I giovani in UK

da | 15 Nov 2016 | Giovani

I giovani sono sempre giovani, in qualunque paese. O forse no.
Basta spostarsi di un paio di ore di aereo e le cose cambiano.

Quando sono partito per Londra, come ragazzo alla pari, avevo questo pensiero. Forte dell’esperienza di Don Bosco e del suo sistema educativo vissuto in prima persona, sia nella mia famiglia, sia nel frequentare le scuole salesiane, mi sono detto che sarebbe stato “facile” vivere questa avventura in famiglia e gestire dei ragazzini, attingendo agli insegnamenti e agli esempi ricevuti.

Invece…

Non è tanto tempo che mi sono trasferito – solo due mesi – ma una mia idea me la sono già fatta. Purtroppo non è facile come pensavo.
La famiglia che mi ospita diciamo che rappresenta bene il mondo giovanile inglese.
I giovani appaiono piuttosto lontani dagli adulti, dai familiari, soprattutto se poi la famiglia è monoparentale o disgregata. Per questo sembrano meno sensibili, più “freddi” rispetto a quello che ero solito trovare dalle mie parti; mancano le abitudini conviviali che noi diamo per scontate, come pranzare o cenare insieme o trascorrere momenti insieme dialogando.

L’idea che si ha al primo impatto è quella che non si vive in una famiglia, ma in una “pensione”: ragazzi che entrano e escono, mangiano quando e cosa vogliono, c’è spesso silenzio (se non quando i bambini urlano o giocano…). E quindi si rifugiano tra di loro, senza regole, buttandosi nell’alcool. Non so se è perché, anche a livello scolastico, si cerca di lavorare sull’indipendenza, sull’immagine, sul fare mille attività, tralasciando quella principale (a mio parere): il vivere in famiglia. E questo, per me che vengo da un ambiente di condivisione, di ascolto, di regole, è una lotta quotidiana.

Come cercare di trasmettere il pensiero di Don Bosco?

È una bella sfida, quotidiana, fatta di piccoli tentativi, di molti insuccessi, ma anche di qualche vittoria quando riesci a coinvolgere i ragazzini in qualche attività insieme ad esempio, a farli mangiare insieme, magari, nelle più rosee previsioni, anche parlando un pochino.

I giovani sembrano smarriti, senza una base, una “casa” alle spalle…

E penso ai giovani ai tempi di Don Bosco. Non è che ci siano molte differenze. Va bene, il contesto è decisamente diverso, anzi, totalmente! Forse servirebbe un suo ritorno…
Intanto andiamo avanti per la strada… magari il seme quotidiano ha bisogno di tempo per maturare…

Da Londra – Riccardo Deponti

1^ Domenica dopo la Dedicazione

1^ Domenica dopo la Dedicazione – Anno A Vangelo di Luca, 24,44-49° Comento di suor Beatrice Schullern, FMA   In questa Giornata Missionaria Diocesana, la liturgia offre alla nostra meditazione le parole di Gesù agli undici riuniti nel cenacolo. Il sepolcro...

30^ Domenica del Tempo Ordinario

30^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Vangelo di Matteo, 22,34-40 Commento di suor Silvia Testa, FMA   Nello studio della Legge, quindi della Torah, i rabbini avevano individuato 613 precetti, un lungo elenco di norme da rispettare. Nelle scuole teologiche...

A scuola per essere felici

L’Assemblea CIOFS/Scuola elabora un Manifesto per esprimere l’identità della Scuola Salesiana delle Figlie di Maria Ausiliatrice in Italia.   Il 10 ottobre 2020, il Direttivo Nazionale del Centro Italiano Opere Femminili Salesiane/Scuola (CIOFS/Scuola) si è radunato a...

Un Webinar sull’Enciclica “Fratelli tutti”

Il 9 ottobre 2020 si è svolto un webinar sull’Enciclica Fratelli tutti di Papa Francesco, promosso dall’Unione Superiori Maggiori d’Italia (USMI) e dalla Conferenza Italiana Superiori Maggiori (CISM).   Madre Yvonne Reungoat, Madre Generale delle Figlie di Maria...

Papa Francesco al TED

La crisi climatica globale ci richiederà di trasformare il modo in cui agiamo, afferma Sua Santità Papa Francesco. Tenendo un TED Talk dalla Città del Vaticano, propone tre linee di azione per affrontare i crescenti problemi ambientali del mondo e le disuguaglianze...

Ripartiamo dalle relazioni

Di Mauro Magatti e Chiara Giaccardi   La risposta alla pandemia del Covid-19 — una reazione pressoché mondiale, pur con qualche significativa eccezione — è stata il lockdown. Abbiamo fatto la cosa migliore? C’è chi dice sì e c’è chi dice no. Però, la domanda...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi