La Parola di Dio in viaggio

da | 29 Gen 2019 | La buona parola

Di Marco Stroppa – Istituto Papirologico di Firenze

Un papiro dall’Egitto a Firenze

Chissà cosa avrà pensato lo scriba Teodoro (il nome è di fantasia, purtroppo quello vero non lo conosciamo) quando finì di realizzare il libro che gli era stato ordinato, una copia elegante degli Atti degli Apostoli, circa nel 500 dopo Cristo: certo non poteva immaginarsi che 1500 anni dopo alcuni resti della sua produzione sarebbero arrivati fino a Oxford e a Firenze! Probabilmente Teodoro era all’oscuro dell’esistenza di entrambe queste città…

Teodoro, infatti, viveva in Egitto e scriveva in greco: questi sono rispettivamente il luogo di provenienza e la lingua delle migliaia di frammenti conservati presso la Sackler Library di Oxford e l’Istituto Papirologico di Firenze. Fra questi ultimi si trova un piccolissimo frammento (cm 2,8 x 4,3) che ho trascritto e identificato, nonostante le poche lettere leggibili. La sequenza delle lettere e la loro disposizione corrispondono al testo degli Atti degli Apostoli, capitolo 7, dove si narra del martirio di Stefano; quindi non c’è alcun dubbio su quale fosse l’opera da cui proviene il frammento! Il testo degli Atti degli Apostoli dice: “Proruppero allora in grida altissime turandosi gli orecchi; poi si scagliarono tutti insieme contro di lui, lo trascinarono fuori dalla città e si misero a lapidarlo”.

Nella foto qui sotto a destra, all’ultima riga in basso, si vedono le lettere ΠΟΛ della parola ΠΟΛΕΩΣ, «città».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Frammento di Firenze

A questo punto io avevo in mano un minuscolo pezzettino – si vedono meno di 20 lettere per ciascuno dei due lati su cui è scritto il papiro –, ma cercando fra i papiri di Oxford studiati da alcuni colleghi una decina di anni fa, ho notato che il papiro numero 4968 era composto da 8 pagine di un codice (anch’esse abbastanza malridotte, guardate qui) degli Atti degli Apostoli, datate al 500 d.C. circa. Grazie alle foto digitali (meno male che c’è internet, per i papirologi ha velocizzato, e di molto, il lavoro!) sono in grado di affermare che tutti questi frammenti facevano parte del libro realizzato da Teodoro!

Ma allora come mai oggi ce n’è un pezzo a Oxford e uno a Firenze?

Le strade dell’archeologia sono infinite:

dalla fine del 1800 in poi inglesi e italiani hanno effettuato scavi fra le rovine della stessa antica città, Ossirinco, sorta sulle rive del Nilo a circa 200 km a sud del Cairo. E allora può capitare che un pezzo di papiro trovato dagli inglesi e conservato ora a Oxford si congiunga con un pezzo trovato nello stesso posto decenni dopo dagli italiani e ora conservato a Firenze.

Sta all’abilità e all’esperienza del papirologo “unire” virtualmente i reperti e riconoscere la medesima scrittura: un lavoro certosino, di precisione e di pazienza, ma che, come in nel caso del piccolo frammento di Firenze, porta a ricavare un buon numero di informazioni da un microscopico brandello di libro.

Negli ultimi anni è capitato più volte, quindi, di ricollegare più frammenti di uno stesso papiro che erano stati dispersi in diverse parti del mondo: in molti casi si tratta di libri della letteratura greca (l’Iliade e l’Odissea di Omero) oppure di documenti della vita quotidiana (lettere, contratti, liste, ecc.). Ma in Egitto, almeno dal 100 dopo Cristo, cominciarono a circolare anche testi cristiani: copie dei vangeli, trattati dei primi padri della Chiesa, documenti redatti dalle prime comunità dei seguaci della nuova religione. Per questo motivo questa volta i pezzetti di papiro ‘ricongiunti’ appartengono agli Atti degli Apostoli, cioè ad uno dei libri più significativi del Nuovo Testamento, che racconta la condivisone della fede fra i primi discepoli. Chissà Teodoro come sarebbe stato soddisfatto di sapere che il libro che lui appena finito di copiare era destinato a trasmettere la sua fede attraverso i millenni e attraverso migliaia di chilometri!

 

 

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi