I cartoni animati che raccontano la dislessia

da | 19 Gen 2016 | Genitori

Tra foreste e libri piranha, ecco i cartoni animati che raccontano la dislessia.

L’idea è dell’associazione inglese Dyslexia Action, che da 40 anni lavora con bambini e adulti dislessici. Sei video per lanciare un messaggio: ci sarà sempre qualcuno disposto ad aiutare le persone con disturbi dell’apprendimento. Basta farsi prendere per mano

LONDRA – In un’aula, Greg, un bambino dislessico seduto al banco, guarda con tristezza il suo compito in classe: tanti errori, e come voto una ‘F’. In un attimo, tutta la scuola si trasforma in un tetro bosco dove rami minacciosi di alberi neri si armano di lunghe spine pronte a catturare il piccolo protagonista della storia. Rannicchiato, gli appaiono brillanti fuochi fatui che lo conducono su una grande collina illuminata, dove finalmente si sente al sicuro. E poi c’è una ragazzina dislessica che in una biblioteca viene accerchiata da un’onda di libroni-piranha dai denti aguzzi. Assediata, la giovane comincia a disperarsi: fino a quando un’ombra le si para davanti e le allunga una mano.
È il bibliotecario, lì per aiutarla a fare i compiti e farle tornare il sorriso.
Quelli di Greg e della ragazzina dislessica sono solo due dei 6 video animati creati dall’associazione inglese Dyslexia Action, che da oltre 40 anni lavora per supportare bambini e adulti con problemi con le parole e con i numeri, dislessici o con altri disturbi dell’apprendimento.
Dyslexia Action lavora in campo educativo, propone percorsi specifici individuali e si impegna affinché anche questi temi siano inseriti nell’agenda politica.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

I corti animati sono stati creati grazie al primo premio (150 mila sterline) ottenuto dall’associazione britannica alla prima edizione del Creative Vision Award for Charities, evento promosso dalla Kingston Smith – azienda di consulenza finanziaria con sede a Londra – a supporto di quelle realtà del terzo settore impegnate nel creare consapevolezza su temi spesso trascurati. I film sono stati realizzati da studenti inglesi e professionisti del settore in partnership con il Festival Visual effects, animation and games della Bournemouth University attraverso le più innovative tecniche d’animazione.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Ogni video prodotto si fa portatore di un messaggio positivo rivolto a chi ha disturbi specifici di apprendimento: ci sarà sempre qualcuno pronto ad aiutarli. Ci sarà il bibliotecario o il maestro, che afferra una ragazzina in caduta libera in un tunnel buio, con migliaia di lettere ingarbugliate che le fluttuano accanto. O magari ci sarà un samurai con in mano un retino pronto a raccogliere tutte le lettere confuse che si avventano su un ragazzo in difficoltà.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

“Quando abbiamo messo online il primo corto siamo stati travolti dai commenti positivi – racconta Kevin Geeson, amministratore delegato di Dyslexia Action –. Moltissime persone ci hanno confermato che i sentimenti – paura, tristezza, talvolta persino vergogna – rappresentati nei video erano esattamente quelli che loro provavano. Per questo è così importante che le persone dislessiche o con disturbi dell’apprendimento ricevano tutto l’aiuto e il supporto di cui hanno bisogno”.

(Ambra Notari)
Fonte: Redattore Sociale

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi