Medjugorje… una piccola cittadina in Bosnia Erzegovina.

da | 4 Lug 2017 | Giovani

Una piccola cittadina che negli ultimi mesi sta destando scalpore. Perfino Papa Francesco è intervenuto direttamente.

Ma non è per questo che vi scrivo… voglio scrivere della mia esperienza in quella piccola cittadina. Perchè, neanche a farlo apposta, un mese fa ho avuto la possibilità di partecipare ad un pellegrinaggio. Avrei dovuto scrivere due righe appena tornato, ma le sensazioni, le emozioni erano molto intense, ancora confuse… che non riuscivano a prendere forma in parole.

Ancora oggi lo sono. Perchè Medjugorje è una chiamata. Appena salito sul pullman mi è stato detto che chiunque va a Medjugorje è perché la Madonna lo ha chiamato; c’è sempre un motivo, che a volte può essere già conosciuto, a volte è in fase di elaborazione, altre ancora da decifrare (come nel mio caso…). Ma si è li. E si prova a vivere al massimo ogni esperienza, ogni testimonianza, ogni momento di preghiera personale e insieme alle altre persone.

Non voglio scrivere del mio viaggio nei particolari, perché ogni persona vive questo pellegrinaggio in maniera differente. E come ho già detto in diversi articoli, vorrei solo provocare Te Lettore, magari stimolandoti a provare e a farti una tua idea.

Perché li tocchi con mano che c’è Qualcosa. Lo senti nell’aria, lo vedi nelle persone di diverse nazionalità, nel miscuglio delle varie lingue mentre si recita un Santo Rosario. Maria chiama e unisce il Suo popolo nella preghiera, nella ricerca della Pace. Lo vedi negli occhi di chi ti racconta la propria vita in una testimonianza, nel silenzio e nella pace interiore che senti. Lì sembra tutto facile… pregare, prendere tempo per se stessi. Il difficile è poi riportarlo nella vita quotidiana, nei ritmi caotici che la vita ci impone.. eppure basterebbe poco.

Ci sono stati molti episodi che qualcuno potrebbe definire “coincidenze”, “casualità” negli incontri con diverse persone, nelle celebrazioni e nei riti che Medjugorje offre. O forse è qualcos’altro??

Come ti dicevo, non so perchè ci sono andato, come diverse persone incontrate e molte delle persone che ci vanno: una chiamata, una conversione o semplicemente un luogo di pellegrinaggio e preghiera? Io non ho la risposta… spero solo di capirla presto, e spero di avere un’altra possibilità, magari improvvisa come questa, per tornarci e vivere questa esperienza nuovamente.

Alla fine è solo questo… affidarsi.. credere nella pace, cercarla incominciando dal proprio piccolo…

Mettersi in gioco ogni giorno. E Tu? Sei pronto a farlo?

Debbie Phelps: la forza di una mamma

Di Annalisa Teggi   Lo scorso 30 giugno ha compiuto 35 anni ed è il campione olimpico più vincente di sempre: 28 medaglie, di cui 23 d’oro. Ha conquistato anche il record di aver ottenuto il maggior numero di medaglie in una singola Olimpiade, e sono gli 8 ori...

Ragazzi buoni e ragazzi cattivi?

Di Emilia Guarnieri   Forse non ce lo aspettavamo, perché per un paio di mesi non li avevamo sentiti, o meglio, ognuno aveva sentito quelli che gli erano più vicini. Gli insegnanti avevano provato a sentirli tutti, tutti quelli delle loro classi. Non ci...

No al multitasking

Di Annalisa Teggi   Il tempo è nostro alleato, un dono prezioso, eppure proprio l’illusione di fare più cose contemporaneamente ce lo fa percepire come nemico. Ecco una strategia semplice per arginare la frenesia e per dare valore a ogni cosa.   Essere...

Ennio Morricone

Ennio Morricone: «La mia musica illuminata dalla fede»   di Vik van Brantegem   Addio al grande compositore, morto nella notte per le conseguenze di una caduta. Nell’intervista che ha rilasciato a Vito Amodio nel 2015 per Famiglia Cristiana, raccontò...

Un nuovo modello di Parrocchia

La paura del contagio frena l’affluenza nelle chiese. Lenza (psicologa): “Passare a un modello di parrocchia che va verso i fedeli”   Di Serena Rubini   Contro la paura serve pensare a nuovo modello di parrocchia, aiutare gli altri e rispettare i propri...

Bud, un gigante per papà

La figlia di Bud Spencer: ho avuto un padre dal cuore smisurato   Di Annalisa Teggi   Calzava il numero 47 ai piedi, Bud Spencer «in arte Carlo Persoli» (così disse lui ridendo alla consegna del David di Donatello). Quel numero di piede così grande dice...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi