Connessi 24ore su 24

da | 10 Mag 2016 | Genitori

Inutile negarlo. Ci siamo creati il bisogno indotto di essere attivi e connessi 24 ore su 24, per 7 giorni a settimana su 365 all’anno. Sempre.

Ho letto 24/7. Il capitalismo all’assalto del sonno, di Jonathan Crary (Einaudi 2015), accorgendomi di quanto sia vero che oggi nelle nostre società occidentali stiamo concependo sistemi di produzione, consumo e dunque di vita senza limiti di tempo. Secondo l’autore è in corso una vera e propria erosione del tempo dedicato al sonno: difficilmente il nostro smartphone viene spento quando non lo usiamo (ci viene detto che non gli fa bene!); l’alternativa tra on e off è sostituita dalla modalità sleep a risparmio energetico. Inquietante sapere che «ogni anno vengono spesi miliardi di dollari per cercare di ridurre il tempo occupato dai processi decisionali ed eliminare del tutto il tempo inutile della riflessione e della contemplazione» (p. 44, ivi).

Certo che la dotazione di uno smartphone rende più agevole l’organizzazione delle nostre giornate. Così è quando consultiamo referti sanitari on line, o comunichiamo istantaneamente con i famigliari (ovunque si trovino), quando possiamo pagare una multa dal portale del Comune, oppure prenotare un colloquio con i docenti dei nostri figli o visionare i loro voti, a qualunque ora del giorno. Il tutto con il vantaggio di risparmiare tempo e meglio conciliare le diverse sfere della nostra vita (personale, famigliare, lavorativa, ecc.).

Ma che fine fa questo tempo risparmiato? È tempo libero «da» tante attività, ma «per» che cosa e a vantaggio di chi?
Viene dedicato al riposo e a relazioni «off line» o più facilmente reinvestito in rete per chattare, essere presenti sui social network, giocare, fare acquisti on line, scaricare files, sempre e comunque in attività che ci vedono connessi?
I nostri giovani, nativi digitali, connessi anche loro 24ore su 24 rischiano di vivere una vita parallela, in un ambiente dove vengono definiti “amici” dei semplici “contatti”, dove le esperienze reali (non virtuali) si riducono all’osso.

Ci resta tempo per guardarci negli occhi, per ascoltarci, per gustare la bellezza di panorami e spettacoli senza il filtro di tablet e smartphone, e senza l’urgenza di doverli condividere on line? Esperienze quotidiane, sui mezzi pubblici o in famiglia, ci dicono che difficilmente le nostre mani e i nostri occhi sono liberi da apparecchi vari, che ci rendono sempre connessi, ma che ci fanno perdere occasioni reali di incontro.

Una domanda continua a frullarmi in testa: abbiamo davvero e sempre bisogno di restare connessi 24 ore al giorno, 7 giorni su 7 per tutto l’anno, che poi alla fine è per tutta la vita?

Chiara Tintori, www.aggiornamentisociali.it

Scuola, non chiudete le superiori

Di Alberto Pellai Lo psicologo Alberto Pellai nel suo profilo Facebook interviene sull'ipotesi di utilizzare la Dad per gli studenti più grandi (una riflessione che raccoglie quasi 1500 condivisioni in 4 ore). «Come genitore credo davvero che i nostri ragazzi possono...

Dedicazione del Duomo di Milano

Dedicazione del Duomo di Milano, Chiesa madre di tutti i fedeli ambrosiani Vangelo di Matteo 21,10-17 Commento di suor Antonia Franzini, FMA   Prima di condividere con voi alcune brevi riflessioni attorno al Vangelo di oggi, permettetemi di dare qualche...

31^ Domenica del Tempo Ordinario

31^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Vangelo di Matteo 22,15-21 Commento di suor Laura Agostani, FMA   Troppo ostiche queste parole di Gesù! Ci ha lasciato domenica scorsa con un invito a nozze poco corrisposto, col monito dei molti chiamati e dei pochi...

Solo un Padre può guarire noi e la realtà

di Federico Pichetto Il 4 ottobre è stata pubblicata la nuova enciclica di papa Francesco, dal titolo “Fratelli tutti”. Tre considerazioni utili per addentrarsi nella sua lettura. FRATELLI TUTTI, ENCICLICA DI PAPA FRANCESCO. Sarà la storia a dirci se l’enciclica...

Noi adulti dobbiamo dare coraggio ai giovani

di Andrea Lonardo   Sono anni che parliamo degli adulti: ebbene sono loro che debbono oggi accompagnare le giovani generazioni ad attraversare il Covid. Cioè siamo noi! Oggi gli adulti debbono prendere in mano la situazione, in famiglia e nella scuola, nel lavoro...

La Chiesa del Myanmar e la pandemia

di Card. Charles Bo Per l’arcivescovo di Yangon, la crisi sanitaria è una sfida per l’umanità. L’emergenza coronavirus si aggrava nel Paese. Il sistema sanitario nazionale è in grave difficoltà. La comunità cattolica assiste i bisognosi con programmi di aiuto...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi