Imprenditoria creativa per la dignità del lavoro

da | 10 Ott 2017 | La buona parola

Ci stiamo avvicinando alla 48a Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, che si terrà a Cagliari dal 26 al 29 ottobre, dedicata al tema del lavoro libero, creativo, partecipativo, solidale.

Il problema dell’occupazione, prima di essere di ambito socio-economico, presenta criticità sul piano dei principi: manca, infatti, una seria riflessione che coniughi dignità del lavoratore, sana competitività, cultura d’impresa, progresso sociale. L’equilibrio tra questi fattori è il punto centrale della riflessione della Settimana Sociale ed è un serio impegno per noi cattolici, che abbiamo il compito di elaborare e condividere proposte concrete per un’alleanza tra imprenditori e lavoratori, nel segno della collaborazione prefigurata già alla fine dell’Ottocento da Leone XIII.

Bisogna riflettere, anzitutto, sul parallelismo tra cultura e lavoro: entrambi possono essere considerati come un mercato (inteso come luogo di scambio e condivisione), dove ciascuno è chiamato ad investire il proprio capitale di abilità, conoscenze ed esperienze, in vista di un progresso comune.

Ora, ciascuno deve essere incentivato a scommettere su di sé, e l’azione politica, invece di offrire una protezione assistenzialistica (per di più insostenibile e iniqua), deve mettere tutti nelle condizioni di investire su se stessi e dare un proprio contributo, in altre parole, di condividere le proprie potenzialità innovative. Proprio sul terreno dell’innovazione – divenuta uno slogan abusato – iniziano le divergenze: vi è chi la condanna come l’origine della disoccupazione, chi la ritiene la soluzione di tutto, chi intende limitarla, chi potenziarla.

Eppure, nessuno ha considerato che l’innovazione è la prospettiva di cambiamento che si innesta nel passato, si realizza nel presente e si proietta al futuro. Innovare è raccogliere il meglio di quanto abbiamo raggiunto e progettare il domani con una coscienza aperta e propositiva, nella consapevolezza della responsabilità verso le generazioni future.

Infatti, se la crisi è giunta a questi livelli, è perché chi ci ha preceduto ha agito irresponsabilmente, credendo in un benessere infinito e a costo zero.

Nel mondo, niente è gratuito e ciò che non si paga oggi, si pagherà domani con gli interessi: questa basilare regola ci spinge a riconsiderare i nostri rapporti sociali in un’ottica di solidarietà intergenerazionale e di partecipazione al bene comune. Tuttavia, si potrà obiettare che, prima di poter pensare al futuro, si devono risolvere i problemi attuali: qui entra in gioco l’elemento della creatività.

Creatività che non porta ad escludere l’uomo tra i fattori produttivi, ma a riconoscergli la dignità; creativo non è colui che toglie posti di lavoro introducendo macchinari più efficienti, ma colui che, pur essendo all’avanguardia con la tecnologia, riesce a potenziare il lavoro, permettendo ad altri l’accesso al benessere economico.

Attualizzando la parabola dei talenti, vediamo che ciascuno è chiamato ad essere imprenditore di sé, accettando il rischio di condividere e far fruttare le proprie capacità innovative. Creatività, partecipazione, solidarietà: su questi tre elementi poggia il diritto di lavorare, cioè contribuire al progresso di tutti, accogliendo la sfida della libertà economica e della responsabilità sociale.

Ci baciamo a settembre

Di suor Cristina Merli   Quando Marco Erba incontra i ragazzi li tiene incollati alle parole e alla vita che racconta. Oggi sono quegli stessi ragazzi che tengono incollati noi alle pagine di Ci baciamo a settembre, libro che, finalmente, dà voce al loro punto di...

La volta buona

Di Aldo Artosini   Bartolomeo è uno dei tanti procuratore di calciatori che solcano i campi sportivi. Dopo anni in cui le cose gli giravano bene, ora vive di espedienti e piccoli imbrogli. È in grande difficoltà economica; è stato lasciato dalla moglie, che gli...

Debbie Phelps: la forza di una mamma

Di Annalisa Teggi   Lo scorso 30 giugno ha compiuto 35 anni ed è il campione olimpico più vincente di sempre: 28 medaglie, di cui 23 d’oro. Ha conquistato anche il record di aver ottenuto il maggior numero di medaglie in una singola Olimpiade, e sono gli 8 ori...

Ragazzi buoni e ragazzi cattivi?

Di Emilia Guarnieri   Forse non ce lo aspettavamo, perché per un paio di mesi non li avevamo sentiti, o meglio, ognuno aveva sentito quelli che gli erano più vicini. Gli insegnanti avevano provato a sentirli tutti, tutti quelli delle loro classi. Non ci...

No al multitasking

Di Annalisa Teggi   Il tempo è nostro alleato, un dono prezioso, eppure proprio l’illusione di fare più cose contemporaneamente ce lo fa percepire come nemico. Ecco una strategia semplice per arginare la frenesia e per dare valore a ogni cosa.   Essere...

Ennio Morricone

Ennio Morricone: «La mia musica illuminata dalla fede»   di Vik van Brantegem   Addio al grande compositore, morto nella notte per le conseguenze di una caduta. Nell’intervista che ha rilasciato a Vito Amodio nel 2015 per Famiglia Cristiana, raccontò...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi