Avvento. Il tempo degli amanti folli

da | 19 Dic 2017 | La buona parola

di Andrea Navarin

Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento (Marco 13,33)

Attenzione è una parola solitamente stampata sui pacchi che trasportano cose delicate, negli avvisi che vogliono metterci in guardia, nei segnali stradali che anticipano un pericolo. Qui però non si tratta di una minaccia; semmai è un richiamo a prendere coscienza che siamo in prossimità di un incrocio di strade: quella di Dio e quella di ciascuno di noi.

Quando due strade si toccano, ecco aprirsi nuove possibilità, anche l’inversione di marcia, che poi è l’altro nome della conversione.

Qui entra in gioco tutta la nostra storia, perché il passato è una questione di memoria, il futuro è una questione di speranza e il presente è questione di fare attenzione, di dare attenzione, di risvegliare l’attenzione. Memoria, attenzione e speranza sono le tre virtù che l’uomo contemporaneo dovrebbe allenare ogni giorno!

L’Avvento è il tempo dell’attesa, o meglio dell’attenzione: l’attesa senza attenzione è perdere tempo e l’attenzione senza attesa è cadere in una anestesia dell’anima che ci taglia da noi stessi. Un sonno che favorisce gli incidenti e i rimpianti, mentre Dio è sempre una sorpresa, come ha detto papa Francesco, e dunque non sai mai dove e come lo trovi, non sei tu a fissare i tempi e i luoghi dell’incontro.

L‘Avvento è un bricco di caffè spirituale per rimanere svegli ed è fatto per quanti vogliono stare attenti, cioè per gli amanti folli, gente pienamente cosciente che i segni sono sempre piccoli e che per accorgersi di loro ci si deve rivestire dell’esplosione viva e vivificante del desiderio di un incontro.

L’Avvento è opportunità per ridare senso vero e pieno al Natale, al Dio che pone la sua tenda in mezzo all’umanità ora, qui, oggi. Anche noi ci attrezziamo ad aspettarlo perché nulla nella nostra vita è a caso e tutto può essere casa, accoglienza che riscalda il cuore e trasforma l’anima.

E quindi mi chiedo… come mi propongo di vivere l’Avvento? Quale attenzione in particolare dovrei coltivare?
Cosa in concreto potrebbe servirmi per gettare i panni inutili delle facili emozioni natalizie e diventare un cristiano sveglio, che vigila sulle tracce lasciate da Dio nella mia quotidianità?

O Signore, che continuamente ci inciti a star svegli, a scrutare l’aurora, a tenere i calzari, fa’ che non ci appisoliamo sui nostri divani, tra le molli braccia in cui ci dondola questo mondo, ma siamo attenti a percepire il mormorio della tua voce, che continuamente passa tra le fronde della vita a portare frescura e novità. Fa’ che la nostra sonnolenza non diventi giaciglio di morte e, se necessario, scuotici perché impariamo a ripartire sempre.

da 180 battiti di Luce – Officina contemplATTIVA

www.corxiii.org

Quaresima. Un viaggio di ritorno a Dio

Papa Francesco celebra la Santa Messa con Rito di benedizione e imposizione delle Ceneri all’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro. Una messa mattutina, pochi fedeli, distanziamento sociale e nuove regole per l'imposizione delle Ceneri a causa...

1^ Domenica di Quaresima – Anno B

1^ Domenica di Quaresima – Anno B 21 febbraio 2021 Vangelo di Matteo 4,1-11 Commento di suor Beatrice Schullern, FMA   “In questo tempo di Quaresima, accogliere e vivere la Verità manifestatasi in Cristo significa prima di tutto lasciarci raggiungere dalla Parola...

1^ Domenica di Quaresima – Anno B

1^ Domenica di Quaresima – Anno B 21 febbraio 2021 Vangelo di Marco 1,12-15 Commento di suor Silvia Testa, FMA   L’evangelista Marco, nei suoi pochi versetti che descrivono la pericope delle “tentazioni”, ci regala, attraverso alcuni verbi suggestivi, un...

Senza mezzi termini… Ma con speranza

di Andrea Miccichè   Un capitolo scritto senza mezzi termini, una diagnosi implacabile, una certificazione del disastro: le considerazioni dell’enciclica Fratelli tutti, che vanno sotto il titolo Le ombre di un mondo chiuso non lasciano dubbi sulla gravità della...

Il potere della musica

Di Riccardo Deponti   La musica è note, melodie, a volte parole. Ma soprattutto emozioni. Ma non solo. C'è qualcosa che non mi riesco a spiegare. Qualcosa di misterioso, forte, unico. L'altra sera, finito la cena, stavamo parlando a tavola quando mio papà ci ha...

La catastrofe educativa

Di Sara De Carli   «Assistiamo a una sorta di “catastrofe educativa”, davanti alla quale non si può rimanere inerti, per il bene delle future generazioni e dell’intera società», ha detto il Papa agli ambasciatori. Il commento di Ivo Lizzola: «Educare è un...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi