M’interesso di te

da | 18 Dic 2018 | Giovani

Per cambiare la vita dei giovani più poveri e abbandonati

Secondo l’Atlante Minori Stranieri Non Accompagnati (MSNA) dell’ONG “Save the Children”, nel 2017 sono arrivati in Italia oltre 17mila minori, dei quali 15.779 minori senza alcun accompagnatore – praticamente, il 90%.
A questi vanno aggiunti i MSNA che non vengono intercettati alla frontiera o nei luoghi di sbarco: si tratta di circa 5.000 ragazzi “invisibili”, che ogni giorno rischiano di essere coinvolti in attività criminali o in circuiti di sfruttamento sessuale.

 

Il progetto “M’interesso di te”, portato avanti dai “Salesiani per il Sociale” cambia le vite di tanti di questi ragazzi.

 

A Catania sta lavorando per ricostruire le esistenze di A.B., nato il 23 novembre 1999. Partito dalla Guinea il 24 agosto 2015, è arrivato in Italia il 9 giugno 2016. Dopo la morte del padre nessuno si occupava della sua famiglia, perché aveva la mamma malata. Un amico di famiglia voleva prendere il posto del padre, ma lui glielo ha impedito perché era un uomo violento: ha voluto così cercare di raggiungere l’Italia per mandare i soldi alla famiglia.

Non ha potuto studiare perché non avevano i soldi nemmeno per compare quaderni e materiale scolastico. In poco meno di un anno ha girato in diversi Paesi prima di potersi imbarcare per arrivare in Sicilia. Ha dormito nelle stazioni del Benin e del Togo e mangiava una volta al giorno.

Quando è riuscito ad arrivare a Tripoli, insieme con altre 300 persone, è rimasto due mesi in una fossa dove venivano nutriti una volta al giorno, con acqua razionata. Gli hanno rubato tutto, vestiti, documenti: ha subito violenze, ha visto persone morire per le percosse ricevute. Dopo un giorno e mezzo di viaggio è sbarcato in Sicilia: vorrebbe rimanere a Catania, si trova bene e sta studiando per darsi una possibilità. Ora sta studiando all’Istituto Alberghiero “Filippo Eredia Deodato” di Catania.

Sempre a Catania i Salesiani accompagnano S., ventenne nigeriano. Viveva con la famiglia a Maiduguri, poi si è iscritto a un college a Chibok. A gennaio del 2015 il college dove studiava è stato preso di mira dai terroristi di Boko Haram, che lo hanno assaltato: lui è riuscito a scappare e a tornare a casa. Ma la città era ostaggio del gruppo terroristico, quindi con la famiglia si sono spostati a Kano, in una casa di famiglia. Ma la casa è andata parzialmente distrutta da un nuovo attacco di Boko Haram e S. ha deciso di andare via per aiutare la famiglia visto che il padre aveva perso il lavoro.

Il progetto “M’interesso di te” dei “Salesiani per il Sociale” sostiene il lavoro della rete composta da educatori di strada, psicologi e volontari che garantiscono subito a ciascun ragazzo intercettato, sostegno e protezione. In una seconda fase, questa rete offre ai ragazzi intercettati la possibilità di seguire un corso di lingua italiana, di ricevere assistenza legale per l’iter di riconoscimento, di acquisire competenze professionali e inserirsi nel mondo del lavoro.

 

Fonte: infoans

 

 

4^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

20 settembre 2020 – Anno A VANGELO di Giovanni 6, 24-35 Commento di suor Chiara Papaleo, FMA   Il clima di questa pagina di Vangelo sembra quasi fare da eco a quella della Samaritana, con la differenza che al capitolo IV era messa a tema l’acqua e la sete insita...

25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A Vangelo di Matteo, 20, 1-16 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi