I giovani si stanno muovendo e noi che cosa facciamo?

da | 1 Mag 2018 | Giovani

“Siamo una specie in viaggio. Non abbiamo proprietà, ma bagagli. (…)
Siamo vivi perché siamo in movimento. Non stiamo mai fermi.
Siamo transumanti (…) Se vuoi che qualcosa muoia, lasciala in pace”

(Jorge Drexler, Movimiento, 2017)

I giovani si muovono sempre verso possibilità inedite, futuri insospettabili.
Ma al di là della mobilità fisica e del dislocamento territoriale, i giovani manifestano una grande capacità di flusso e di mobilitazione nelle società attuali, rafforzati dalle nuove tecnologie di comunicazione, dell’interfaccia e delle reti.

Le mobilità sociali, quella della strada e quella della rete, delle piazze e dei dispositivi, nel contatto faccia a faccia con altri giovani o attraverso un #hastag, non ammettono quella visione duale propria delle generazioni di adulti, chiuse tra il binario e il duale: anima e corpo, reale e virtuale, oggettivo e soggettivo, sostanza e accidente.
I giovani stanno configurando una nuova mappa nel territorio, sia quello dei loro spostamenti fisici, sia quello della rete, con la creazione di nuovi codici, linguaggi ed estetiche. Certamente come educatori dobbiamo considerare un nuovo linguaggio per pensare alle “mobilità giovanili” perché siamo abituati a comprenderle in termini di presenza fisica, sottovalutando il virtuale come se questo non fosse reale. Tuttavia, per i giovani non c’è limite tra questa doppia presenza, fisica o virtuale, ma un unico spazio/tempo che intreccia i dispositivi tecnologici con l’organizzazione dell’incontro, è uno scambio senza distinzioni delle modalità di presenza.

Dobbiamo considerare la mobilità dei giovani in relazione alla stabilità delle istituzioni. Istituzioni come la nostra devono accompagnare il movimento dei giovani o entreranno in un declino senza precedenti (come già lo stiamo percependo). Soprattutto dovremmo dare forma a delle proposte che tengano presenti e che incorporino l’emotivo e l’affettivo, le nuove grammatiche giovanili e il cambio di codici; non solo il razionale e le norme, l’appartenenza e l’identità, le proposte e le risposte, le strutture e le nostre organizzazioni.

Per compiere questo esercizio di cambio del linguaggio e delle istituzioni è richiesta la capacità di guardare al futuro: non è possibile lasciare che l’esperienza giovanile sia legata a modelli di istituzioni anacronistiche, piegate su vecchie sicurezze o ancorate alla nostalgia di tempi gloriosi, ma passati. Perché i giovani hanno urgente bisogno di proposte che integrino le componente emozionali, affettive, comprese anche le varie forme di protesta e ribellione giovanili.

Un salesiano educatore per questi nuovi tempi è un uomo che come Don Bosco non ha paura di affrontare queste situazioni di incertezza e movimento, è sempre attento ad ascoltare le loro preoccupazioni, le domande e le loro forme di espressione.

Le nuove realtà di dislocazione giovanile sfidano il carisma e le istituzioni. Se le istituzioni vogliono essere nel mondo dei giovani, devono muoversi con loro. Oppure morire!

Fonte: infoans

1^ Domenica dopo la Dedicazione

1^ Domenica dopo la Dedicazione – Anno A Vangelo di Luca, 24,44-49° Comento di suor Beatrice Schullern, FMA   In questa Giornata Missionaria Diocesana, la liturgia offre alla nostra meditazione le parole di Gesù agli undici riuniti nel cenacolo. Il sepolcro...

30^ Domenica del Tempo Ordinario

30^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Vangelo di Matteo, 22,34-40 Commento di suor Silvia Testa, FMA   Nello studio della Legge, quindi della Torah, i rabbini avevano individuato 613 precetti, un lungo elenco di norme da rispettare. Nelle scuole teologiche...

A scuola per essere felici

L’Assemblea CIOFS/Scuola elabora un Manifesto per esprimere l’identità della Scuola Salesiana delle Figlie di Maria Ausiliatrice in Italia.   Il 10 ottobre 2020, il Direttivo Nazionale del Centro Italiano Opere Femminili Salesiane/Scuola (CIOFS/Scuola) si è radunato a...

Un Webinar sull’Enciclica “Fratelli tutti”

Il 9 ottobre 2020 si è svolto un webinar sull’Enciclica Fratelli tutti di Papa Francesco, promosso dall’Unione Superiori Maggiori d’Italia (USMI) e dalla Conferenza Italiana Superiori Maggiori (CISM).   Madre Yvonne Reungoat, Madre Generale delle Figlie di Maria...

Papa Francesco al TED

La crisi climatica globale ci richiederà di trasformare il modo in cui agiamo, afferma Sua Santità Papa Francesco. Tenendo un TED Talk dalla Città del Vaticano, propone tre linee di azione per affrontare i crescenti problemi ambientali del mondo e le disuguaglianze...

Ripartiamo dalle relazioni

Di Mauro Magatti e Chiara Giaccardi   La risposta alla pandemia del Covid-19 — una reazione pressoché mondiale, pur con qualche significativa eccezione — è stata il lockdown. Abbiamo fatto la cosa migliore? C’è chi dice sì e c’è chi dice no. Però, la domanda...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi