E tu l’hai portato l’ombrello?

da | 6 Dic 2016 | La buona parola

“Fede” è credere che l’impossibile accadrà, che tutto è possibile a Dio, che in Gesù si è figli amati, chiamati e mandati per essere segno di speranza nel mondo.
“Fede” è fidarsi di Dio e guardare all’uomo con fiducia e carità, cioè mettersi nella prospettiva del Padre misericordioso.
“Fede” è amare la Chiesa e, in essa, essere battezzati e credenti credibili.

Un modello mirabile da seguire sono i Santi della Carità che furono talmente fedeli da diventare “amici di Dio e degli uomini”; donne e uomini capaci di fare sintesi tra fede e vita, tra gioia e impegno, tra sogno e concretezza, tra umanità e santità. Hanno “volato alto”, hanno vissuto con lo sguardo al cielo, i piedi per terra e le braccia pronte al lavoro, offrendo se stessi nel sacrificio eucaristico quotidiano e nel servizio ai poveri fino all’ultimo respiro.

L’appartenenza alla Chiesa, a Movimenti, ad Associazioni non è un privilegio, piuttosto lo è il farsi prossimo nel nome di Cristo da riconoscere nel povero, in chi è solo, nei piccoli, in chi soffre, in famiglia, sul posto di lavoro o di studio, nella comunità, nel condominio, ai crocicchi delle strade, sotto i portici. Si è chiamati ad indossare un abito interiore innanzitutto, a farsi “buona stoffa”. Ogni celebrazione, ogni riunione, ogni attività comunitaria devono essere lo specchio del quotidiano vissuto nell’adesione a Gesù per “essere sale e luce del mondo” e non per un mero compiacimento personale o per dovere.

La “fede” è essenziale, è questo apologo di Bruno Ferrero ci aiuta a guardare questo “Anno della Fede” con gli occhi limpidi dei bambini:

«I campi erano arsi e screpolati dalla mancanza di pioggia. Le foglie pallide e ingiallite pendevano penosamente dai rami. L’erba era sparita dai prati. La gente era tesa e nervosa, mentre scrutava il cielo di cristallo blu cobalto. Le settimane si succedevano sempre più infuocate. Da mesi non cadeva una vera pioggia. Il parroco del paese organizzò un’ora speciale di preghiera nella piazza davanti alla chiesa per implorare la grazia della pioggia. All’ora stabilita la piazza era gremita di gente ansiosa, ma piena di speranza. Molti avevano portato oggetti che testimoniavano la loro fede. Il parroco guardava ammirato le Bibbie, le croci, i rosari. Ma non riusciva a distogliere gli occhi da una bambina seduta compostamente in prima fila. Sulle ginocchia aveva un ombrello rosso».

Pregare è chiedere la pioggia, credere è portare l’ombrello!

Scuola, non chiudete le superiori

Di Alberto Pellai Lo psicologo Alberto Pellai nel suo profilo Facebook interviene sull'ipotesi di utilizzare la Dad per gli studenti più grandi (una riflessione che raccoglie quasi 1500 condivisioni in 4 ore). «Come genitore credo davvero che i nostri ragazzi possono...

Dedicazione del Duomo di Milano

Dedicazione del Duomo di Milano, Chiesa madre di tutti i fedeli ambrosiani Vangelo di Matteo 21,10-17 Commento di suor Antonia Franzini, FMA   Prima di condividere con voi alcune brevi riflessioni attorno al Vangelo di oggi, permettetemi di dare qualche...

31^ Domenica del Tempo Ordinario

31^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Vangelo di Matteo 22,15-21 Commento di suor Laura Agostani, FMA   Troppo ostiche queste parole di Gesù! Ci ha lasciato domenica scorsa con un invito a nozze poco corrisposto, col monito dei molti chiamati e dei pochi...

Solo un Padre può guarire noi e la realtà

di Federico Pichetto Il 4 ottobre è stata pubblicata la nuova enciclica di papa Francesco, dal titolo “Fratelli tutti”. Tre considerazioni utili per addentrarsi nella sua lettura. FRATELLI TUTTI, ENCICLICA DI PAPA FRANCESCO. Sarà la storia a dirci se l’enciclica...

Noi adulti dobbiamo dare coraggio ai giovani

di Andrea Lonardo   Sono anni che parliamo degli adulti: ebbene sono loro che debbono oggi accompagnare le giovani generazioni ad attraversare il Covid. Cioè siamo noi! Oggi gli adulti debbono prendere in mano la situazione, in famiglia e nella scuola, nel lavoro...

La Chiesa del Myanmar e la pandemia

di Card. Charles Bo Per l’arcivescovo di Yangon, la crisi sanitaria è una sfida per l’umanità. L’emergenza coronavirus si aggrava nel Paese. Il sistema sanitario nazionale è in grave difficoltà. La comunità cattolica assiste i bisognosi con programmi di aiuto...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi