Il Papa con i Salesiani a Torino

Dall’intervista di Fabio Colagrande a Don Ángel Fernández Artime, Rettor Maggiore dei Salesiani

In occasione del Bicentenario della nascita di Don Bosco, nel pomeriggio a Torino l’incontro di Papa Francesco con i Salesiani e le Figlie di Maria Ausiliatrice nella Basilica di Maria Ausiliatrice.

R. – Per noi, Salesiani di Don Bosco e della Famiglia Salesiana, è prima di tutto un grande omaggio che ci fa Papa Francesco. Siamo veramente molto riconoscenti per questo, per questa grande sensibilità ed amore; ma anche per quello che lo Spirito ha fatto in Don Bosco. Allo stesso tempo, quindi, noi diciamo veramente grazie a Papa Francesco, perché questa per noi non è soltanto una visita di cortesia: la presenza del Papa è una parola della massima autorità, di grande autorità ed è una spinta ad essere sempre più fedeli al Signore Gesù, allo Spirito e al carisma che abbiamo ricevuto. Crediamo che questo sia un momento per crescere, un invito a crescere, cui credo senza dubbio Papa Francesco ci chiamerà.

D. – Quali elementi del Magistero di Papa Francesco sentite più vicini come Salesiani?

R. – Io credo che tutta la Chiesa senta molto vicino questo Magistero del Papa: è così pratico, si capisce così bene… Noi – e questo è stato chiaro sin dall’inizio del suo Pontificato, quando Papa Francesco, parlando a tutta la Chiesa, l’ha invitata ad andare veramente alle periferie – questo tema delle ‘periferie’ lo sentiamo molto vicino. Io ho detto tante volte ai miei confratelli e alla Famiglia Salesiana: “Carissimi, cos’è stato Valdocco se non una periferia di Torino ai tempi di Don Bosco?”. Questo a noi parla veramente del nostro dovere di andare sempre tra i giovani e tra di loro fra i più poveri. Secondo: questa parola universale di una Chiesa in uscita. Per noi è lo stesso.
Io dico sempre ai miei confratelli: “Non è sufficiente – anche se è molto importante – avere le porte delle nostre case salesiane aperte a tutti. Questo è certamente bello, ma siamo noi che dobbiamo andare a cercare quelli che sono più lontani e che si sentono più lontani. Questa è una seconda realtà molto cara a noi. Terzo: la realtà di una Chiesa povera che per noi significa essere una congregazione per i poveri. Anche questa è una parola che io ripeto e dico tanto ai miei confratelli. Ma soprattutto l’evangelizzazione: noi siamo una famiglia religiosa per evangelizzare. Mai dobbiamo dimenticare che questo è il nostro primo compito.

D. – Don Angel, come vivete questo bicentenario? Che attualità ha oggi il carisma di Don Bosco?

R. – Lo stiamo vivendo veramente come un anno di grazia del Signore. Abbiamo fatto tante cose per cercare di non celebrarlo in maniera vuota, ma per celebrarlo nella preghiera e nell’ascoltare cosa oggi ci dice il Signore. E qualsiasi cosa abbiamo fatto è sempre stata cercando i giovani e i più bisognosi. Questa è la prima cosa. In secondo luogo, io credo veramente – e questo lo ho sentito girando per il mondo – quest’anno sono andato in 25 nazioni, delle 132, in cui siamo presenti – che Don Bosco sia un dono vero dello Spirito a tutta la Chiesa e al mondo. Don Bosco ha veramente una grande attualità. Ma in che senso? Portare i giovani a Dio, portare i giovani vicino a Gesù.
Questo compito per noi non cambia, perché è la realtà che è stata per Don Bosco, per Madre Mazzarello e per tutti coloro che ci hanno preceduto; ma devo dire anche perché Don Bosco ha cercato sempre di essere molto vicino al cuore dei giovani, che è sempre lo stesso: 150 anni fa, 100 anni fa ed oggi. Questo vuol dire che quando un giovane vede – dalla sua esperienza personale – che è voluto bene, che quella persona è veramente un educatore-educatrice, un amico-amica, un fratello-sorella, il giovane dice: “Qui mi trovo bene! Qui mi sento a casa!”. Il cuore del giovane è aperto, è aperto a un rapporto bello, ad un rapporto educativo, è aperto a Dio.

Questo è Don Bosco ancora oggi.

Scuola, non chiudete le superiori

Di Alberto Pellai Lo psicologo Alberto Pellai nel suo profilo Facebook interviene sull'ipotesi di utilizzare la Dad per gli studenti più grandi (una riflessione che raccoglie quasi 1500 condivisioni in 4 ore). «Come genitore credo davvero che i nostri ragazzi possono...

Dedicazione del Duomo di Milano

Dedicazione del Duomo di Milano, Chiesa madre di tutti i fedeli ambrosiani Vangelo di Matteo 21,10-17 Commento di suor Antonia Franzini, FMA   Prima di condividere con voi alcune brevi riflessioni attorno al Vangelo di oggi, permettetemi di dare qualche...

31^ Domenica del Tempo Ordinario

31^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Vangelo di Matteo 22,15-21 Commento di suor Laura Agostani, FMA   Troppo ostiche queste parole di Gesù! Ci ha lasciato domenica scorsa con un invito a nozze poco corrisposto, col monito dei molti chiamati e dei pochi...

Solo un Padre può guarire noi e la realtà

di Federico Pichetto Il 4 ottobre è stata pubblicata la nuova enciclica di papa Francesco, dal titolo “Fratelli tutti”. Tre considerazioni utili per addentrarsi nella sua lettura. FRATELLI TUTTI, ENCICLICA DI PAPA FRANCESCO. Sarà la storia a dirci se l’enciclica...

Noi adulti dobbiamo dare coraggio ai giovani

di Andrea Lonardo   Sono anni che parliamo degli adulti: ebbene sono loro che debbono oggi accompagnare le giovani generazioni ad attraversare il Covid. Cioè siamo noi! Oggi gli adulti debbono prendere in mano la situazione, in famiglia e nella scuola, nel lavoro...

La Chiesa del Myanmar e la pandemia

di Card. Charles Bo Per l’arcivescovo di Yangon, la crisi sanitaria è una sfida per l’umanità. L’emergenza coronavirus si aggrava nel Paese. Il sistema sanitario nazionale è in grave difficoltà. La comunità cattolica assiste i bisognosi con programmi di aiuto...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi