Il Bene veste Bene

da | 26 Apr 2016 | Giovani

In questo articolo proponiamo l’iniziativa di un coraggioso giovane che ha deciso di affacciarsi al mondo della moda con una proposta che merita attenzione.

Il nostro slogan più famoso è IL BENE GENERA BENE e noi ci crediamo.

logo

Il marchio che vi presentiamo si chiama A.p.E. Italian Style: una proposta di vestire le idee che cambiano il mondo! Questo marchio firma una piccola sfida al mondo della moda artigianale: i capi vengono prodotti e lavorati da disabili.

L’iniziativa è di Alessandro Ferrari, un giovane lissonese (MB) appassionato di educazione, solidarietà, oratorio e… abbigliamento.

“Lavoro come Responsabile Laico di Oratorio presso una cooperativa della Diocesi di Milano, sono è un ex-grafico pubblicitario. Amo molto i giovani e ho voluto unire le mie passioni creando una linea di abbigliamento con uno stile che si caratterizza per i messaggi positivi, una produzione etica e un aiuto concreto a chi ha più bisogno“.

A.p.E. Italian Style è fatto per i giovani e con i giovani. Lo stile di questi capi è semplice, accattivante e MADE IN ITALY.

“Siamo orgogliosi di poter contribuire a dare un’occupazione a persone in difficoltà che troppo spesso il mondo della grande produzione esclude”. Una parte del nostro profitto viene devoluto in beneficenza al SERMIG di Torino. Ex arsenale militare ora convertito in Arsenale di Pace, il SERMIG è un luogo dove molte persone bisognose trovano un aiuto, una casa e una famiglia che li accoglie e dove tantissimi giovani e famiglie imparano il valore della solidarietà e dell’amicizia, spendendo la loro vita per Dio e per il Prossimo”.

FMA-ape-gallery-1 FMA-ape-gallery-2 FMA-ape-gallery-3

La biografia di Alessandro.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Sono Alessandro Ferrari nato a Sesto San Giovanni il 28/01/74, fin da piccolo mi sono sempre appassionato al mondo della grafica, della moda, dei colori, ma allo stesso tempo al bene e alla solidarietà. Da circa quindici anni faccio parte di una Cooperativa diocesana di Responsabili d’Oratorio, donando tutte le mie energie alla fede e al prossimo. Nel 2006 ho pensato che i giovani dovevano trasmettere i loro ideali e pensieri anche attraverso il loro abbigliamento.
Agli inizi di ApE Italian Style il nostro abbigliamento (delle semplici magliette e felpe) veniva venduto in 7 negozi della provincia di Milano e anche nel centrale negozio di piazza Duomo, JDJ. Ma una conversione molto importante del sottoscritto ha voluto che anche il marchio con la piccola ApE poteva volare anche con valori più alti. Abbiamo ritirato tutti i capi in commercio per non sottostare a delle leggi di mercato che non valorizzavano i nostri ideali e così ora ApE è un brand di abbigliamento che si ispira ai valori cristiani, che viene realizzato in una cooperativa sociale dove lavorano ragazzi disabili o con problemi d’inserimento lavorativo; tutti i capi sono certificati dal filato alla produzione e con le nostre grafiche vogliamo comunicare sempre dei messaggi universali.

Ora esiste una doppia linea, l’abbigliamento per le associazioni (personalizzate per le grosse produzioni) e la LINEA MODA, con vendita sul nostro shop online, dove i giovani possono scegliere felpe made in Italy.

http://www.apeitalianstyle.com/index.php

 

 

Mai più morire soli

Di Giovanni Marcotullio Un regalo di Natale passato forse inosservato è il protocollo che un tavolo tecnico molto assortito ha proposto alla Regione Toscana: la delibera che ha fatto proprio il protocollo ha permesso l'avvio di una procedura che permette ai parenti di...

3^ Domenica dopo l’Epifania – Anno B

3^ Domenica dopo l’Epifania – Anno B 24 gennaio 2021 Vangelo di Matto 14, 13b-21 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   La pericope proposta nella liturgia odierna si colloca nel Vangelo di Matteo, nella sezione narrativa che separa il Discorso in Parabole dal...

3^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

3^ Domenica del Tempo Ordinario - Anno B 24 gennaio 2021 Vangelo di Marco 1, 14- 20 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Le letture di questa domenica mi suggeriscono un percorso in tre passi: il cammino; la conversione; la meta.   1. Il cammino Ad un primo...

Laura Vicuña generatrice di vita

Di suor Anna Maria Dacrema, FMA     Desidero presentarvi Laura, una ragazza che sogna, gioca, ride, ama, soffre e prega. Una giovane alunna che studia, lavora, dialoga con l'amica del cuore e condivide le sue esperienze con i Salesiani e le suore della...

Custodire la fragilità

LE POCHE COSE CHE CONTANO oggi, in educazione   di Suor Cristina Merli, FMA     Nei momenti di crisi, se ci si lascia toccare da ciò che accade, si diventa più essenziali, si scopre ciò che è indispensabile e si impara a lasciar andare ciò che è...

Non di solo studio…

Di Daniele Somenzi   Come organizzare studio e vita sociale nel quotidiano dei ragazzi? E’ una domanda che ci siamo posti tante volte, perché l'organizzazione è un punto fondamentale della missione di “Parole Insieme”. Per questo lavoriamo tanto nel pensare i...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi