Io, giovane, e la politica

da | 20 Ott 2014 | Giovani

Di Vale Buratti- universitaria a Pavia

“E’ finito il tempo di fare gli spettatori sotto il pretesto che si è onesti cristiani. Troppi ancora hanno le mani pulite, senza aver mai fatto nulla”. Parole di don Milani.

L’Italia è per definizione il paese delle contraddizioni: abbiamo il primo ministro più giovane d’Europa e allo stesso tempo il tasso di disoccupazione giovanile più elevato, vantiamo alcuni dei più qualificati ricercatori a livello mondiale, ma la maggioranza non operanti nel nostro paese e la nostra classe dirigente si rivela quanto di più lontano dall’idea di ricambio generazionale.

A ciò si aggiungono i dati preoccupanti di un recente sondaggio che fornisce un quadro di generale insofferenza e rabbia: il 70% dei giovani intervistati considera la politica una realtà estranea a sé e da ciò ne scaturisce una condizione di disinformazione diffusa e allarmante. La disaffezione alle dinamiche da cui è regolata la società in cui si è immersi è, a mio avviso, uno dei sintomi più preoccupanti di una crisi che si sta rivelando non più solo economica, ma anche e soprattutto culturale e valoriale.

La recente fortuna di partiti, animati da una logica populista e autoritaria, sono esplicativi di una classe di giovani disorientati, mal informati e incapaci di rapportarsi alla realtà. Di chi è la colpa? A mio parere, in primo luogo di un sistema scolastico, demolito da riforme selvagge e incuranti degli effetti che ne sarebbero scaturiti, e in secondo luogo dalla mancanza di valori sicuri, su cui l’individuo per lunghi anni si è stabilmente ancorato. Siamo in sintesi di fronte a una generazione figlia della “società liquida” teorizzata dal sociologo Zygmunt Bauman.

La modalità più semplice tramite cui la classe politica può riaccendere la passione giovanile nei confronti della cosa pubblica consiste nel tornare a diffondere e a farsi portavoce di valori autentici.

“I giovani non hanno bisogno di sermoni, i giovani hanno bisogno di esempi di onestà, di coerenza, di altruismo.” Con queste parole, un grande politico come Sandro Pertini invitava al riavvicinamento con i giovani. Di fronte alla logica catastrofista che negli ultimi anni pervade la nostra società, io, giovane, non solo invito la classe politica a un radicale cambiamento, ma faccio anche un appello ai miei coetanei invitandoli a ricominciare a credere in qualcosa di giusto e di grande con la consapevolezza che non si debba solamente sperare nel cambiamento, ma che si debba in prima persona essere il cambiamento.

Non di solo studio…

Di Daniele Somenzi   Come organizzare studio e vita sociale nel quotidiano dei ragazzi? E’ una domanda che ci siamo posti tante volte, perché l'organizzazione è un punto fondamentale della missione di “Parole Insieme”. Per questo lavoriamo tanto nel pensare i...

Presentazione Strenna 2021

Nel pomeriggio del 26 dicembre presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Pontificia Salesiana di Roma è stata lanciata, per la prima volta nella storia in diretta mondiale, la Strenna 2021 del Rettor Maggiore «Mossi dalla speranza: “Ecco, io...

1 Km per la speranza

Di Riccardo Schiavo Roberto Miglio insegna educazione fisica alla Maria Ausiliatrice di San Donato M.se Ammalarsi di Parkinson e vedere, in mezzo al nero, un’opportunità per lanciare un messaggio positivo. Roberto Miglio insegna educazione fisica alla scuola salesiana...

Proposte “non” parrocchiali

Di don Andrea Lonardo   Tanti dichiarano che la parrocchia è finita e poi cosa fanno? Continuano a proporre ricette sulla parrocchia e sull’Iniziazione cristiana. Tanti pastoralisti continuano a ripetere lo slogan che la “civiltà parrocchiale” è finita e poi...

Scuola. Salvare il rientro

Cresce il desiderio di studenti e famiglie di tornare alla didattica in presenza. I nodi da sciogliere sono noti. Ma servono criteri adeguati e non centralistici Di Ezio Delfino   Il desiderio degli studenti e l’attesa delle famiglie di tornare a un regolare...

Buon Natale 2020!

Nulla di romantico: costretti a mettersi in viaggio quando Maria avrebbe bisogno di riposo; locande piene quando ci sarebbe bisogno di un posto caldo ed accogliente dove accogliere il Bambino; notte, freddo, grotta per un evento degno del luogo migliore del mondo per...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi