Mai così perseguitati

da | 20 Feb 2018 | Giovani

Come nei primi secoli del cristianesimo, il Colosseo, il prossimo 24 febbraio, si tingerà di rosso: le luci purpuree ricorderanno all’Occidente laico-laicista le sue origini di terra fecondata dal sangue di quanti, attratti dal messaggio evangelico, hanno sparso il seme della fede.

L’iniziativa della fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che soffre si inserisce in una doverosa opera di sensibilizzazione sulle persecuzioni, anche sanguinose, subite dalle comunità di fedeli in molte parti del mondo.

L’uomo occidentale non solo ha perso ogni riferimento religioso, ma è divenuto anche insensibile alla sofferenza, complici i media che hanno purtroppo sottaciuto la gravissima situazione, specialmente nel Medio Oriente.

Illuminare il Colosseo e, contemporaneamente, due luoghi simbolo delle nuove persecuzioni – la Cattedrale maronita di Sant’Elia ad Aleppo in Siria e la Chiesa di San Paolo a Mosul in Iraq – significherà rimarcare l’intensa comunione di fede e aiuto tra le comunità cristiane, l’unico antidoto all’apatia e all’individualismo dilaganti.

Il gesto dell’illuminazione sarà accompagnato dalle testimonianze di quanti hanno sperimentato sulla propria vita o su quella di congiunti il dramma della negazione della libertà religiosa: Ashiq Masih e Eisham Ashiq (marito e figlia di Asia Bibi) e Rebecca Bitrus, nigeriana rapita dalla setta islamista Boko Haram, si faranno portavoce dei martiri dei giorni nostri.

Si spera che l’evento trascenda la dimensione puramente sentimentale per colpire le coscienze, specialmente in campo istituzionale: è significativa la presenza di esponenti dell’Unione Europea, come il presidente del Parlamento Europeo, on. Tajani, e dell’inviato speciale Figel, ma si tratta ancora di un piccolo tassello.

Il vero passo sarebbe la concretizzazione del diritto di libertà religiosa, affermato in tutte le sedi internazionali, ma purtroppo rimasto lettera morta.

Una concretizzazione che parte dalla riscoperta del senso di comunità, che trascende i confini e tende la mano ad ogni fratello, ovunque si trovi; un senso di comunità che impone moralmente l’informazione consapevole; un senso di comunità che porta alla valorizzazione delle radici cristiane.

Che il prossimo 24 febbraio, preceduto il 23 dal digiuno indetto dal Papa per la pace, sia un momento di meditazione sulla nostra identità di cristiani, sorti dalla coerenza di chi ha speso la vita per il Vangelo predicato…

Andrea Miccichè

4^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

20 settembre 2020 – Anno A VANGELO di Giovanni 6, 24-35 Commento di suor Chiara Papaleo, FMA   Il clima di questa pagina di Vangelo sembra quasi fare da eco a quella della Samaritana, con la differenza che al capitolo IV era messa a tema l’acqua e la sete insita...

25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A Vangelo di Matteo, 20, 1-16 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi