L’Associazione “Don Bosco Island” a favore dei migranti

da | 4 Nov 2014 | Giovani

Migranti e accoglienza: la famiglia Salesiana traccia la via maestra…

Il 15.10.2014 è nata l’Associazione “Don Bosco Island”.
In un presente in cui ancora si perde la vita mentre si cerca la vita, in un’Italia, dimenticata dall’Europa, in cui essere immigrati significa essere al margine di una società che ha timore di dividere le poche risorse a disposizione, per paura di restarne senza … Arriva forte il messaggio di cambiamento.

Quello della famiglia salesiana che, attraverso le sue tre grandi associazioni figlie: il Vides, il Vis e la Federazione SCS/CNOS, è venuta alla luce, a Catania, “DON BOSCO ISLAND”. Un’associazione temporanea di scopo, finalizzata alla realizzazione dell’accoglienza dei migranti, per rispondere allo stato d’emergenza che coinvolge non solo le coste siciliane, ma l’Italia intera. Con “Don Bosco Island” si svilupperà un progetto integrato basato su un duplice livello: una prima accoglienza nella regione di arrivo delle migrazioni, in Sicilia, e un successivo inserimento in strutture di seconda accoglienza presenti sull’intero territorio nazionale.

Il Centro potrà accogliere dai 50 agli 80 migranti che potranno rimanere nella struttura per un periodo stimato tra i 90 e i 120 giorni, durante il quale riceveranno cure mediche e verranno espletate le procedure necessarie per le richieste di asilo. Le persone accolte saranno impegnate in corsi di lingua italiana, informatica, cittadinanza, presentazione e conoscenza della cultura e dei costumi italiani. Alla Plaia di Catania nascerà anche il Centro “Don Bosco per i giovani del mondo”: sarà una sorta di “cittadella” dell’integrazione, luogo dove far convergere riflessioni, scambi e attività dei vari centri di accoglienza della Sicilia salesiana (come Camporeale, Cammarata, Agrigento, Piazza Armerina, Palermo, Viagrande, Giarre).

Sarà il luogo dove le associazioni salesiane, il mondo della scuola e della formazione professionale avranno la possibilità di realizzare momenti di formazione interculturale attraverso le occasioni d’incontro, festa, dialogo e confronto su temi e questioni riguardanti la mondialità e l’integrazione.
“Il VIDES Italia, dice il direttore sr Giovanna Montagnoli, vuole essere protagonista della storia contemporanea e non semplice osservatore”, protagonista per un presente di integrazione, accoglienza e umanità, per un futuro multiculturale in cui l’uguaglianza, la reciprocità e la parità siano valori universalmente validi e vissuti in ogni fibra del tessuto sociale, non solo in alcune nicchie di solidarismo e volontariato.

Visita anche

www.vides.org

www.volontariatointernazionale.it

www.salesianiperilsociale.it

Verità e bellezza

Di Micol Forti   Vincent van Gogh ha speso la sua breve vita nella ricerca, intensa, vitale, disperata, della Verità e della Bellezza. Una Verità e una Bellezza che attraverso la pittura — il linguaggio che aveva scelto per capire e comunicare con il mondo —...

Bergamo: nasce “Generavivo”

Di Anna Spena   56 unità abitative in acquisto e locazione a canone calmierato. Un ambulatorio, orti sociali, un co-working, una living room aperta a tutti e la creazione di gruppi di acquisto solidale. "Generavivo" è il concept dell'abitare del futuro che...

Ci baciamo a settembre

Di suor Cristina Merli   Quando Marco Erba incontra i ragazzi li tiene incollati alle parole e alla vita che racconta. Oggi sono quegli stessi ragazzi che tengono incollati noi alle pagine di Ci baciamo a settembre, libro che, finalmente, dà voce al loro punto di...

La volta buona

Di Aldo Artosini   Bartolomeo è uno dei tanti procuratore di calciatori che solcano i campi sportivi. Dopo anni in cui le cose gli giravano bene, ora vive di espedienti e piccoli imbrogli. È in grande difficoltà economica; è stato lasciato dalla moglie, che gli...

Debbie Phelps: la forza di una mamma

Di Annalisa Teggi   Lo scorso 30 giugno ha compiuto 35 anni ed è il campione olimpico più vincente di sempre: 28 medaglie, di cui 23 d’oro. Ha conquistato anche il record di aver ottenuto il maggior numero di medaglie in una singola Olimpiade, e sono gli 8 ori...

Ragazzi buoni e ragazzi cattivi?

Di Emilia Guarnieri   Forse non ce lo aspettavamo, perché per un paio di mesi non li avevamo sentiti, o meglio, ognuno aveva sentito quelli che gli erano più vicini. Gli insegnanti avevano provato a sentirli tutti, tutti quelli delle loro classi. Non ci...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi