L’Immacolata e il Sistema Preventivo di Don Bosco

Forse non tutti sanno che sulla cupola del Santuario di Torino, costruito da Don Bosco come espressione del suo immenso amore e della sua gratitudine alla Madonna, si trova una bella statua dorata dell’Immacolata. L’Immacolata all’esterno e l’Ausiliatrice all’interno. Sono i due titoli con cui Don Bosco ha voluto onorare la Madonna, perché tutti e due hanno a che vedere con il suo carisma e la sua missione: la salvezza dei giovani attraverso un’educazione integrale che li preveniva da esperienze che potessero mettere a rischio la loro salute fisica, la loro maturazione umana e la felicità eterna, facendoli crescere nel bene, convogliando tutte le loro energie verso tale meta.

Per questo, vorrei parlarvi dell’importanza dell’immacolata nel Sistema Preventivo di Don Bosco, un tema così caro al nostro padre Don Bosco.

Oltre agli aspetti spirituali l’Immacolata ne mostra altri che illustrano la pedagogia divina. Sono quelli che ha intuito Don Bosco quando la scelse come modello della sua opera, e quelli che sono, in fondo, il fondamento teologico del Sistema Preventivo: l’amore che precede, prediligendo, rendendosi visibile, esprimendosi in gesti ed azioni, manifestandosi in parole che danno senso ai gesti e alle azioni, e nell’azione rendono concreto, quasi palpabile, il sentirsi amati. Ecco la dinamica rivelatrice dell’amore.

In quanto creatura Immacolata, Maria fa splendere il dinamismo dell’amore che possiede un’immensa energia, capace di aprire i cuori degli uomini, quindi quelli dei giovani, tanto da far sì che si sentano amati – come direbbe Don Bosco –, e li porta così a “imparare a vedere l’amore in quelle cose che a loro naturalmente piacciono poco, come sono la disciplina, lo studio, la mortificazione di se stessi, e a fare queste cose con amore” (MB XVII, 110).

Dal punto di vista pedagogico è proprio quello che scrive Giovanni: “In questo sta l’amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è Lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio…” (1 Gv 4,10), il che significa che l’esperienza vissuta e riconosciuta dell’amore sprigiona nella persona umana le sue migliori risorse, quelle che scaturiscono dal cuore.

Non è da meravigliarsi che Don Bosco centrasse tutta la sua pedagogia sull’amore e sulla amorevolezza.

Questo lo spinse a fare proprio il Sistema Preventivo, che pone l’accento nell’andare incontro ai giovani, nel fare sempre il primo passo, nel prediligere gli ultimi, “i piccoli”, quelli che non contano, insomma nell’amare cercando che il suo amore fosse percepito dalle persone amate.

L’Immacolata rappresenta così per Don Bosco l’incarnazione dell’amore preventivo di Dio, che previene da esperienze deleterie che mettono a rischio la vita, la felicità e la pienezza dei giovani, e che li spinge a cercare il bene, a crescere, a sviluppare tutte le loro potenzialità, a raggiungere la statura dell’uomo perfetto.

Chiediamo a Maria Immacolata la grazia di sentire l’amore preveniente di Dio che ci sceglie e ci invita a collaborare con Lui nell’opera della salvezza, e la grazia d’imparare a rispondere con la stessa fede che la portò ad incarnare il figlio di Dio e donarlo al mondo. In questo nuovo anno, Maria Immacolata ci insegni la pedagogia divina, quella che portò Don Bosco a scoprire e valorizzare il Sistema

Don Pascual Chávez V., Rettor Maggior

4^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

20 settembre 2020 – Anno A VANGELO di Giovanni 6, 24-35 Commento di suor Chiara Papaleo, FMA   Il clima di questa pagina di Vangelo sembra quasi fare da eco a quella della Samaritana, con la differenza che al capitolo IV era messa a tema l’acqua e la sete insita...

25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A Vangelo di Matteo, 20, 1-16 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi