Ripartiamo dalle relazioni

da | 19 Ott 2020 | Libri, Giovani

Di Mauro Magatti e Chiara Giaccardi

 

La risposta alla pandemia del Covid-19 — una reazione pressoché mondiale, pur con qualche significativa eccezione — è stata il lockdown. Abbiamo fatto la cosa migliore? C’è chi dice sì e c’è chi dice no. Però, la domanda giusta è un’altra. Per quanto tempo avremmo potuto rinunciare alla libertà e consegnarci alla sorveglianza totale? Poco, molto poco, perché la libertà non è la volontà di potenza di un individuo, di una cultura, di uno Stato, ma la stessa condizione umana nella quale nasciamo, viviamo e moriamo e senza la quale non siamo in grado di ottenere nemmeno quel poco di sicurezza di cui abbiamo bisogno per vivere in modo decente.

Allora, l’esperienza catastrofica dell’epidemia, letta in questo modo, non è solo un male da cui difendersi, ma diventa anche, per dirla con l’espressione che Ernesto De Martino usa nel libro La fine del mondo, una «catastrofe vitale» che ci spinge a ripensare noi stessi e, insieme, il mondo vecchio che tramonta e il mondo nuovo che sorge, perché la fine a volte è un inizio. È proprio questa l’interpretazione che Chiara Giaccardi e Mauro Magatti, con il libro: Nella fine è l’inizio. In che mondo vivremo (il Mulino), danno dell’esperienza distopica e dispotica che abbiamo vissuto.

Gli uomini dinanzi ad un trauma reagiscono in due modi: o rimuovono o rinascono. La prima reazione è un meccanismo di difesa: dimenticare e riprendere a vivere come se nulla fosse accaduto. Ma c’è un ma: dimenticare senza capire ci espone alla possibilità di commettere gli stessi errori. E siccome nessuno vuole ripetere l’esperienza, «che nel pensier rinova la paura» come dice Dante, dell’epidemia e della chiusura totale, non resta altro da fare che, per seguire ancora il padre della nostra lingua, rinascere a «vita nova». Per farlo è giocoforza assumere su di sé proprio la vita che si cela nella stessa catastrofe. Se c’è una cosa che rivelano sia il contagio sia la chiusura è che la vita umana è prima di tutto relazione e che, lo si voglia o no, la relazione riguarda sia il male (l’infezione) sia il bene (la libertà).

La nostra società è «descritta» dagli autori — entrambi insegnano Sociologia alla Cattolica di Milano — attraverso cinque concetti: rischio, connessione, libertà, potenza, insicurezza. Non sono parole vuote, ma condizioni reali che hanno dentro di sé sia il bene sia il male. Con il sopraggiungere di un evento imprevisto come la pandemia il rischio può diventare emergenza, la connessione isolamento, la libertà sorveglianza, la potenza fragilità, l’insicurezza angoscia. Sta a noi fare in modo che l’ambivalenza non degeneri verso il male, ma sia invece occasione di nuova creazione di bene, non dando risposte vecchie a problemi vecchi bensì risposte nuove a problemi nuovi. Facile a dirsi, difficile a farsi, naturalmente.

Infatti, gli autori si guardano bene dal fornire soluzioni astratte e danno, invece, delle risposte aperte che corrispondono a: resilienza, interdipendenza, responsività, cura, pro-tensione. Lo fanno, in verità, anche con una certa ironia, perché si rendono conto del limite stesso delle parole, come ad esempio «resilienza» che, per il troppo uso, rischia di richiamare una sorta di resistenza alla retorica della resilienza.

Tuttavia, la questione è proprio ciò che si è detto: non ci sono soluzioni pratiche, che ognuno dovrà trovare provando, ma interpretazioni per mettersi alla pari con il «nuovo mondo». L’abusata immagine della «macchina che deve ripartire» è a sua volta una formula retorica che non funziona e finisce per condurre la macchina fuori strada perché la società, e in generale la vita umana, non è una macchina.

L’unico modo per tornare indietro è andare avanti cercando di non ripetere gli errori precedenti. È come se l’epidemia avesse mostrato i limiti della società che, sottovalutati, si sono capovolti. Abbiamo ignorato i rischi fino a trasformare la realtà in irrealtà e le cose concrete si son riprese i loro diritti. Abbiamo creduto possibile che miliardi di persone potessero vivere come monadi in un mondo illimitato e il mondo ha capovolto l’utopia in distopia. Perfino la libertà è stata messa sul banco degli imputati e si è pensato, come in passato, che per conservarla andasse messa per un po’ tra parentesi.

Un errore che, se ripetuto con nuove crisi, ci condurrebbe verso la «società della sorveglianza». È questo il nostro destino? Per evitare «la fine del mondo» non possiamo fare altro che ripensare la libertà. A conti fatti, la cosa più antica del mondo.

Dopo i momenti critici è un errore pensare di ricominciare come se nulla fosse accaduto.

 

 

Fonte: Generativita

Grazie, a nome di don Bosco, ai nostri benefattori

di don Angel Fernandez Artime   Anche oggi si rinnova in me la convinzione che in ogni momento lo Spirito di Dio suscita milioni e milioni di persone con un cuore deciso a rendere questo mondo sempre più umano. Per questo voglio ringraziare, a nome di don Bosco,...

Non solo studio

di Daniele Somenzi   Incontro Edoardo, studente universitario, per un colloquio di conoscenza e mi colpisce per una frase che qui parafraso “Se la scuola è il contesto unico su cui vieni valutato come persona e in quel contesto fallisci, allora hai fallito in...

La stanza degli abbracci

Di Paola Belletti   Perché questo tempo non è solo "il tempo del Covid" è soprattutto il presente, il solo che ci è dato a disposizione e l'unico nel quale nutrire e curare le relazioni con le persone che amiamo. In una RSA a Castelfranco Veneto hanno realizzato...

Nella fine è l’inizio

Di suor Cristina Merli, FMA   L’irrompere e il perdurare della pandemia nel mondo è un microscopio per leggere il nostro tempo e un telescopio per guardare più lontano. Il Covid-19 è una catastrofe che ha rovesciato tutti gli aspetti della nostra esistenza: dopo...

Nessuna parola

Di Riccardo Deponti   Sono le 03,50. Sono ancora sveglio nel mio letto, con gli occhi chiusi. Ma non riesco ad addormentarmi... parole, frasi, discorsi mi riempiono la testa... Provo a svuotarla... ma nulla. Accendo il cellulare, e provo a mettere un po' di...

Collegi Universitari, accoglienza e formazione

Di suor Silvana Mascotto, FMA   Il trafiletto ‘Il valore dei Collegi universitari di merito’ comparso su Avvenire del 16 ottobre dentro un’ampia pagina che considerava la sfida di Papa Francesco con un ‘patto educativo globale’, ha permesso di rilevare due dati...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi