Chiesa: carismi diversi, ma uno stesso spirito

Di Manuel Bru

Un’opportunità speciale per riflettere in modo generoso sull’universalità della Chiesa cattolica

Papa Francesco si è riferito ai carismi della Chiesa come a doni e grazie speciali che lo Spirito Santo distribuisce per l’edificazione della Chiesa, e ha spiegato come arricchiscano la carità, che è al di sopra di tutto: “Senza l’amore, anche i doni più straordinari sono vani… Il più piccolo dei nostri gesti d’amore ha effetti buoni per tutti!”

Il Pontefice ha insistito sul fatto che i beni spirituali che condividiamo nella Chiesa sono al servizio della comunione e della missione, e mediante la comunione dei santi ciascuno di noi è segno e sacramento dell’amore di Dio nei confronti degli altri e del mondo intero.

Vivere la “spiritualità di comunione” già proposta da Giovanni Paolo II e applicata al rapporto tra i carismi vecchi e nuovi, e tra questi e le Chiese locali, non consiste in una specie di fusione, nel caso dei nuovi, perdendo ciascuno la propria identità e il suo carisma, o in un controllo eccessivo del contributo degli antichi carismi religiosi da parte delle strutture diocesane, frenando la loro vocazione di missione di frontiera.

 

Testimonianza di comunione

Al contrario, si tratta del fatto che tutti conoscano e riconoscano la novità di ogni carisma con la stessa gioia con cui si sperimenta il vivere la novità di ciò che è proprio, di dare una testimonianza, di fronte alla Chiesa e all’umanità, di unità (che è tutto il contrario dell’uniformità), di comunione tra loro e con tutta la Chiesa.

Questo tempo si presenta come un’occasione splendida e provvidenziale per contemplare con generosità l’universalità dell’urgenza evangelizzatrice, riprendere il tesoro dei carismi antichi ma sempre nuovi che hanno irrigato la Chiesa con tanti ordini religiosi e confrontare tutto questo con la semina dei nuovi carismi ecclesiali, carismi che lo Spirito Santo ha voluto dare principalmente ai laici, per accelerare una nuova primavera per le nostre Chiese, per essere un popolo evangelizzato ed evangelizzatore.

Se fossimo un po’ meno chiusi, facessimo nostra la ricchezza dell’altro nella comunione della Chiesa e cercassimo il bene della comunità ecclesiale più distante dal mondo come se fosse la nostra; se potessimo, per un istante, vedere la Chiesa e il mondo con l’occhio universale di Papa Francesco e sentissimo la passione per amarli come egli ci ama, le nostre chiese forse si sveglierebbero dal sonno e dallo scoraggiamento, e nella missione troverebbero la luce e la vitalità che desiderano.

 

Fonte: Aleteia

Buon Natale 2020!

Nulla di romantico: costretti a mettersi in viaggio quando Maria avrebbe bisogno di riposo; locande piene quando ci sarebbe bisogno di un posto caldo ed accogliente dove accogliere il Bambino; notte, freddo, grotta per un evento degno del luogo migliore del mondo per...

Proposte “non” parrocchiali

Di don Andrea Lonardo   Tanti dichiarano che la parrocchia è finita e poi cosa fanno? Continuano a proporre ricette sulla parrocchia e sull’Iniziazione cristiana. Tanti pastoralisti continuano a ripetere lo slogan che la “civiltà parrocchiale” è finita e poi...

Scuola. Salvare il rientro

Cresce il desiderio di studenti e famiglie di tornare alla didattica in presenza. I nodi da sciogliere sono noti. Ma servono criteri adeguati e non centralistici Di Ezio Delfino   Il desiderio degli studenti e l’attesa delle famiglie di tornare a un regolare...

La parte migliore

Di Annalisa Teggi   È morta sabato 12 dicembre, dopo essere stata investita nel tardo pomeriggio: Suor Maria Assunta Porcu era in bicicletta e stava portando un pasto caldo a un senzatetto la cui storia si era presa a cuore. In periferia a Milano Aveva 63 anni e...

Un Arcivescovo “dal basso”

Don Mimmo Battaglia nuovo arcivescovo di Napoli Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell’Arcidiocesi Metropolitana di Napoli (Italia) del cardinale Crescenzio Sepe. Il nuovo Arcivescovo Metropolita di Napoli è Mons. Domenico Battaglia. Don...

“Fano” e il poster della Strenna 2021

Il celebre disegnatore spagnolo Patxi Velasco Fano – in arte, semplicemente “Fano” – già autore del poster della Strenna del Rettor Maggiore per il 2018, è da anni legato da vincoli di stima e amicizia alla Famiglia Salesiana. Saputo che il motto della Strenna per il...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi