Internet come il vaso di Pandora

da | 3 Mar 2015 | Genitori

L’ormai famoso proverbio africano dice che ci vuole un intero villaggio per crescere un bambino. Oggi quella comunità tradizionale che doveva educare i giovani, deve raccogliere il guanto della sfida che gli sta lanciando il mondo virtuale di Internet. Il cyber spazio, nuovo punto di riferimento giovanile,  con la sua struttura aperta e poco controllabile permette a tutti di dire “la sua” e può nascondere tanti pericoli e oscenità.

Navigando senza prudenza in questo “villaggio digitale”, si può finire nel quartiere sbagliato dove i nostri dispositivi elettronici rischiano di trasformarsi in vaso di Pandora.

La mitica fanciulla della mitologia greca che aveva ricevuto in dono da Zeus un vaso con divieto di aprirlo e da Ermes un altro dono la curiosità, non ha resistito e aprendo il vaso ha fatto uscire il peggio che c’è sulla terra.

Molti ragazzi “navigatori digitali” somigliano a Pandora. Senza freni inibitori la loro curiosità è più forte di tutte le raccomandazioni e non sanno che dentro lo schermo ci può essere uno scrigno pieno di spiriti maligni. Questo, purtroppo, lo riscontriamo dai sempre più numerosi casi della cronaca nera legati al mal’uso delle nuove tecnologie in Italia e nel mondo.

Le “tendenze” tra i giovani on line

In occasione della 12° Giornata mondiale della sicurezza in rete – (Safer Internet Day, il 10 febbraio 2015) sono emersi i risultati dell’ indagine -”La dieta mediatica dei nostri figli” realizzata dal professor Tonino Cantelmi dell’Università Lumsa e presentata da MOIGE (Movimento Italiano Genitori) e dalla Polizia postale, che a dir poco sono preoccupanti.

I minori-“nativi digitali” hanno dichiarato che:

  • 1 su 3 crea una falsa identità sui social
  • 1 su 3 crea delle nuove amicizie in rete con perfetti sconosciuti
  • 1 su 5 accetta incontri “al buio” con questi “nuovi amici”
  • più del 13% di ragazzi (14-20enni) ha scambiato  messaggi o immagini a sfondo sessuale (fenomeno di sexting) dando il proprio numero di cellulare a estranei conosciuti in rete e il 60% di essi non vede niente di pericoloso nel ricevere o inviare materiale hot oppure lo trova divertente
  • il 60% (14-20enni) almeno una volta ha utilizzato foto o video per prendere in giro qualcuno
  • 1 adolescente su 5 ha pubblicato su internet proprie foto imbarazzanti

E i genitori che a loro volta ammettono che:

  • 4 su 10 non impongono ai propri figli nessun limite di tempo alle connessioni online
  • 1 su 4  non sa niente o poco della attività in rete dei loro figli

Secondo la Polizia Postale nel 2014 è anche raddoppiato il numero delle denunce per cyber bullismo, furto di identità, diffamazione online e le ingiurie via e-mail.

Combattere insieme per un Internet più sicuro.

Le statistiche e le tendenze simili tra i paesi sviluppati, rivelano che la problematica di un uso sicuro e responsabile delle nuove tecnologie tra i giovani, in primis, è un fenomeno globale e tema bollente per ogni paese dotato di “banda larga” e si ampia con la diffusione del web.

Con la partecipazione di 113 paesi, il 10 febbraio si è celebrata la Giornata mondiale della sicurezza in rete- Safer Internet Day (SID).
In Italia sotto lo slogan “Creiamo insieme un Internet migliore” SID 2015 ha creato un largo fronte con specifiche campagne educative in tutto paese.
A Roma presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza è stato presentato il progetto “Per un web sicuro”- promosso da Moige e dalla Polizia Postale in collaborazione con Trend Micro, Hp, Vodafone e Cisco che ha coinvolto 70 scuole medie in 15 regioni d’Italia. Circa 23.000 studenti e 50.000 adulti in tutta Italia hanno partecipato agli open day con la presenza di un esperto della Polizia di Stato.
A Milano presso l’Università Bicocca si è svolto un show formativo con centinaia di studenti provenienti da tutta la Lombardia e al Piccolo Teatro di Milano SID 2015 si è celebrato con sketch teatrali e racconti.
Per un Internet più sicuro, con un  linguaggio e sensibilità molto vicino ai giovani la Polizia di Stato ha promosso la 2° edizione della campagna itinerante – “Una vita di Social”- con diversi workshop e un autoarticolato di 18 metri che visiterà circa 60 città italiane.
Un altro progetto -“Generazioni connesse”- con omonimo sito coordinato dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca) e co-finanziato dalla Commissione Europea, tratta i problemi della vita on line dei giovani con una serie di divertenti video – “Se mi posti ti cancello”.

La nostra “società liquida” come la definisce il filosofo Bauman “vive nel paradosso dove l’enorme progresso tecnologico ha lasciato indietro lo sviluppo delle coscienze e i rapporti umani”.
Internet, che abbiamo abbracciato senza troppe considerazioni, sta influenzando i nostri pensieri e i nostri valori.
C’è un urgente bisogno di educare i giovani a utilizzarne questo strumento in tutta la sua complessità con i suoi pregi e difetti.
Una ricerca di Scuola.net, effettuata in collaborazione con l’Università degli studi di Firenze e l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” ha svelato che più del 83% dei ragazzi intervistati vorrebbe partecipare all’interno della propria scuola a delle lezioni sull’uso dei social network e Internet.

Bojana

Ci baciamo a settembre

Di suor Cristina Merli   Quando Marco Erba incontra i ragazzi li tiene incollati alle parole e alla vita che racconta. Oggi sono quegli stessi ragazzi che tengono incollati noi alle pagine di Ci baciamo a settembre, libro che, finalmente, dà voce al loro punto di...

La volta buona

Di Aldo Artosini   Bartolomeo è uno dei tanti procuratore di calciatori che solcano i campi sportivi. Dopo anni in cui le cose gli giravano bene, ora vive di espedienti e piccoli imbrogli. È in grande difficoltà economica; è stato lasciato dalla moglie, che gli...

Debbie Phelps: la forza di una mamma

Di Annalisa Teggi   Lo scorso 30 giugno ha compiuto 35 anni ed è il campione olimpico più vincente di sempre: 28 medaglie, di cui 23 d’oro. Ha conquistato anche il record di aver ottenuto il maggior numero di medaglie in una singola Olimpiade, e sono gli 8 ori...

Ragazzi buoni e ragazzi cattivi?

Di Emilia Guarnieri   Forse non ce lo aspettavamo, perché per un paio di mesi non li avevamo sentiti, o meglio, ognuno aveva sentito quelli che gli erano più vicini. Gli insegnanti avevano provato a sentirli tutti, tutti quelli delle loro classi. Non ci...

No al multitasking

Di Annalisa Teggi   Il tempo è nostro alleato, un dono prezioso, eppure proprio l’illusione di fare più cose contemporaneamente ce lo fa percepire come nemico. Ecco una strategia semplice per arginare la frenesia e per dare valore a ogni cosa.   Essere...

Ennio Morricone

Ennio Morricone: «La mia musica illuminata dalla fede»   di Vik van Brantegem   Addio al grande compositore, morto nella notte per le conseguenze di una caduta. Nell’intervista che ha rilasciato a Vito Amodio nel 2015 per Famiglia Cristiana, raccontò...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi