Mai così perseguitati

da | 20 Feb 2018 | Giovani

Come nei primi secoli del cristianesimo, il Colosseo, il prossimo 24 febbraio, si tingerà di rosso: le luci purpuree ricorderanno all’Occidente laico-laicista le sue origini di terra fecondata dal sangue di quanti, attratti dal messaggio evangelico, hanno sparso il seme della fede.

L’iniziativa della fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che soffre si inserisce in una doverosa opera di sensibilizzazione sulle persecuzioni, anche sanguinose, subite dalle comunità di fedeli in molte parti del mondo.

L’uomo occidentale non solo ha perso ogni riferimento religioso, ma è divenuto anche insensibile alla sofferenza, complici i media che hanno purtroppo sottaciuto la gravissima situazione, specialmente nel Medio Oriente.

Illuminare il Colosseo e, contemporaneamente, due luoghi simbolo delle nuove persecuzioni – la Cattedrale maronita di Sant’Elia ad Aleppo in Siria e la Chiesa di San Paolo a Mosul in Iraq – significherà rimarcare l’intensa comunione di fede e aiuto tra le comunità cristiane, l’unico antidoto all’apatia e all’individualismo dilaganti.

Il gesto dell’illuminazione sarà accompagnato dalle testimonianze di quanti hanno sperimentato sulla propria vita o su quella di congiunti il dramma della negazione della libertà religiosa: Ashiq Masih e Eisham Ashiq (marito e figlia di Asia Bibi) e Rebecca Bitrus, nigeriana rapita dalla setta islamista Boko Haram, si faranno portavoce dei martiri dei giorni nostri.

Si spera che l’evento trascenda la dimensione puramente sentimentale per colpire le coscienze, specialmente in campo istituzionale: è significativa la presenza di esponenti dell’Unione Europea, come il presidente del Parlamento Europeo, on. Tajani, e dell’inviato speciale Figel, ma si tratta ancora di un piccolo tassello.

Il vero passo sarebbe la concretizzazione del diritto di libertà religiosa, affermato in tutte le sedi internazionali, ma purtroppo rimasto lettera morta.

Una concretizzazione che parte dalla riscoperta del senso di comunità, che trascende i confini e tende la mano ad ogni fratello, ovunque si trovi; un senso di comunità che impone moralmente l’informazione consapevole; un senso di comunità che porta alla valorizzazione delle radici cristiane.

Che il prossimo 24 febbraio, preceduto il 23 dal digiuno indetto dal Papa per la pace, sia un momento di meditazione sulla nostra identità di cristiani, sorti dalla coerenza di chi ha speso la vita per il Vangelo predicato…

Andrea Miccichè

Presentazione Strenna 2021

Nel pomeriggio del 26 dicembre presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Pontificia Salesiana di Roma è stata lanciata, per la prima volta nella storia in diretta mondiale, la Strenna 2021 del Rettor Maggiore «Mossi dalla speranza: “Ecco, io...

1 Km per la speranza

Di Riccardo Schiavo Roberto Miglio insegna educazione fisica alla Maria Ausiliatrice di San Donato M.se Ammalarsi di Parkinson e vedere, in mezzo al nero, un’opportunità per lanciare un messaggio positivo. Roberto Miglio insegna educazione fisica alla scuola salesiana...

Proposte “non” parrocchiali

Di don Andrea Lonardo   Tanti dichiarano che la parrocchia è finita e poi cosa fanno? Continuano a proporre ricette sulla parrocchia e sull’Iniziazione cristiana. Tanti pastoralisti continuano a ripetere lo slogan che la “civiltà parrocchiale” è finita e poi...

Scuola. Salvare il rientro

Cresce il desiderio di studenti e famiglie di tornare alla didattica in presenza. I nodi da sciogliere sono noti. Ma servono criteri adeguati e non centralistici Di Ezio Delfino   Il desiderio degli studenti e l’attesa delle famiglie di tornare a un regolare...

Buon Natale 2020!

Nulla di romantico: costretti a mettersi in viaggio quando Maria avrebbe bisogno di riposo; locande piene quando ci sarebbe bisogno di un posto caldo ed accogliente dove accogliere il Bambino; notte, freddo, grotta per un evento degno del luogo migliore del mondo per...

Un Arcivescovo “dal basso”

Don Mimmo Battaglia nuovo arcivescovo di Napoli Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell’Arcidiocesi Metropolitana di Napoli (Italia) del cardinale Crescenzio Sepe. Il nuovo Arcivescovo Metropolita di Napoli è Mons. Domenico Battaglia. Don...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi