I Santi della porta accanto

da | 17 Apr 2018 | La buona parola

“Gaudete et Exsultate”: questo è il titolo dell’esortazione apostolica di Papa Francesco sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo.

L’inizio del documento rinvia immediatamente alle Beatitudini, infatti “rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli” (Mt 5,12) è la promessa rivolta da Cristo a quanti sono perseguitati per il Vangelo.

Gioia, santità e martirio/testimonianza sono i tre pilastri della vita cristiana, che splende nella notte oscura della Storia come un faro veramente rivoluzionario.
Come scriveva Edith Stein, “gli avvenimenti decisivi della storia del mondo sono stati essenzialmente influenzati da anime sulle quali nulla viene detto nei libri di storia”; ma di quali eventi decisivi si tratta? La chiamata alla santità è essenzialmente una chiamata a vivere nella Storia, nel disegno di Dio, nella consapevolezza che tutto “tutto concorre al bene, per quelli che amano Dio” (Rm 8,28).Non c’è santità senza un percorso di vita: nel quotidiano banco di prova, da quando ci si sveglia fino a quando ci si corica, possiamo scorgere la pressante esortazione a correre verso la Meta.

Allora, ogni istante si può vedere come l’occasione per donarsi e per crescere nella comunione con il Signore, è l’evento decisivo, la tappa verso la santità.

L’esortazione di Papa Francesco, fin da subito critica l’atteggiamento di chi ritiene la santità un fatto riservato a pochi perfetti.

Se il vaglio compiuto dalla Chiesa nei processi di canonizzazione è essenziale per proporre pubblicamente figure eminenti di testimoni, tuttavia, la santità è un carattere costitutivo del Popolo di Dio.

In altre parole, siamo chiamati a essere santi proprio perché battezzati.

La santità non è accessoria al cristianesimo, ma ne è linfa vitale.

Pensare di non poter mai diventare santi è il più grave rifiuto all’azione dello Spirito Santo.

Piuttosto, per camminare – anzi correre – nel cammino di santità bisogna aprire gli occhi e accorgersi che, tra tanto male “rumoroso”, vi è una silenziosa schiera di testimoni che, nel segreto della propria vita, senza alcun clamore mediatico, effondono il “profumo della carità di Cristo” (Papa Francesco, Discorso ai partecipanti al Capitolo generale della Congregazione di don Orione del 27 maggio 2016).

Sono loro “i santi della porta accanto”: l’immagine presentata da Papa Francesco per indicare la santità nel quotidiano non solo ci ricorda quanto possa essere vicina a noi l’esperienza di testimonianza, ma chiama anche noi a divenire “porte spalancate” accanto agli altri.

Risuonano ancora le parole di San Giovanni Paolo II: “Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo!”.

Il santo è, dunque, colui che, avendo aperto le porte a Cristo, senza paura, è divenuto egli stesso porta di una casa accogliente.

E l’accoglienza procede di pari passo con la pazienza: in un mondo che non tollera quanto non è conforme a uno standard di perfezione, in un mondo pervaso dalla cultura dello scarto, in un mondo che ha un profondo terrore della sofferenza, perché non si apre alla prospettiva salvifica di Dio, i santi sono il “sussurro di brezza leggera” (1Re 19,12), che dà significato al tutto.

Andrea Miccichè

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi