Maria Ausiliatrice e l’arte del dialogo

Un libro tra le mani

Non si contano i dipinti, antichi e moderni, nei quali Maria è rappresentata con un libro in mano. L’immagine è talmente abituale, che non ci rendiamo conto di quanto sia curiosa. Quasi sicuramente, infatti, Maria non sapeva leggere. Il libro aperto tra le sue mani, però, esprime bene la sua famigliarità con le Scritture, che Ella sicuramente conosceva per averle ascoltate e meditate lungo tutta la sua vita, ogni sabato, nella sinagoga. Tuttavia, prima di essere un libro, e anche prima di diventare un uomo, la Parola di Dio era un dialogo.

E Dio disse «facciamo»

Se prendiamo in mano davvero il libro della Bibbia, alla prima pagina incontriamo la potenza creatrice della Parola di Dio (Gen 1). Tutto quello che Egli dice, infatti, subito diventa. Al momento di creare gli esseri umani, però, Dio cambia registro e usa, per la prima volta, un verbo al plurale: «facciamo». Secondo alcuni, quel plurale misterioso è la prima rivelazione della Trinità. Secondo altri il Creatore si rivolge qui ai lettori, dunque agli esseri umani, per invitarli a prendere parte attivamente alla sua azione creatrice. In ogni caso, ciò che non possiamo ignorare è che qui la Parola di Dio non è soltanto potenza creatrice. È anche, fin da subito, dialogo.

«Un aiuto che gli sia simile»

Forse per questo, nella pagina seguente, Dio dice che «non è bene che l’uomo sia solo» (Gen 2,18). Per poter somigliare davvero a quel Dio che parla e fa e dialoga, gli serve l’aiuto di un tu che gli stia davanti e che sia, come lui, capace di parola. Il primo compito della donna, dunque, sembra essere quello di aiutare l’uomo a parlare. E, in effetti, ogni essere umano che viene al mondo, le prime parole le sente e le impara ancor prima di nascere, quando, dall’interno del grembo, inizia ad ascoltare la voce della madre.

L’Ausiliatrice e l’arte di fare domande

Negli episodi evangelici che la riguardano, Maria stupisce per la sua capacità di esprimersi e di porre domande: all’annunciazione, al ritrovamento al Tempio di Gerusalemme, a Cana. Maria non teme di lasciar trapelare il suo vissuto e di porre e di porsi domande. Nella sua predicazione, anche Gesù si serve volentieri della pedagogia delle domande. Come non pensare, che Egli l’abbia appresa sulle ginocchia e tra le braccia di Maria sua Madre?

Anche nei sogni di don Bosco, d’altra parte, l’Ausiliatrice appare come una che accompagna ponendo domande, stimolando nel discepolo la capacità di ascolto, di osservazione e di riflessione, per aiutarlo ad affrontare il faticoso passaggio dal «chi sono» al «per chi sono». Chiediamo anche per noi, nella sua festa, questo stesso dono:

Maria, maestra del dialogo, insegnami ad aprirmi sempre più all’incontro con Dio e con il prossimo; Ausiliatrice dei giovani di ogni tempo, suggerisci al mio cuore le domande giuste, quelle che illuminano la strada da percorrere, insieme ai fratelli e alle sorelle, perché la vita, per tutti, sia piena di gioia e di speranza. Amen.  ]]>

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi