Strage bambini in Siria

da | 24 Feb 2020 | Genitori

Paolo Vites intervista Firas Lutfi

Alla guerra si aggiunge il grande freddo che colpisce la Siria. Le prime vittime sono soprattutto i bambini: in nove anni ne sono morti circa 300mila

“L’Unicef lancia l’allarme, ma cosa ha fatto finora per i bambini siriani? E cosa fanno le potenti nazioni occidentali, i cui giornali mettono in prima pagina le foto del piccolo Aylan, morto annegato, o di Iman, morta assiderata tra le braccia del padre?
Non parlano di chi ha scatenato la guerra in Siria, una guerra per procura, dietro alla quale si nascondono le nazioni più potenti del mondo. Non dicono niente. Ma non ci sono solo Aylan e Iman, in questa guerra si contano almeno 300mila bambini morti”.

A parlare così, con voce alta e decisa, è padre Firas Lutfi, francescano Ministro della Regione San Paolo (Giordania, Libano e Siria), dopo l’“allarme” lanciato in queste ore dall’Unicef:

“Il clima freddo presto colpirà di nuovo tutto il Medio Oriente, con temperature che scenderanno sotto lo zero in diverse aree e ogni inverno i bambini nella regione si ammalano, smettono di andare a scuola e rischiano di morire… Occorre un grande movimento globale e umano di carità o sarà una strage”.

“L’Unicef – aggiunge Lutfi – non dice però che ‘un grande movimento’ esiste già e andrebbe aiutato: è la Chiesa siriana, che ha sempre sostenuto, da quando è iniziata questa guerra e ancora oggi, i bambini e le donne siriane. Nessuno dice che a Idlib, dove la Siria sta combattendo contro gli ultimi ribelli jihadisti per liberare la provincia, operano due padri francescani che accolgono nelle case dei cristiani e nei loro conventi tutti coloro che scappano dalle bombe, anche i musulmani. E la responsabilità dei giornalisti che tacciono su queste cose è gravissima”.

Padre Lutfi, l’Unicef lancia l’allarme, dopo il caso di Iman, la bambina di un anno e mezzo morta assiderata in un villaggio vicino ad Aleppo in braccio al suo papà che cercava disperatamente di raggiungere l’ospedale per farla curare. Come stanno le cose?

Chiariamo alcune cose prima di entrare nei dettagli.

Ci dica.

I bambini rappresentano una linea rossa che non si può superare, vanno difesi in ogni istante, fin dalla nascita, come insegna il Magistero della Chiesa ed è ciò che il Vangelo richiama alla coscienza di tutti ogni giorno. In una guerra bambini, donne e anziani sono i primi a pagare con la vita le conseguenze delle atrocità e della cattiveria degli adulti. Detto questo, aggiungo un altro appunto: spesso e volentieri la vita di questi bambini viene strumentalizzata.

In che senso?

Il caso di Aylan è diventato un simbolo, il simbolo di queste famiglie che scappano in cerca di una vita sicura. Ma non solo lui ha pagato, prima e dopo tanti altri Aylan e tante altre famiglie sono morti. Dove scoppia un conflitto i più vulnerabili sono i bambini, i primi ad andarci di mezzo, perché o civili sono i primi bersagli quando i combattimenti si fanno più intensi e cruenti.

C’è però chi dice, come una volta gli americani, che in guerra si possono usare “le bombe intelligenti”: colpiscono gli obiettivi in modo chirurgico risparmiando però vittime civili…

Ipocrisia vergognosa. La realtà, invece, ci dice che oltre alle bombe, ora si aggiungono situazioni climatiche durissime, come il freddo del deserto siriano, dove si può scendere anche sotto lo zero. E tutto questo accresce la tragedia. Piuttosto che piangere e basta sui corpi inermi di Iman o Aylan come simboli di questa strage di innocenti, tutti dovrebbero spostare l’attenzione sui responsabili di questa drammatica situazione e raccontare per quali veri fini, già nove anni fa, fu scatenata la guerra in Libia, in Siria e in Iraq, che ha già mietuto milioni di bambini e di anziani morti.

Si riferisce alle potenze occidentali e non solo che hanno dato inizio a queste guerre che stanno devastando il Medio Oriente?

Sono circa 300mila i bambini morti in questi nove anni. Invece di impietosire le coscienze portando alla ribalta uno o due casi drammatici, bisogna risolvere la questione alla radice.
Non è giusto prendere in giro l’intelligenza degli uomini. La guerra non scoppia solo perché si vuole combattere un regime o abbattere un dittatore, ma per interessi politici e economici anche da parte di grandi nazioni che predicano la libertà, la democrazia e la dignità umana. La vita non è sacra solo se muore un americano o un europeo, la vita è sacra per tutti. Ma questo sembra non avere importanza.

Davanti alla denuncia dell’Unicef e dei media internazionali che hanno messo in prima pagina i casi di Aylan e Iman cosa dice?

Direi che non si possono assumere solo posizioni singole di denuncia, ma occorre andare contro tutta la situazione che devasta la Siria. Cito il caso della Turchia che invade la Siria.
La Siria è un paese sovrano, deve difendere il proprio territorio, che già in precedenza era stato violato dai terroristi di tutto il mondo. È una guerra per procura. E il colmo è che l’esercito siriano, impegnato a liberare la provincia siriana di Idlib, viene dipinto come invasore.

Unicef e Onu non fanno mai riferimento all’impegno costante profuso in questi anni di violenze dalla Chiesa per aiutare il popolo siriano. Perché, secondo lei?

Purtroppo certi mestieri dovrebbero mostrare maggiore onestà intellettuale. Il ruolo di queste organizzazione, come l’Unicef, ha perso credibilità, sono diventati burattini in mano ai potenti. Anche le Nazioni Unite non hanno avuto il coraggio di prendere decisioni sulla Siria. E come ha ricordato lei non parlano del bene, enorme, che viene fatto.

Si censura il bene, si esalta il male?

Vivo ad Aleppo da quando è cominciata la guerra e la Chiesa si è sempre mossa per tutti, non solo per i cristiani. La comunità cristiana a Idlib è sotto il tallone jihadista, ci sono centinaia di cristiani ostaggi in quella regione. Sono rimasti solo due sacerdoti francescani di rito latino, che però continuano a servire tutte le comunità, non solo la comunità latina, ma anche quelle armena e greco-ortodossa, e stanno cercando in tutti i modi di aiutare, sia a livello umanitario, sia a livello spirituale. Accolgono nei conventi e nelle case dei cristiani anche i musulmani in fuga.
Eppure questi due sacerdoti sono sottoposti a ogni limitazione, non possono manifestare la loro fede, rischiano ogni giorno di essere rapiti o uccisi.

Intanto i giornali occidentali accusano Assad di stragismo…

Un proverbio italiano dice che fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce. Questi due sacerdoti vivono una fede umana e coraggiosa, aperta a tutti. Voi giornalisti che avete una coscienza e il coraggio di dire la verità parlate della presenza eroica di queste persone e della loro straordinaria testimonianza in un contesto di persecuzione.

Alla fine, in tutta questa tragedia, si può dire che resteranno impressi i gesti di carità compiuti eroicamente da questi uomini santi?

È il compito di noi cristiani: essere lievito e sale del mondo.

 

Fonte: il sussidiario.net

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi