Ombrellino aperto all’incontro?

Una sfilza di ombrellini aperti, davanti a persone – per lo più anziane – che cercano di accasare i rispettivi figli e nipoti.

Su ogni ombrellino un cartello con poche informazioni. Nome, età, titolo di studio, reddito percepito e qualche descrizione del desiderato partner: laureato, con reddito uguale o superiore, con appartamento proprio e così via.

ombrellini

Siamo nel 2016 in People’s Square a Shangai, in un week end autunnale. Grazie a frequenti viaggi di lavoro di mio marito, ho conosciuto da vicino questa pratica sociale, che coinvolge migliaia di cinesi. Incredula, allibita, rattristata sono solo alcuni degli aggettivi che definiscono il mio stato d’animo dinnanzi a tale consuetudine.

Abbiamo provato a capire, chiedendo “perché avete bisogno di un’esposizione così organizzata per trovare moglie o marito?” e i colleghi locali hanno fornito due tipi di risposte: la prima è “lavoriamo talmente tanto che non abbiamo tempo di socializzare” (mi sono rattristata ancora di più!); la seconda risposta è stata “nessuno ci conosce bene come i nostri genitori (nonni o zii): chi meglio di loro potrebbe cercarci il partner della vita?”

Le usanze e le tradizioni culturali di un Paese come la Cina, che credevo un po’ più vicino e famigliare grazie ai tanti cinesi che animano bar ed edicole nel milanese, sono lontani anni luce dal nostro mondo. Se oltre al totale assorbimento del tempo lavorativo, mettiamo in conto che la più vasta nazione dell’Asia orientale conta una sproporzione numerica tra uomini e donne senza precedenti al mondo, non ci resta che prendere atto di ciò che accade in People’s Square.
Ma forse anche apprezzare la cultura dell’incontro in cui siamo cresciuti, senza ombrellini aperti.

Relazioni personali di amicizia, fraternità e amore sono una ricchezza inestimabile del nostro patrimonio genetico.

Un qualcosa da trafficare e coltivare ancora di più oggi, magari cercando proprio di “contagiare” quanti non hanno avuto la fortuna di apprezzare la meraviglia e la gioia che nasce dal desiderio di incontrarsi, frequentarsi e conoscersi. E perché no, trasmettere questo stupore ai nostri ragazzi, così tentati dalle relazioni virtuali. Il benessere della nostra società passa anche dal preparare e gustare il tempo di incontri che cambiano la vita.

www.aggiornamentisociali.it

Scuola, non chiudete le superiori

Di Alberto Pellai Lo psicologo Alberto Pellai nel suo profilo Facebook interviene sull'ipotesi di utilizzare la Dad per gli studenti più grandi (una riflessione che raccoglie quasi 1500 condivisioni in 4 ore). «Come genitore credo davvero che i nostri ragazzi possono...

Dedicazione del Duomo di Milano

Dedicazione del Duomo di Milano, Chiesa madre di tutti i fedeli ambrosiani Vangelo di Matteo 21,10-17 Commento di suor Antonia Franzini, FMA   Prima di condividere con voi alcune brevi riflessioni attorno al Vangelo di oggi, permettetemi di dare qualche...

31^ Domenica del Tempo Ordinario

31^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Vangelo di Matteo 22,15-21 Commento di suor Laura Agostani, FMA   Troppo ostiche queste parole di Gesù! Ci ha lasciato domenica scorsa con un invito a nozze poco corrisposto, col monito dei molti chiamati e dei pochi...

Solo un Padre può guarire noi e la realtà

di Federico Pichetto Il 4 ottobre è stata pubblicata la nuova enciclica di papa Francesco, dal titolo “Fratelli tutti”. Tre considerazioni utili per addentrarsi nella sua lettura. FRATELLI TUTTI, ENCICLICA DI PAPA FRANCESCO. Sarà la storia a dirci se l’enciclica...

Noi adulti dobbiamo dare coraggio ai giovani

di Andrea Lonardo   Sono anni che parliamo degli adulti: ebbene sono loro che debbono oggi accompagnare le giovani generazioni ad attraversare il Covid. Cioè siamo noi! Oggi gli adulti debbono prendere in mano la situazione, in famiglia e nella scuola, nel lavoro...

La Chiesa del Myanmar e la pandemia

di Card. Charles Bo Per l’arcivescovo di Yangon, la crisi sanitaria è una sfida per l’umanità. L’emergenza coronavirus si aggrava nel Paese. Il sistema sanitario nazionale è in grave difficoltà. La comunità cattolica assiste i bisognosi con programmi di aiuto...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi