Sposarsi oggi: il dono del “per sempre”

da | 21 Nov 2017 | Giovani

Anche l’amore ha bisogno di modelli: nel cammino verso il Sinodo Federica e Andrea raccontano che cosa li ha condotti al matrimonio.

Ci siamo conosciuti 10 anni fa nell’estate 2007 e quest’anno l’8 luglio 2017 ci siamo sposati. Federica 29 anni insegnante e Andrea 28 anni magazziniere. Ci siamo incontrati in una vacanza dell’oratorio quando avevamo rispettivamente 19 e 18 anni, si può dire sia stato un colpo di fulmine! Ci siamo innamorati e da allora non ci siamo più lasciati. Ci sono stati problemi e preoccupazioni, ma è sempre stata più forte la voglia di stare insieme e di affrontare insieme le cose della vita, grandi o piccole, belle o brutte che fossero. Insomma siamo stati fidanzati per tanto tempo, vorrà dire qualcosa?

Sì, ma il passo non è stato obbligato, c’è stata una scelta comune, un pensiero condiviso. Sposarsi oggi. La domanda è: perché? Vista così la cosa suona quasi ironica eppure la questione non è così banale. Sicuramente era in noi vivo il desiderio di condividere del tempo e dello spazio insieme, di uscire dal nido comodo e caldo delle nostre rispettive case a costo di scontrarci sulle piccole cose, al costo di fare la fatica di smussare ancor di più gli angoli dei nostri diversi caratteri.

Ma perché sposarsi oggi e perché in chiesa?

Ci si può chiedere infatti se non era meglio sposarsi in comune, magari convivendo almeno per un periodo prima del matrimonio, se non era meglio convivere e basta o se davvero ne sia valsa la pena dirsi “sì” per sempre. Ce lo si chiede perché la realtà oggi è questa: sempre più spesso le coppie decidono di voler vivere insieme, ma alla condizione di rimanere liberi da ogni vincolo, da ogni obbligo e da ogni definitezza. Ma così facendo si è veramente liberi? La libertà non è mai “libertà da”, è sempre “libertà di”. La vera libertà è quella di scegliere una persona e di scegliere di amarla. Amare infatti è molto più che convivere, è vivere per l’altro.

Certo, amare non è facile: implica impegno, responsabilità, sacrificio, maturità. Ma è proprio qui il bello: è uno sforzo, si deve far fatica per conquistarlo. Oggi si tende a disimpegnarsi, deresponsabilizzarsi, a non volere una relazione seria, a pensare a sé stessi, a voler essere conquistati ma a dare la colpa all’altro se le cose non funzionano, a preferire il “per il momento”.

Ma se amiamo davvero, amiamo per sempre.

La difficoltà del “per sempre” c’è ed è umana: sembra impossibile pensare all’eternità ora, essere tanto sicuri di una nostra scelta da decidere che sia per tutta l’eternità!
Questa difficoltà è di tutti e in fondo si connette alla più generale paura dell’ignoto e alla subdola e costante paura del fallimento. Anche noi abbiamo fatto i conti con le nostre paure. Una di queste è la paura di non bastare all’altro o che l’altro non ci basti così com’è. Il pensare che esistono milioni di persone a questo mondo e chissà se noi avremo la forza di rimanere fedeli l’un l’altro o chissà se ci ameremo sempre con la stessa intensità, chissà se cambierà qualcosa anche nel nostro amarci, chissà se riusciremo ad andare oltre le nostre idiosincrasie.
Ma è la paura stessa ad essere il vero ostacolo dell’amore. Non si deve avere paura di nulla, tanto meno di sbagliare. Si deve al contrario avere il coraggio di sbagliare, che è poi il coraggio di amare, di buttare il cuore oltre l’ostacolo e di farlo con gioia.

Noi non siamo perfetti, nessuno di noi lo è. Se accettiamo la nostra imperfezione e quella dell’altro, accettiamo di aver bisogno dell’altro, di non bastare a noi stessi. Se fossimo perfetti, se tutto andasse sempre alla perfezione così come abbiamo pianificato nella nostra testa, non avrebbe senso l’esistenza di qualcun altro, non avrebbe senso amare. E invece ci accorgiamo di aver bisogno di amare, di aver bisogno di Altro nella nostra vita, di Qualcuno e di Qualcosa di più grande. E ci accorgiamo che questo è il Senso e la Direzione del nostro amore.

Noi abbiamo sperimentato la gioia di questo amore in particolare nel giorno del nostro matrimonio in cui l’emozione si è mescolata ai volti delle persone che conosciamo, alla bellezza del festeggiare insieme un presente così forte e pieno che rimarrà indelebile nel futuro. Ci siamo lasciati guidare anche dalle parole di S. Agostino, che abbiamo scelto per i nostri ringraziamenti, in particolare quando dice: “la misura dell’amore è amare senza misura”. Queste parole ci sembra che trasformino la paura, la vertigine dell’eterno in qualcosa di grande, di smisurato in quanto infinitamente buono. E noi ci siamo sentiti chiamati a questa dismisura, chiamati a puntare in alto: che poi è il significato stesso della parola “vocazione”.

Per noi la vocazione del matrimonio si traduce in un dono e un compito.

Un dono, perché è qualcosa di gratuito che riceviamo da Dio, è qualcosa che ci guida verso il bello, ci vivifica e ci rafforza, è qualcosa che ci ricorda che non ci siamo fatti da noi stessi, che è divino il dare ma anche il ringraziare, il lasciarsi amare. Un compito, perché questo dono lo dobbiamo custodire e far fruttare, lo dobbiamo coltivare giorno per giorno.
Siamo esseri in cammino: ognuno di noi cammina sempre verso l’altro e insieme verso Dio. Nulla è già dato, per fortuna, siamo noi che decidiamo di collaborare alla continua Creazione di Dio che in ogni attimo decide di amarci, sta a noi scegliere se remargli contro o dargli una mano e viaggiare con Lui. Questa è la vera Libertà, il vero Amore che Dio ci ha donato e noi abbiamo deciso di coglierlo e di accoglierlo nella nostra nuova vita, nella nostra nuova casa e nella nostra nuova famiglia.

Andrea & Federica | Vino Nuovo

Papa Francesco al TED

La crisi climatica globale ci richiederà di trasformare il modo in cui agiamo, afferma Sua Santità Papa Francesco. Tenendo un TED Talk dalla Città del Vaticano, propone tre linee di azione per affrontare i crescenti problemi ambientali del mondo e le disuguaglianze...

Ripartiamo dalle relazioni

Di Mauro Magatti e Chiara Giaccardi   La risposta alla pandemia del Covid-19 — una reazione pressoché mondiale, pur con qualche significativa eccezione — è stata il lockdown. Abbiamo fatto la cosa migliore? C’è chi dice sì e c’è chi dice no. Però, la domanda...

Scuola, non chiudete le superiori

Di Alberto Pellai Lo psicologo Alberto Pellai nel suo profilo Facebook interviene sull'ipotesi di utilizzare la Dad per gli studenti più grandi (una riflessione che raccoglie quasi 1500 condivisioni in 4 ore). «Come genitore credo davvero che i nostri ragazzi possono...

Solo un Padre può guarire noi e la realtà

di Federico Pichetto Il 4 ottobre è stata pubblicata la nuova enciclica di papa Francesco, dal titolo “Fratelli tutti”. Tre considerazioni utili per addentrarsi nella sua lettura. FRATELLI TUTTI, ENCICLICA DI PAPA FRANCESCO. Sarà la storia a dirci se l’enciclica...

Noi adulti dobbiamo dare coraggio ai giovani

di Andrea Lonardo   Sono anni che parliamo degli adulti: ebbene sono loro che debbono oggi accompagnare le giovani generazioni ad attraversare il Covid. Cioè siamo noi! Oggi gli adulti debbono prendere in mano la situazione, in famiglia e nella scuola, nel lavoro...

La Chiesa del Myanmar e la pandemia

di Card. Charles Bo Per l’arcivescovo di Yangon, la crisi sanitaria è una sfida per l’umanità. L’emergenza coronavirus si aggrava nel Paese. Il sistema sanitario nazionale è in grave difficoltà. La comunità cattolica assiste i bisognosi con programmi di aiuto...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi