Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo».

Don Angel Fernandez Artime

 

Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza giovanile, con le parole di una ragazza venezuelana.

Quando ho visitato di nuovo il Venezuela, nel febbraio di quest’anno, ho partecipato all’Encuentro Nacional con jóvenes, un incontro nazionale con i giovani venezuelani, bello e animato. Quel giorno, una ragazza di nome Eusibeth lesse un messaggio che aveva scritto di suo pugno e che le stava molto a cuore, e lo pronunciò a voce alta in nome dei giovani venezuelani, generosi, pieni di speranza e sofferenti per la situazione della loro bella terra.

Diceva così:

“Carissimo don Ángel, dal profondo del cuore ringraziamo il Signore per la sua visita nel nostro Paese e perché ha trovato il tempo per incontrare noi giovani, che sappiamo quanto le siano cari. Queste mie parole vogliono esprimere il sentimento di ciascuno di noi che viviamo questa proposta di Santità e che abbiamo un cuore salesiano. Siamo tutti rappresentati. Dai ragazzi indigeni cresciuti nella libertà della giungla amazzonica, ai fratelli andini pieni di fraternità e gentilezza, ai giovani della regione centrale che costruiscono con gioia la civiltà dell’amore, ai guaros, agli orientales, i corianos, gli zulianos, e tutti noi che abbiamo la gioia e l’orgoglio di essere venezuelani. È presente con noi oggi ogni giovane che ha dovuto lasciare la sua terra, trasformando un suolo straniero in casa, scuola, parrocchia e cortile.
Se c’è qualcosa che ci caratterizza come giovani, oltre alle nostre peculiari personalità e ai diversi modi di pensare, è che siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo», come diceva il nostro amato padre don Bosco. Per nessuno è un segreto quello che dobbiamo vivere ogni giorno: una realtà in cui siamo calpestati dagli scarponi chiodati di questo mondo che vuole impedirci di sognare l’impossibile e di scommettere su grandi ideali. La spiritualità salesiana ci ha permesso di camminare nella speranza, rinnovando la nostra fede, anche quando a volte tutto sembra incerto e irrealizzabile.

Noi giovani venezuelani siamo dei coraggiosi profeti e nonostante la paura di essere giudicati o aggrediti, non permetteremo che la nostra voce venga soffocata.

Siamo giovani che si svegliano ogni mattina, con niente da mangiare, per andare a scuola o all’università, e che perseguono con tenacia e fatica il compito di conquistare una formazione integrale, con molti chilometri nelle gambe, impegnati nell’educazione, perché questo è il migliore strumento che abbiamo per cambiare la nostra nazione e il mondo.
Siamo giovani che, pur essendo costretti a lavorare per necessità, mettendo da parte ciò che amano e sacrificando i loro sogni, osano essere una luce in mezzo a un popolo così ferito e assetato di Gesù.
Siamo fragili anche noi e spaventati da questo nostro mondo che cade a pezzi e avremmo voglia di gettare la spugna, ma lo sguardo amorevole di Dio e la protezione materna di Maria ci invitano a continuare a mettere la nostra vita al servizio degli altri, soprattutto dei ragazzi e delle ragazze più poveri e indifesi. Nessuno può tornare indietro, ma tutti possono andare avanti.
Essere giovani salesiani ci aiuta a rispondere come discepoli fedeli e coraggiosi a tutto ciò che stiamo vivendo. Siamo dei veri chamos, “maghi”, autentici, audaci, santi di oggi: con jeans, scarpe e magliette, come dice papa Francesco.

Carissimo don Ángel e tutti i membri della nostra famiglia salesiana: la vostra presenza ci incoraggia a fare la differenza, a continuare a lottare per un Venezuela giusto e santo, scommettendo tutto per il bene dei giovani. Non smettete di accompagnarci e di credere in noi. Grazie perché ci siete!”.

Così termina questa affettuosa testimonianza giovanile. Ascoltare Eusibeth davanti a 800 giovani in una calda serata di Caracas mi ha fatto pensare a come e quanto don Bosco credesse nei suoi giovani, nelle loro capacità, nelle loro potenzialità, nella bontà che è nel cuore di ogni giovane. E quello che accadeva con don Bosco 160 anni fa, accade ancora oggi in tutte le parti del mondo. Non è vero che i giovani di oggi non hanno un bel cuore. Certamente ci sono giovani che si trovano su strade di confusione, di schiavitù, di morte già in vita… Giovani che hanno davvero bisogno di essere “salvati”.

Ma ce ne sono molti altri, milioni e milioni (e i giovani che ho incontrato con Eusibeth ne sono la prova) che credono nella vita, nella bellezza dell’Amore, nella bellezza della condivisione e nella pienezza di significato che Dio dà loro. Sanno che non siamo sconfitti quando perdiamo, ma quando desistiamo. È possibile ancora pensare e parlare così, oggi? Io affermo che è possibile. Continuate senza paura a fare il bene, amici miei, e che il buon Dio vi riempia della sua pace.

 

Fonte: Bollettino Salesiano

Buon Natale 2020!

Nulla di romantico: costretti a mettersi in viaggio quando Maria avrebbe bisogno di riposo; locande piene quando ci sarebbe bisogno di un posto caldo ed accogliente dove accogliere il Bambino; notte, freddo, grotta per un evento degno del luogo migliore del mondo per...

Proposte “non” parrocchiali

Di don Andrea Lonardo   Tanti dichiarano che la parrocchia è finita e poi cosa fanno? Continuano a proporre ricette sulla parrocchia e sull’Iniziazione cristiana. Tanti pastoralisti continuano a ripetere lo slogan che la “civiltà parrocchiale” è finita e poi...

Scuola. Salvare il rientro

Cresce il desiderio di studenti e famiglie di tornare alla didattica in presenza. I nodi da sciogliere sono noti. Ma servono criteri adeguati e non centralistici Di Ezio Delfino   Il desiderio degli studenti e l’attesa delle famiglie di tornare a un regolare...

La parte migliore

Di Annalisa Teggi   È morta sabato 12 dicembre, dopo essere stata investita nel tardo pomeriggio: Suor Maria Assunta Porcu era in bicicletta e stava portando un pasto caldo a un senzatetto la cui storia si era presa a cuore. In periferia a Milano Aveva 63 anni e...

Un Arcivescovo “dal basso”

Don Mimmo Battaglia nuovo arcivescovo di Napoli Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell’Arcidiocesi Metropolitana di Napoli (Italia) del cardinale Crescenzio Sepe. Il nuovo Arcivescovo Metropolita di Napoli è Mons. Domenico Battaglia. Don...

“Fano” e il poster della Strenna 2021

Il celebre disegnatore spagnolo Patxi Velasco Fano – in arte, semplicemente “Fano” – già autore del poster della Strenna del Rettor Maggiore per il 2018, è da anni legato da vincoli di stima e amicizia alla Famiglia Salesiana. Saputo che il motto della Strenna per il...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi