e sebbene ti permettono di ricordare gli avvenimenti, le ricorrenze e i giorni spensierati, ti pongono di fronte l’amara verità che tutto ciò riguarda il passato. Virzì lo fa con una bella storia d’amore, ben raccontata (con un gruppo di affermati sceneggiatori, tra cui la Archibugi), all’americana, mentre durante il viaggio ce ne svela i segreti. Un amore incorrotto, forse, verso un lieto fine. E qui (ahimè!) pur avendo un senso il plot narrativo, è la significanza di ciò che viene messo in scena che lascia qualche domanda e punto interrogativo sul senso ultimo della vita. Quella a cui tutti siamo legati, dalla bellezza della giovinezza fino alla maturità della vecchiaia, che ha qualcosa da dire anche quando la malattia sembra, purtroppo, segnarne il termine.

Un film «moderno» su cui ragionare, ben confezionato (forse troppo), che nasconde dietro la sua patina un malinconico dolore. Che resta.

Temi: vecchiaia, malattia, amore, coppia, viaggio, ricordi, passato, memoria, vita.

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi