Una notte insonne tra pensieri, raffreddori e fusi orari. Chatto con mio marito che sta facendo scalo a Dubai, di ritorno dalla Cina. Lui sale a bordo, ma il mio sonno ha ormai perso anche l’ultimo aereo. Il desiderio di non buttare via completamente quelle ore mi porta a Liturgia Giovane, la app del rito ambrosiano. I giorni scorsi ha sempre faticato ad aprirsi, ‘sta notte è più sveglia di me e dalla home, a caratteri cubitali, mi consegna queste parole di Papa Francesco:

“L’educazione comporta libertà responsabili, che nei punti di incrocio sappiano scegliere con buon senso e intelligenza”
(Amoris Laetitia n. 252).

Un sussulto, quasi di risveglio completo, mi assale: educazione e libertà, un connubio che spesso rischia di essere trascurato. Ho già abbozzato qualcosa in proposito, richiamando noi genitori alla necessità di non voler controllare tutto dei nostri figli (https://www.fmalombardia.it/ genitori/genitori-non-controllori/)

Ma come sostenere percorsi educativi autenticamente liberi? Mi tornano alla mente alcuni passaggi della strenna 2018 del Rettore maggiore dei salesiani: “coltiviamo l’arte di ascoltare e accompagnare” partendo dalle situazioni – anche le più trasgressive – che vivono i giovani, incontrandoli laddove si trovano. Se questo fosse realmente ritenuto vero da noi adulti, potremmo incontrare i giovani in qualunque luogo, anche i più profani, i più lontani da prassi e convenzioni religiose.

Ascoltare e accompagnare vuol dire permettere e accettare che i nostri figli imparino a stare nelle domande inquiete, che solo possono aprire alla fecondità della vita. Libertà responsabili sono quelle di noi adulti, quando rifuggiamo dai semplicismi e dalle scorciatoie, da risposte snocciolate come slogan elettorali, con la fretta e l’ansia di portare i giovani subito dalla “nostra parte”.

Un po’ di buon senso e di intelligenza non guasterebbero, perchè “nei punti di incrocio” s’impari a saper scegliere. Al suo punto di incrocio, il pozzo di Sicar, la donna samaritana – icona evangelica della Strenna 2018 – ha saputo tenere aperte domande inquiete (e inquietanti) ma feconde. “Non siamo tutti vagabondi alla ricerca di amore, a volte nella direzione sbagliata, ma sempre di amore?” (E. Bianchi, Gesù e le donne, Einaudi 2016, p. 78).

La sveglia ormai sta per suonare. La notte prossima andrà meglio, speriamo. Buongiorno mondo!

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi