M’interesso di te

da | 18 Dic 2018 | Giovani

Per cambiare la vita dei giovani più poveri e abbandonati

Secondo l’Atlante Minori Stranieri Non Accompagnati (MSNA) dell’ONG “Save the Children”, nel 2017 sono arrivati in Italia oltre 17mila minori, dei quali 15.779 minori senza alcun accompagnatore – praticamente, il 90%.
A questi vanno aggiunti i MSNA che non vengono intercettati alla frontiera o nei luoghi di sbarco: si tratta di circa 5.000 ragazzi “invisibili”, che ogni giorno rischiano di essere coinvolti in attività criminali o in circuiti di sfruttamento sessuale.

 

Il progetto “M’interesso di te”, portato avanti dai “Salesiani per il Sociale” cambia le vite di tanti di questi ragazzi.

 

A Catania sta lavorando per ricostruire le esistenze di A.B., nato il 23 novembre 1999. Partito dalla Guinea il 24 agosto 2015, è arrivato in Italia il 9 giugno 2016. Dopo la morte del padre nessuno si occupava della sua famiglia, perché aveva la mamma malata. Un amico di famiglia voleva prendere il posto del padre, ma lui glielo ha impedito perché era un uomo violento: ha voluto così cercare di raggiungere l’Italia per mandare i soldi alla famiglia.

Non ha potuto studiare perché non avevano i soldi nemmeno per compare quaderni e materiale scolastico. In poco meno di un anno ha girato in diversi Paesi prima di potersi imbarcare per arrivare in Sicilia. Ha dormito nelle stazioni del Benin e del Togo e mangiava una volta al giorno.

Quando è riuscito ad arrivare a Tripoli, insieme con altre 300 persone, è rimasto due mesi in una fossa dove venivano nutriti una volta al giorno, con acqua razionata. Gli hanno rubato tutto, vestiti, documenti: ha subito violenze, ha visto persone morire per le percosse ricevute. Dopo un giorno e mezzo di viaggio è sbarcato in Sicilia: vorrebbe rimanere a Catania, si trova bene e sta studiando per darsi una possibilità. Ora sta studiando all’Istituto Alberghiero “Filippo Eredia Deodato” di Catania.

Sempre a Catania i Salesiani accompagnano S., ventenne nigeriano. Viveva con la famiglia a Maiduguri, poi si è iscritto a un college a Chibok. A gennaio del 2015 il college dove studiava è stato preso di mira dai terroristi di Boko Haram, che lo hanno assaltato: lui è riuscito a scappare e a tornare a casa. Ma la città era ostaggio del gruppo terroristico, quindi con la famiglia si sono spostati a Kano, in una casa di famiglia. Ma la casa è andata parzialmente distrutta da un nuovo attacco di Boko Haram e S. ha deciso di andare via per aiutare la famiglia visto che il padre aveva perso il lavoro.

Il progetto “M’interesso di te” dei “Salesiani per il Sociale” sostiene il lavoro della rete composta da educatori di strada, psicologi e volontari che garantiscono subito a ciascun ragazzo intercettato, sostegno e protezione. In una seconda fase, questa rete offre ai ragazzi intercettati la possibilità di seguire un corso di lingua italiana, di ricevere assistenza legale per l’iter di riconoscimento, di acquisire competenze professionali e inserirsi nel mondo del lavoro.

 

Fonte: infoans

 

 

Quaresima. Un viaggio di ritorno a Dio

Papa Francesco celebra la Santa Messa con Rito di benedizione e imposizione delle Ceneri all’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro. Una messa mattutina, pochi fedeli, distanziamento sociale e nuove regole per l'imposizione delle Ceneri a causa...

1^ Domenica di Quaresima – Anno B

1^ Domenica di Quaresima – Anno B 21 febbraio 2021 Vangelo di Matteo 4,1-11 Commento di suor Beatrice Schullern, FMA   “In questo tempo di Quaresima, accogliere e vivere la Verità manifestatasi in Cristo significa prima di tutto lasciarci raggiungere dalla Parola...

1^ Domenica di Quaresima – Anno B

1^ Domenica di Quaresima – Anno B 21 febbraio 2021 Vangelo di Marco 1,12-15 Commento di suor Silvia Testa, FMA   L’evangelista Marco, nei suoi pochi versetti che descrivono la pericope delle “tentazioni”, ci regala, attraverso alcuni verbi suggestivi, un...

Senza mezzi termini… Ma con speranza

di Andrea Miccichè   Un capitolo scritto senza mezzi termini, una diagnosi implacabile, una certificazione del disastro: le considerazioni dell’enciclica Fratelli tutti, che vanno sotto il titolo Le ombre di un mondo chiuso non lasciano dubbi sulla gravità della...

Il potere della musica

Di Riccardo Deponti   La musica è note, melodie, a volte parole. Ma soprattutto emozioni. Ma non solo. C'è qualcosa che non mi riesco a spiegare. Qualcosa di misterioso, forte, unico. L'altra sera, finito la cena, stavamo parlando a tavola quando mio papà ci ha...

La catastrofe educativa

Di Sara De Carli   «Assistiamo a una sorta di “catastrofe educativa”, davanti alla quale non si può rimanere inerti, per il bene delle future generazioni e dell’intera società», ha detto il Papa agli ambasciatori. Il commento di Ivo Lizzola: «Educare è un...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi