Papa Francesco e il gender

Papa Francesco contro il gender

I grandi giornali hanno taciuto un passaggio fortissimo di un intervento di Papa Francesco ai vescovi polacchi. Riprendendo Benedetto XVI, il Papa ha accusato «l’epoca del peccato contro Dio creatore».

I grandi maestri del pensiero unico sono molto abili nel propagandare ciò che ritengono utile alla causa e nel nascondere ciò che ai loro occhi appare dannoso. Un caso di scuola è dato da come i giornaloni usano trattare ciò che dice il Papa, nel senso, proprio, che esaltano le frasi che collimano con i loro desideri e mettono sotto silenzio tutte le parole che sentono come contraddittorie. Faccio un esempio.

Ecco le parole che Papa Francesco ha detto, la scorsa settimana, ai vescovi polacchi:

«Vorrei concludere con questo aspetto, perché dietro a questo ci sono le ideologie. In Europa, in America, in America Latina, in Africa, in alcuni Paesi dell’Asia, ci sono vere colonizzazioni ideologiche. E una di questo – lo dico chiaramente con ‘nome e cognome’ – è il gender!

Oggi ai bambini – ai bambini! – a scuola si insegna questo: che il sesso ognuno lo può scegliere. E perché insegnano questo? Perché i libri sono quelli delle persone e delle istituzioni che ti danno i soldi… e questo è terribile.

Parlando con Papa Benedetto, che sta bene e ha un pensiero chiaro, mi diceva: ‘Santità, questa è l’epoca del peccato contro Dio creatore!’. E’ intelligente! Dio ha creato l’uomo e la donna; Dio ha creato il mondo così, così, così…, e noi stiamo facendo il contrario. Dio ci ha dato uno stato ‘incolto’, perché noi lo facessimo diventare cultura; e poi, con questa cultura, facciamo delle cose che ci riportano allo stato ‘incolto’!

Quello che ha detto Papa Benedetto dobbiamo pensarlo: ‘E’ l’epoca del peccato contro Dio creatore’. E questo ci aiuterà».

FMA-papi

Naturalmente, i grandi giornali governati dal pensiero unico hanno assolutamente taciuto circa queste chiare parole. E lo hanno fatto perché Papa Francesco, probabilmente contro le loro aspettative, ha dato un giudizio molto negativo sulla cultura del gender, come frutto di un pensiero orchestrato dalle grandi potenze anche economiche di gran parte del mondo occidentale. E lo ha fatto valorizzando in modo straordinario l’uomo contemporaneo più colto e intelligente e che, proprio per questo, ha finito con l’essere inviso ai potenti di oggi. Queste due cose, messe insieme, vengono poste sotto silenzio, perché sarebbe dannoso per l’avanzata del pensiero unico far sapere al mondo che un Papa popolare come Francesco si dica contrario, in modo inequivocabile, ad una cultura che si cerca di far passare con mille sotterfugi e con tante falsità. Occorre che su questa cultura vengano spente le luci, perché la gente semplice non veda. Occorre, quindi, che venga spenta la luce su quanto dice il Papa, così amato e ammirato da tanta parte del popolo.

E’, questa, un’altra prova delle tendenze antidemocratiche dei fautori del pensiero unico: essi vogliono che passi senza che la gente se ne accorga. Se la gente se ne accorgesse, darebbe loro dei pazzi. Infatti, per essere massimamente indulgenti, bisogna dire che la cultura “gender” è proprio pazzesca, nel senso letterale del termine.

 

GIUSEPPE ZOLA

Fonte: informatore.eu

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni il precursore – Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 22, 34-40 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   L’imperativo dell’amore percorre come un filo rosso le letture di questa V domenica dopo il Martirio di S....

26^ Domenica del Tempo Ordinario

26^ Domenica del tempo ordinario - Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 21, 28-31 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Un uomo aveva due figli… Sono due i modi in cui possiamo rispondere a Dio: con il sì, oppure con il no. La parabola che abbiamo ascoltato...

La terra va contemplata e protetta

Francesco prosegue il ciclo di catechesi nel periodo di pandemia riaffermando che “chi vive per sfruttare la natura, finisce per sfruttare la gente”, mentre compito di tutti è custodire il creato “per dare un futuro alle nuove generazioni” Di Adriana Masotti  ...

Le FMA vicine al popolo libanese

Le FMA e le Comunità Educanti dell’Ispettoria del Medio Oriente (MOR) sono vicine alla popolazione libanese colpita dalle esplosioni al porto di Beirut.   (Libano). Il 4 agosto 2020 la zona portuale di Beirut è stata colpita da più esplosioni che hanno distrutto...

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi